Servizio di ricerca di Windows: è una buona idea disattivarlo?

Seguici su Google News

Il servizio di ricerca di Windows è una parte del sistema operativo che spesso viene poco considerata. Sebbene semplice come meccanismi, può essere abbastanza importante per il corretto funzionamento del computer.

Perché alcune persone insistono nel disabilitare tale funzione? Quali sono i potenziali vantaggi rispetto a questa operazione ed è una rinuncia che si può fare davvero a cuor leggero?

In questo breve articolo approfondiremo queste domande, cercando di capire cos'è il servizio di ricerca e cosa comporta la sua disattivazione.

Windows

Perché dovresti disabilitare il servizio di ricerca di Windows?

Quando qualcuno si riferisce a questo tipo di operazione, parla di un potenziale aumento delle prestazioni dopo aver disabilitato il servizio in questione. In verità, come vedremo, c'è ben poca verità in questa affermazione.

Il servizio di ricerca di Windows non ha quasi alcun carico sulle prestazioni del computer, a meno che l'unità non sia particolarmente grande e con una quantità di dati enorme o di una macchina molto vecchia. In tal caso potresti optare per uno dei tanti software alternativi (come vedremo in seguito).

Se non utilizzi affatto il servizio di ricerca e, ad esempio, stai utilizzando un programma di ricerca alternativo, potresti trarre vantaggio da una disattivazione.

Come disabilitare il servizio di ricerca di Windows

Se vuoi interrompere il funzionamento del servizio di ricerca devi seguire questa procedura:

  • Inizia cercando Servizi nel menu Start di Windows;
  • Quando l'app si apre, sarai accolto da un elenco piuttosto ampio di servizi diversi: scorri verso il basso fino a trovare Ricerca di Windows;
  • Fai clic con il pulsante destro del mouse sul servizio e premi Proprietà;
  • Nella finestra successiva, premi Interrompi per fermare temporaneamente il servizio. Per interrompere definitivamente lo stesso, modifica il Tipo di avvio impostandolo su Disabilitato.

Le alternative di terze parti

Come già accennato, esistono dei veri e propri software esterni che svolgono lo stesso compito di indicizzazione rispetto al servizio di ricerca di Windows. Di seguito, ti proponiamo alcuni nomi interessanti in tal senso.

Everything

Il primo candidato allo scopo è l'app gratuita Everything. Stiamo parlando di uno strumento che occupa poche risorse ed è in grado di scansionare i file del computer con una velocità sorprendente.

Anche la ricerca dei suddetti file avviene in tempi record, mentre attraverso il language pack è possibile ottenere un'interfaccia interamente in lingua italiana. Di fatto, attualmente Everything è una delle migliori possibili alternative per il servizio di ricerca integrato nel sistema operativo.

SearchMyFiles

L'alternativa portable e ultra-compatta (si parla di soli 40 Kbyte) è SearchMyFiles.

L'app non necessita di installazione e, nonostante si tratti di un software basilare, permette un'indicizzazione file piuttosto apprezzabile, con tanto di funzioni sorprendentemente avanzate. Anche in questo caso stiamo parlando di un software totalmente gratuito.

Quick Search

Con Quick Search di GlasySoft torniamo su un software dall'interfaccia più accattivante, con la possibilità di indicizzare e ordinare la lunga lista di file individuati sul computer.

La leggerezza dell'app, la sua rapidità di lavoro e la grafica piacevole sono senza ombra di dubbio i suoi principali vantaggi.

Ovviamente questi tre programmi sono solo un piccolo assaggio: ne esistono tanti altri con caratteristiche simili che puoi facilmente individuare online.

Dovresti disabilitare il servizio di ricerca di Windows?

Probabilmente no. Questa componente del sistema operativo è maturo e in grado di gestire le sue prestazioni in base alle tue esigenze hardware.

Esistono scenari unici in cui potresti voler interrompere l'esecuzione di questo servizio, ma per l'utente medio questo dubbio non si pone. A meno che il servizio di ricerca di Windows non presenti dei particolari malfunzionamenti. In caso di una lentezza frustrante o di blocchi, la disattivazione può essere la soluzione più semplice.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech
Argomenti:

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2021 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram