Nuova proposta tra i war-game approdati su piattaforma iOS, Wars And Battles nasconde, al di là di un titolo apparentemente banale, un gameplay strutturato su diverse rievocazioni di storiche battaglie realmente avvenute, dandoci la possibilità di determinarne l’esito da zero.

wars and battles

Wars And Battles, i più grandi conflitti mondiali su iOS

La storia dei videogames fondati su un gameplay a mappe esagonali ha subito fortune alterne, come insegnato dalle diverse transizioni di questo approccio al gioco, ora rielaborato in chiave tattico/strategica, ora in chiave RPG. Wars And Battles dimostra comunque di saper fare un più che discreto utilizzo di questo metodo, confezionando un titolo per iOS in grado di intrattenere grazie ad uno sfondo bellico storico che ci mostrerà quanto sia semplice modificare le sorti delle grandi battaglie del passato. La maggior parte dell’attenzione dei giocatori verrà probabilmente catturata da una delle opzioni principali, ovvero la possibilità di rivivere lo sbarco in Normandia del 1944; oltre ai conflitti più popolari va comunque ricordato che l’engine del gioco è studiato per proporre battaglie in periodi storici e settings differenti, per cercare una eterogeneità nuova tra i titoli di guerra per iOS. Non mancano, infatti, rievocazioni di eventi sconosciuti ai più ma comunque attraenti sotto il profilo strategico, come la guerra coreana del 1950, oppure la battaglia dei 3 imperatori milleottocentesca.

La modalità Campaign del gioco ci mette inoltre a disposizione una moltitudine di scenari, informazioni e background della storia affrontata, tutte da leggere ed apprendere alla perfezione per ottenere il massimo dallo scorcio di conflitto in questione. Tra descrizioni storiche puntuali e resoconti sulle unità in campo di gioco, possiamo inoltre esplorare un’interfaccia sobria ma curata ove serve, con modelli tridimensionali in grado di sovrapporsi ottimamente su un’interfaccia bidimensionale, in grado di offrire più dettaglio alle mappe, nello spazio ristretto rappresentabile da un iPhone. Nulla da obiettare, inoltre, sulle capacità dell’AI nemica, ovvero una CPU che si dimostra interessante ed ostica da affrontare; in grado di compiere le scelte più complesse contro cui schierare la forza dirompente della nostra strategia. Non manca inoltre, tra le componenti strategiche, la necessità di prestare attenzione alle condizioni atmosferiche, gli eventuali supporti e lo status delle unità di battaglia.

Un titolo dotato, dunque, di una natura profondamente onnicomprensiva in termini di battaglie realmente avvenute e rievocate, in grado di offrire ampia libertà di movimento e scelta, offrendoci uno strategico degno del proprio nome, anche se ufficialmente a tutti gli effetti “anonimo”. Voto Finale: 8