AppleGuide

Come trasferire file e foto da iPhone a PC e viceversa

Esistono molti strumenti al mondo che possono aiutarti a trasferire qualsiasi tipo di file da iPhone a PC con semplicità. Il migliore di tutti però potrebbe essere proprio quello che stiamo per suggerirti.

Uno dei motivi per cui tutti molti di noi utilizziamo un iPhone nella vita di tutti i giorni è che è super funzionale: sembra quasi di avere un computer sempre a portata di mano, e letteralmente sul palmo della nostra mano. Gli iPhone sono costituiti con dei componenti elettronici avanzati che ci permettono di fare fotografie e video ad alta definizione, scrivere e creare file di vario genere, salvare ogni tipo di contenuto, persino quelli molto pesant. iIl problema è che nessun telefono mobile ha la memoria con la stessa capienza di un PC.

A un certo punto, nel riempirlo troppo, potremmo rischiare di danneggiare il sistema o limitarne pesantemente le prestazioni. E le SD di memoria esterna costano una barca enorme di soldi, non sempre il gioco vale la candela. La cosa più conveniente che potrai fare, in questi casi, è sicuramente quella di spostare tutti quanti i tuoi file da iPhone a PC.

da iPhone a pc

Sono essenzialmente due i motivi principali per i quali vale davvero la pena spostare tutti quanti i tuoi file pesanti (o quantomeno quelli con maggiore importanza) immediatamente su un altro dispositivo, per non lasciarli eternamente nel tuo iPhone:

  • Non intasare la memoria del telefono affinché possa continuare a funzionare nel migliore dei modi
  • Salvare (e dunque custodire ancora meglio) i file ai quali tieni, in maniera che tu non li possa mai perdere

Al giorno d’oggi è molto facile perdere le cose a cui teniamo. Questo perché, per quanto avanzati, i dispositivi mobili che usiamo quotidianamente sono progettati in maniera tale da non durare per sempre (chi ci guadagnerebbe, sennò?). Il rischio è quello di rompere il telefono, perderlo per quanto è piccolo o addirittura che ci venga rubato (alcuni smartphone, e in particolare gli iPhone, valgono moltissimi soldi). Ecco perché una persona saggia sposterebbe tutti i suoi dati, le immagini, le foto e i documenti vitali dentro a una cartella sul proprio personal computer.

Quando sincronizziamo due dispositivi tra loro e cominciamo così a trasferire i file dal primo al secondo, possiamo agire in molte maniere diverse. Fortunatamente la tecnologia va avanti, nel corso degli anni, o anche dei mesi, a passi da gigante. Il che vuol dire che quello che non ci era possibile fare ieri, ora lo possiamo compiere con estrema facilità, mentre il futuro ha ancora in serbo per noi l’apertura di porte e opportunità strabilianti.

Infatti, fino a ieri ci era impossibile immaginare un modo di trasferire tutti quanti i nostri file da iPhone a pc senza l’ausilio di strumenti hardware, come può esserlo per esempio il cavetto del telefono con la porta USB.  Eppure, non sempre l’avanzamento tecnologico vuol dire una veloce comprensione del mezzo e un utilizzo semplicissimo. Alcuni ci arrivano subito, mentre altri non vivono la stessa immediatezza nell’apprendere. Per questa ragione, a volte, c’è bisogno di una guida tecnica su come fare una cosa apparentemente semplice come quella del trasferimento di file.

I 2 metodi principali per il trasferimento da iPhone a PC: con cavo e senza cavo

trasferire file da iPhone con cavo

Come abbiamo appena scritto, ci sono quasi infiniti modi per spostare i tuoi file. Tutti quanti però rientrano in questi due macro sistemi:

  • Metodi con cavo
  • Metodi senza cavo

Obiettivamente, non possono esistere grosse difficoltà a trasferire o semplicemente copiare i file, dalla memoria del tuo iPhone all’hard-disk del computer, quando hai a disposizione direttamente il cavetto. Il cavo del telefono ti viene solitamente venduto insieme al dispositivo mobile e fa parte del kit insieme agli auricolari e al carica batterie. Grazie a questo strumento, dotato di accesso per porta USB, puoi inserirti nel sistema del pc abbastanza velocemente. Chiunque è in grado di farlo.

Ma se per qualsiasi strana ragione, non disponi di un cavetto (potresti averlo perso oppure rotto, o ancora non era compreso nel kit poiché hai acquistato l’iPhone di seconda mano), allora dovrai adoperarti seguendo delle soluzioni particolari. Se non hai un supporto hardware, devi trovarne uno software, questo è ovvio.

Ci sono svariate applicazioni che ti permettono di condividere file in rete, e i più comuni per gli Apple users sono Dropbox e iCloud. Da un po’ di tempo a questa parte, esiste anche FileApp, ossia un’app davvero pazzesca, realizzata appositamente per questo scopo.

Quale sistema di trasferimento dati è il migliore?

Esiste o non esiste un metodo che si potrebbe rivelare senza dubbio il migliore in qualsiasi occasione, per trasferire i propri file da iPhone a PC e viceversa? Non è detto che ci sia. Sebbene il rapporto con la tecnologia è qualcosa di soggettivo e non riguarda tutti allo stesso modo, sicuramente l’elemento che determina maggiormente se un’azione può risultare facile o meno è la disponibilità di strumenti. Se hai tutti gli strumenti che ti servono e questi sono anche semplici da utilizzare, allora ti ritroverai a fare qualsiasi cosa e penserai pure di essere parecchio bravo a farla. Se non hai gli strumenti giusti, tutto ti sembrerà incredibilmente complicato, se non addirittura impossibile.

Per quanto riguarda la scelta se utilizzare il metodo con cavo o senza cavo, la questione si riduce spesso alla domanda “possiedi il cavo USB del tuo iPhone?”. Perché se è così, fai sicuramente prima con quello.

La velocità, però, non è sempre sinonimo di facilità, né potrebbe risultare meglio, in base alle necessità individuali. Infatti, chi utilizza iCloud, per esempio, o un programma come quello di FileApp, potrebbe volerlo prediligere per avere una copia dei preziosi file anche in rete, in uno spazio, un luogo, sempre accessibile e molto semplice da raggiungere. Ma privato, dal momento che per entrare c’è bisogno dei tuoi dati utente e di una password.

Insomma, quello che ti consigliamo, se vuoi imparare a utilizzare al meglio i tuoi dispositivi, è quello di provare entrambe le soluzioni e scoprire da solo quale potrebbe essere la più confacente alla tua routine digitale. Se alla fine deciderai di optare per un’applicazione funzionale, a quel punto avrai di fronte altre due strade e dovrai operare un’ulteriore scelta, per capire quale percorrere.

AirDrop: il sistema migliore se vuoi trasferire i file tra due dispositivi Apple

Inizialmente AirDrop non era un sistema così avanzato come potrebbe apparirti oggi. Infatti, al momento del lancio da parte di Apple risultava piuttosto limitato e poco funzionale. Mentre oggi può darci tantissime soddisfazioni, grazie alle sue funzionalità all’avanguardia. Questo perché ne è stato sensibilmente migliorato il protocollo.

Da questo momento in avanti, ossia dal suo perfezionamento, AirDrop ha cominciato a essere utile. Per i primi tempi, solamente due dispositivi Apple e quindi con sistema operativo iOS potevano comunicare per trasmettersi reciprocamente file.

Sebbene siano stati effettuate delle migliorie, però, l’applicazione ha ancora molta strada da fare prima di diventare perfetta agli occhi degli utenti. Questo perché con AirDrop due dispositivi diversi fanno ancora parecchia fatica a connettersi tra loro e per una persona che ha iPhone ma usa un computer Windows il trasferimento dei file risulta addirittura impossibile.

FileApp: il sistema più adatto a spostare file da un dispositivo Apple a qualsiasi pc con altro OS

Nell’ultimo caso in questione (possessore i iPhone ma anche di pc non Mac), fortunatamente c’è un sistema ottimo da utilizzare per il passaggio dei file. Stiamo parlando di FileApp, un’applicazione incredibilmente funzionale e intuitiva, che chiunque può essere in grado di usare senza alcuna difficoltà.

Grazie a FileApp il tuo dispositivo iOS si trasforma essenzialmente in una specie di server. In questa maniera gestisce le operazioni con iOS, anche se stai spostando immagini in un pc con Windows. In questa maniera, dal momento che è il pc ad adeguarsi al tuo sistema, puoi fare tutto con tranquillità e senza intoppi.

Come configurare FileApp su un dispositivo iOs

Un passaggio importante prima di iniziare a trasferire un file è sicuramente quello di riuscire, senza fare errori, a installare e configurare File App sul proprio dispositivo iOs. Ovviamente il primo step da fare è quello di scaricare FileApp dallo store Apple e aprire l’app: ricordati che questo non è lo strumento che si occupa dei file sul cloud o sul telefono ma lo devi immaginare come un intermediario, nel senso che prima di iniziare a trasferire tutti i file che vuoi da iPhone a Pc dovrai importarli su questa app.

Può essere una scocciatura ma sei obbligato a fare questa operazione ma una volta che hai installato FileApp potrai iniziare a importare qualunque file sul tuo dispositivo. Per procedere dovrai andare in alto a destra dell’app che hai scaricato e cliccare sul segno più: sarà proprio in questo punto che potrai fare tante cose e cioè incollare file, creare quante cartelle vuoi e anche importare foto dalla fotocamera.

Molto importante in tal senso è anche l’icona “Importa” perché ti consente di fare tante operazioni utili e cioè scaricare sul tuo iPhone tutti i file che hai condiviso nel tuo pc e puoi anche importare qualsiasi altro file in FileApp.

A questo punto se hai deciso che è il momento di passare alla condivisione non dovrai fare altro che andare nell’icona in alto a destra e aprire il menù principale di FileApp e cliccare nel tasto condivisione file, per andare appunto ad abilitare questa funzione.

In ogni caso considera che puoi trasferire file da iPhone a pc e viceversa in diversi modi: dovrai analizzarli tutti e capire qual è il migliore e che dipenderà dal file che devi trasferire e soprattutto da dove devi farlo. Ora vedremo insieme quelli più importanti.

Come trasferire i file da iPhone a PC usando l’app iMazing

Questa app viene usata da alcune persone anche se non può essere considerata l’opzione migliore: la puoi trovare menzionata e nominata all’interno della sezione file condivisione di FileApp.

Il problema principale di chi ha usato questa app è che non sempre è riuscito a trovare il loro iPhone tramite la rete wireless, nonostante magari ci abbia provato sia tramite Windows 10 che tramite macOS.

Anche quando hanno provato a verificare che il computer e il telefono fossero sulla stessa rete non hanno avuto successo. In ogni caso puoi considerare valida questa opzione nel caso in cui stai collegando il tuo iPhone al tuo pc ma di sicuro ci sono delle alternative migliori.

Trasferire file da iPhone a pc tramite browser: è la scelta migliore?

Difficile rispondere a questa domanda nel senso che non vogliamo rischiare di essere troppo drastici in quanto ognuno devo trovare la modalità che preferisce ma di sicuro trasferire file usando un browser è uno dei modi più semplici e alla portata di tutti.

Diciamo che è la soluzione più facile perché a prescindere dal pc tutti usano un browser per navigare su Internet. L’unica cosa che dovrai fare è andare a digitare l’indirizzo IP che trovi facilmente nel menu Condivisione file di FileApp.

Nel momento in cui ti sarà richiesto dovrai inserire semplicemente il tuo username e la password e il gioco sarà fatto. Un problema per chi opterà per questa soluzione è che si potrà usare solo un browser per caricare file su un iPhone o un iPad: quindi per scaricare file bisognerà trovare un’altra alternativa.

Questo è un limite che è sempre risultato un po’ strano per gli esperti che si aspettavano che gli sviluppatori di FileApp avrebbero implementato più browser.

Usare FTP per trasferire file: come fare nello specifico?

Se leggerai la descrizione della connessione tramite FTP potresti molto facilmente scoraggiarti perché c è scritto opzione per utenti avanzati , ma in realtà non è proprio così.

Certo devi seguire una serie di step ma con attenzione e precisione non è un’impresa impossibile.

Come prima cosa ovviamente bisogno di un’app FTP e dovresti usare anche cyberduck che per fortuna è sia disponibile per Windows che per macOS.

A questo punto dovrai aprire il tuo client FTP preferito e metti l’indirizzo IP che trovi abbastanza agilmente nell’elenco del menù condivisione file di FileApp. Ricordati di inserire la porta a cui dovrei connetterti: questo perché FileApp utilizza la porta 2121 invece della porta predefinita 21.

Poi chiaramente dovrai mettere il tuo nome utente e password e il programma potrebbe avvisarti che la tua connessione non è sicura ma è ovvio che se stai usando quella domestica non dovresti avere problemi o correre rischi ma comunque la prudenza non è mai troppa in questi casi.

Nel momento in cui sarai effettivamente connesso avrai la possibilità di vedere i file importati su Fileapp sul tuo dispositivo IOS: in alcuni casi potresti vedere anche i tuoi file sul tuo computer,(li dovresti vedere a sinistra). Invece i file presenti in FileApp li puoi trovare sulla destra e ricorda infine che FTP ti permetterà sia di caricare che di scaricare file sul tuo dispositivo IOS.

Questi sono i vantaggi principali di FileApp ma è chiaro che non per tutti è indispensabile: chi non sposta di continuo i file potrà farne tranquillamente a meno.

Potrebbero interessarti
AppleEditorialeNews

Smartphone venduti senza caricabatterie: cosa c'è dietro?

AppleMacNews

Apple presenta i nuovi MacBook Pro 14'' e 16'': ufficiali anche gli AirPods 3

AndroidAppleMacNewsSmartphone

Apple, Google, Samsung: tre eventi in tre giorni, tantissime novità

App androidApp iOSGuideGuide

Non riesci ad aprire immagini e video su WhatsApp? Ecco come risolvere