Negli ultimi mesi si parla tanto di dispositivi Smart Home come Google Home e Alexa. Mai come in questo ultimo periodo, la tecnologia sembra prendere il sopravvento sulla nostra vita quotidiana, coinvolgendo anche gli aspetti che finora non la riguardavano.

In realtà, a parte il parlarne molto, gli utenti conoscono ancora ben poco su questo tema: in questo articolo approfondiremo alcune tra le domande e i dubbi più comuni riguardo l’utilizzo di dispositivi Smart Home.

Smart Home: dubbi e vantaggi

Se gli smartphone hanno di fatto rivoluzionato la nostra vita, i dispositivi Smart Home promettono di farlo ancora di più.

Al di là della naturale diffidenza verso una tecnologia dal sapore così fantascientifico, vanno analizzati i vantaggi implicati al suo utilizzo. I sistemi utilizzati per una casa intelligente, possono aiutarti nella vita quotidiana, anche nelle cose più semplici.

Per esempio, puoi alzare o abbassare la temperatura del riscaldamento, accendere il forno e altre piccole operazioni che, fino a qualche tempo fa, si sarebbero trovate facilmente in qualche film di fantascienza.

Privacy e sicurezza

Chi è scettico sulla filosofia Smart Home, vede nel principale cavallo di battaglia il fattore privacy. A dir la verità, non ha tutti i torti!

I dispositivi utilizzati per rendere le case intelligenti raccolgono un gran numero di dati sugli abitanti e sulle loro abitudini. Informazioni che, non tutti sanno, vengono molto spesso girate ai brand. Anche se questi dati sono teoricamente anonimi, risulta inquietante come potenzialmente, utilizzando questa tecnologia si può essere controllati praticamente 24 ore su 24.

Va chiarito che, i prodotti più diffusi sul mercato, includono alcune funzioni per la tutela della privacy. Naturalmente queste sono ben nascoste e, di default, disabilitate.

Pericolo hacker

Ebbene si, altro grande difetto riguarda la sicurezza da incursioni di hacker. Come tutti i device tecnologici, anche i dispositivi di Google e Amazon per le Smart Home sono teoricamente soggetti ad attacchi.

Brand e compatibilità

Chi intende introdurre questa nuova tecnologia nella propria abitazione, è bene che sappia come trovare la totale compatibilità è impossibile. I tre colossi che si spartiscono questo mercato (Amazon, Apple e Google) tendono a tenersi rispettivamente a debita distanza.

Proprio per questo motivo, è consigliato concentrarsi su un unico marchio dei tre per poter non avere nessun tipo di timore riguardo la compatibilità con dispositivi mobile o simili.

Sistema offline o blackout: cosa succede?

Un’altra domanda che si fanno molte persone incuriosite ma un po’ timorose di tutto ciò che è Smart Home, riguarda eventuali down della linea internet o blackout.

Si tratta di una domanda più che lecita a cui, ogni brand e dispositivo specifico, reagisce in maniera diversa. In alcuni casi esistono delle impostazioni per ottenere un backup e il mantenimento delle funzioni anche senza una linea internet, ma a grandi linee conviene informarsi accuratamente in fase di acquisto per ogni singolo device.

Informarsi prima di acquistare, a prescindere dal discorso legato a blackout e linea internet non funzionante, è comunque sempre una buona idea.

I vantaggi di una casa smart

Finora abbia parlato di dubbi e paure, ma la tecnologia Smart Home promette anche grandi vantaggi. Nonostante l’investimento iniziale con il dispositivo e con altri device compatibili, sul medio periodo si potrebbero risparmiare, gestendo luci, riscaldamento e altri fattori a distanza o con precisi timer.

In un futuro non troppo lontano, sarà possibile gestire molte funzioni della casa direttamente dal proprio ufficio o mentre si sta facendo spesa, risparmiando tempo e denaro.

Una tecnologia ancora in fase di rodaggio

Seppur l’idea è stimolante, va chiarito come i dispositivi per una casa intelligente attualmente sul mercato siano ancora piuttosto “grezzi” sotto alcuni punti di vista. Come ogni tecnologia rivoluzionaria, il suo avvio è difficoltoso e, molto probabilmente, l’inizio sarà caratterizzato da qualche bug o problema.

Affidandosi ai grandi brand comunque, non dovrebbero esserci grossi problemi: patch e correzioni varie dovrebbero infatti essere piuttosto frequenti e l’assistenza non mancherà sicuramente.