Casa nuova, TV nuova. Avendo recentemente cambiato casa ne ho approfittato per cambiare televisione e passare finalmente da uno schermo da 22” ad uno più godibile da 43”. Dopo una ricerca lunga un mese valutando diverse opzioni di diversi produttori alla fine mi sono deciso per una Sony Bravia KDL-43 W756C Android TV.

Android TV

Recensione della TV Android Sony Bravia KDL-43 W756C

Premesse

Questa recensione può valere benissimo anche per le altre varianti del modello da 50” e 55” (cambia solo la dimensione) e in parte per la recensione del modello W805C che è la versione con funzione 3D dello stesso televisore (ovviamente la recensione manca della recensione del comparto 3D).

Perché ho scelto questo modello? Cercavo un televisore che:

  • fosse performante per il gaming da console e potenzialmente anche da console pc (tipo AlienWare o ROG RG8, visto che in futuro vorrei prenderne uno);
  • avesse Android TV perché ero curioso di vedere come fosse questo prodotto di Google che non avevo ancora potuto provare.

Inizialmente ho valutato anche modelli 3D e 4K ma li ho successivamente scartati per due ragioni: il 3D (che era presente nelle TV a casa dei miei genitori) non l’ho mai sfruttato in passato, quindi mi sembrava una spesa inutile in più; il 4k ha un pessimo risultato per l’utilizzo con console, ricevendo un segnale HD e dovendolo poi convertire in formato 4K il risultato è un aumento dell’input lag (per chi non fa gaming è una cosa irrilevante, per chi usa la tv come schermo per una console questo è estremamente fastidioso), senza contare che i contenuti 4k al momento sono ancora pochi per la spesa di uno schermo di quel tipo.

Quindi cercando una TV principalmente per gaming mi sono orientato su Sony che, secondo molti siti specializzati, presenta un input lag più basso rispetto alla concorrenza. Tra i modelli Sony ho selezionato i modelli no-3D e no-4K più recenti con Android TV e il campo si è ristretto fino al W75C (W756C è il colore silver, mentre il W755C è il colore nero).

Sony KDL 43″ W756 C attualmente si trova intorno ai 650€ su eprice (finora quello con il prezzo più basso per le TV Sony), sconsiglio Amazon perché a differenza di Amazon UK (dove l’ho preso io) non è in collaborazione con Sony, quindi non si trovano televisori con la formula Prime e a prezzi vantaggiosi.

Premesse a parte entriamo nel vivo della recensione.

Design: 8,5

Sicuramente due punti di forza di questo televisore sono le dimensioni ridotte all’essenziale e il design pulito che reduce al minimo indispensabile lo spazio occupato, cosa da non sottovalutare per un televisore con uno schermo largo quasi un metro.
La cornice attorno allo schermo è di solo un centimetro, praticamente invisibile. Lo spessore dello schermo è di un centimetre e mezzo, ma nella parte in cui ci sono le porte USB e HDMI si allarga fino a 7cm. A differenza dei Samsung o LG che “spalmano” l’hardware sulla superfice dello schermo mantendendo il profilo dello stesso di forma regolare, Sony preferisce concentrare l’hardware sulla metà inferior del televisore, risultando in un poco apprezzabile, esteticamente parlando, effetto “scatola appesa ad un muro”.

C’è da dire che il profilo conta poco nell’estetica di un televisore visto che è l’ultimo dei pensieri per un acquisto però per gli esteti di alto livello non è da sottovalutare come caratteristica.

android tv

Immagine 8

Cosa c’è più importante della qualità dell’immagine in un televisore? Beh penso nulla, tutte le altre cose in un modo o nell’altro possono essere riprodotte da device anche esterni alla TV (audio, funzioni aggiuntive, smart tv, app, streaming e via così) ma l’immagine, quella no non si può migliorare con l’aiuto di altri dispositivi quindi deve essere il fulcro di una televisione. Com’è l’immagine su Sony Bravia? In due parole: fluida e nitida. Ad aiutare in questo Sony ha aggiunto delle impostazioni per migliorare i colori, il contrasto e la luminosità a seconda di cosa si sta guardando e a seconda della fonte da cui proviene l’immagine da riprodurre, infatti solo per le immagini provenienti da HDMI è possibile impostare un frame rate stabile a 24fps per enfatizzare l’effetto cinematografico nei film che andremo a vedere su questo televisore.

Se devo trovare un neo a questo schermo devo dire che in confronto agli schermi Samsung manca di profondità di immagine, o meglio i televisori Samsung riescono a rendere meglio la profondità di immagine e di colori rispetto a Sony, che di contro presenta però un immagine più realistica e dettagliata, senza, però, quell’effetto “Wow!” che possono creare altri televisori.

Audio 7

L’audio per essere di una televisione a schermo piatto è di pregevole qualità, grazie a delle casse poste sul retro del televisore che sono di profondità sufficiente ad emettere dei buoni bassi. Sono inoltre incluse numerose impostazioni, come quella per migliorare la qualità delle voci in un film rendendole più chiare rispetto agli altri suoni, oppure diverse equalizzazioni per valorizzare il tipo di intrattenimento di cui si sta facendo visione, per esempio film drammatico, commedia, concerto, video musicale o videogioco. Unione tra delle casse profonde e le equalizzazioni presenti nella TV porta ad risultato finale è soddisfacente anche se il fatto che le casse sono sul retro e “sparano” il suono verso il retro del televisore comporta che se avete la TV in centro alla stanza o sul muro che dà verso i vostri vicini, è probabile che voi sentirete ad un volume inferiore a chi sta dietro il televisore, che non mancherà di farvelo notare.

Per migliorare il risultato e sfruttare al massimo le impostazioni audio della TV io vi consiglio di abbinare lo schermo ad una sound bar (io per esempio l’ho abbinato ad una Yamaha YSP-2500).

Android TV 5

In passato non siamo stati abituati a sentir parlare di sistemi operativi per i televisori. Si accendeva la TV si sceglieva il canale e finita lì, con tempo di accensione qualche secondo (se andava male) e tempo di zapping istantaneo. Purtroppo/per fortuna quell tipo di tv e quel modo di vivere la tv sta piano piano sparendo e al suo posto stanno arrivando TV con sistema operativo e homepage. E qui arriva il bello di questa tv ma anche il lato a mio avviso più negativo di tutti.
Più si cerca di fare una tv smart più le tv sembrano essere stupide. Potenzialmente Android TV ha da meravigliare trasformando uno schermo da 43” in un enorme tablet senza touch screen, ma il risultato reale è purtroppo ancora molto deludente. La prima volta che si accende la TV tra aggiornamento e impostazioni iniziali si perde un ora o giù di li, cambiare funzione (in particolare da e verso la funzione TV) impianta la tv a volte anche per più di 30 secondi nei quali la funzione precedente continua ad andare come se non sia fatto nulla. Altre volte non si capisce se il telecomando non ha inviato il segnale o se la TV stia elaborando le risposte a domande esistenziali per passare da HDMI a TV.
In più per passare da un canale all’altro ci vogliono dei buoni 2-3 secondi che se volete fare uno zapping per vedere cosa c’è in TV ci perdete la serata (per fortuna che utilizzo YouView). Android TV è molto meno personalizzabile ed intuitiva di uno smartphone e tende a bloccarsi e a crashare con una “buona” frequenza di una volta alla settimana.

Quando crasha l’unico modo per risolvere la situazione è tenere premuto il pulsante spegnimento del telecomando per 10 sec finché non si spegne lo schermo e va in hard reset: ora preparatevi ad attendere dei buoni 15 minuti affinchè si riavvii (sempre che non si impalli in un loop di audio acceso schermo spento, nel tentativo di mandarla in hard reset). Per fortuna Android TV è in costante agigornamento e una volta al mese circa viene rilasciato un bug fix o una patch con nuove funzioni (meglio dei vecchi smart tv che non si aggiornavano praticamente mai): l’unico problema è che un aggiornamento ci mette quasi un ora a completarsi e purtroppo non si può impostare che si aggiorni in automaticamente quando la tv è spenta.

La mia esperienza su Android TV per ora è negativa soprattutto perché la Tv é lenta a fare la maggior parte delle azioni, in particolare la funzione TV che dovrebbe essere quella più rodata e reattiva ma in realtà risulta frustrante. Tanto potenziale ancora non ottimizzato al momento ma speriamo che gli aggiornamenti futuri migliorino l’esperienza per gli utenti.

Connettività 10

Le possibilità di collegare questa Android TV al resto del mondo sono impressionanti. Lo schermo è infatti equipaggiato con numerose porte fisiche (4HDMI, Component e Scart, 4USB, LAN, segnale out Ottico) e altre “porte” senza fili (Wifi e Bluetooth). Le numerose possibilità di connettere lo schermo con l’esterno consentono di utilizzarlo come schermo secondario per il computer o come mirror screen del proprio smartphone o tablet.
In particolare app integrate come YouTube e Netflix permettono di cominciare a vedere un video o puntata sul proprio tablet e con un semplice tocco sull’icona del televisore sul proprio device quello che stavamo vedendo partirà direttamente sul televisore e il proprio device diventerà il telecomando. Inoltre è possibile fare mirroring dei propri device, laptop incluso, grazie alla funzione CromeCast integrata  (anche se non riesco a collegare i miei Apple devices via AirPlay o semplice mirroring se non con le app presenti all’interno del televisore).

Come se non bastasse per i possessori di PlayStation 4 o anche solo di un controllo PS4, è possibile sincronizzare i controller con il televisore per giocare con i giochi disponibili per Android TV sul PlayStore, oppure per giocare ai giochi in streaming di PlayStation Now.

Android TV

Funzioni 10 (purtroppo la maggior parte non disponibili in Italia)

Grazie ad una connettività estesa e alle numerose applicazioni (sia pre installate che installabili) questa Android TV permette di non avere solo uno schermo ma anche una console, un browser e un tablet. Essendo una tv Sony questa W75C ha preinstallate numerose funzioni native di PlayStation, come la funzione Playstation Now che consente di giocare in streaming a numerosi giochi della precedente generazione di console (PlayStation 3) direttamente sul televisore senza avere una console collegata, unici requisiti sono una buona connessione (bastano 6Mbps) e un DualShock 4 (il joypad della PS4). Inoltre assieme a PS Now la tv include anche il PSN (lo store PlayStation) da cui si possono noleggiare o acquistare film da vedere in streaming in alta definizione, oppure vedere film già acquistati con PSN in passato (tramite console PlayStation).

Avendo come sistema operative Android TV, la tv presenta le app tipiche dei servizi Google in formato tv come YouTube, il PlayStore e il Browser (sviluppato però da terze parti: Opera) a cui si aggiungono le ormai diffuse app delle reti televisive tradizionali e online (vivendo in UK purtroppo posso testare solo le funzionalità UK che sono per forza di cosa differenti da quelle in Italia) e YouView (per ora non disponibile in italia), che consente di vedere puntate di serie tv o programmi televisivi che ci siamo persi nei giorni precedenti (fino a due giorni nel passato, se la rete televisiva li rende disponibili) facendo una sorta di funzione “MySky”, che però risulta totalmente gratuita e per i canali della TV digitale (YouView richiede la connessione ad internet).

Oltre alla TV tradizionale è presente già pre installato anche Netflix, che ha un tasto apposite sul telecomando per essere avviato direttamente (oltre a Netflix ci sono anche gli altri provider nazionali di tv online: in UK c’è anche Amazon Prime Video per esempio).

Telecomando 2

Diciamo che il telecomando non è certo la cosa più essenziale su cui si basa la scelta di una TV ma essendo il principale mezzo di controllo, mi sento in dovere rendervi edotti. Il suo uso è decisamente frustrante tanto che volevo dargli voto 1 ma prende un punto pieno in più per il fatto che ha il tasto Netflix che mi fa accedere al servizio senza passare per la home.
Per il resto il telecomando è lento, poco preciso e deve essere puntato verso il televisore senza ostacoli affinchè la TV riceva il segnale. Abituato ai telecomandi di Samsung che si possono puntare anche dalla parte opposta e hanno un tempo di risposta impercettibile qui siamo ad un esperienza che ci porta negli anni Ottanta. Non solo deludente ma anche frustrante.

Gaming 10

So che per molti non è una caratteristica essenziale quindi la tengo per ultima. Le prestazioni della televisione come schermo per console gaming sono decisamente ottime. La TV è dotata di impostazioni apposite per il gaming ed è sufficiente selezionare le impostazioni predefinite video e audio per il gaming per ottimizzare lo schermo e le casse in modo da garantire al giocatore un esperienza migliore con la propria console.
Non ho notato alcun problema di input lag come invece mi era capitato in passato su schermi Samsung e risulta molto fluido nella riprodiuzione a 60fps. Il fatto che abbia sia TV che console Sony permette che le due si interfaccino riconoscendosi, e nelle impostazioni tv è possibile far riconoscere la propria console come tale e far avviare lo schermo all’accensione della console (si può anche impostare che ciò non avvenga). Io la uso praticamente tutti i giorni con PS4 e devo dire che il risultato è quello che cercavo da una tv: definizione e reattività.

Conclusioni 8

Ottime e numerose le funzioni che solo Sony può fornire, come la possibilità di giocare a PS in streaming o vedere film su PSN. Ottimo schermo definito e fluido nell’immagine. Eccellente la prestazione per il gaming.
Tutto perfetto, nulla da lamentare fino a quando si usa una sola funzione: infatti come già detto in precdenza, se si passa ad usare la TV, o si vuole passare da una funzione/periferica qualsiasi a TV, inizia il calvario con attese di anche 30 secondi (se si premono pulsanti in sequenza la TV si impalla e quando si riprende spara tutti i comandi inviati uno in fila all’altro), per passare da un canale all’altro ci vogliono anche 3-4 secondim che sono un eternità: ottima invece YouView (disponibile solo in UK però) ma per caricare la guida ci vuole il suo tempo, nonché per muoversi tra i canali e i programmi.

Telocomando in dotazione penoso, consiglio di scaricarvi l’app e usare uno smartphone o tablet per comandare la TV (senza spendere soldi per un telecomando smart).

Consiglierei l’acquisto? Se siete gamer o lo volete comuqnue usare solo come schermo (per Netflix o contenuti smart TV) ve lo consiglio caldamente. Se guardate tanta tv live e/o il vosto interesse principale sono film da vedere in super definizione allora optate per altri televisori e altri produttori, come ad esempio Samsung. In ogni caso consiglio (come farei per qualsiasi televisore piatto) di corredare la TV ad una sound bar per un risultato audio migliore. Potete acquistare la splendida TV Sony Bravia  Amazon.

Enjoy!