AndroidNews

Smartwatch Forerunner 230, 235 e 630 presentati da Garmin

id470474

I 3 nuovi smartwatch presentati da Garmin facenti parte alla famiglia di indossabili Forerunner, sono stati realizzati per tutti gli appassionati di corsa e fitness.

I tre smartwatch sono stati chiamati rispettivamente Forerunner 230, 235 e 630, con il 235 munito con un nuovo sensore che rileva il battito cardiaco integrato nel cinturino, mentre per gli altri due occorrerrà una fascia toracica per poter avere una lettura dei battiti cardiaci.

Il costo previsto per Forerunner 235, sarà di $329, suporta il nuovo sensore Garmin Elevate che permetterà  al possessore di ottenere i dati che riguardano lasua frequenza cardiaca e la zona dove verrà effettuato l’ allenamento direttamente al proprio polso e, come per gli altri due, sarà possibile collegarlo via Bluetooth a uno smartphone attraverso l’applicazione Garmin Connect.

Forerunner 235 ha un’autonomia per quanto riguarda la batteria di circa di 11 ore, decisamente bassa rispetto agli altri due modelli, il motivo è dovuto  dal consumo maggiore dato dal sensore Garmin Elevate. Non poteva mancare anche la presenza di un sensore GPS e GLONASS per tracciare le sessioni di allenamento dello sportivo.

L’alternativa più economica rispetto al modello 235 è il Forerunner 230, integra le sue stesse funzioni, anche se è sprovvisto del sensore Garmin Elevate,  in questo caso l’autonomia passa a 16 ore e abbiamo un prezzo di $299. Infine il modello di punta Forerunner 630  anche se è sprovvisto di sensore per la lettura del battito e non troviamo neanche la fascia inclusa in bundle,  il prezzo è al quanto discutibile  $399. Se volete pote acquistare uno dei tre smatwatch presso il grande store amazon.

Potrebbero interessarti
AndroidNewsSmartphone

Snapdragon Tech Summit, ecco le date: la novità sarà Snapdragon 8 Gen2

AndroidNewsSmartphone

La fotocamera del Galaxy S23? Niente di esaltante (almeno per ora)

News

BLUETTI EP500Pro arriva sul mercato europeo

AppleMacNews

MacBook Pro M2, SSD più lenti rispetto al MacBook Pro M1