Ho avuto la fortuna di poter usare il monitor curvo Asus ROG Strix XG32VQ per un paio di settimane come monitor principale durante le mie giornate lavorative e nel tempo libero. Ho cercato di sfruttare al meglio questi 32 pollici curvi per il lavoro e, soprattutto, per il gaming. Dopo un paio di settimane di test sono finalmente pronto a presentare la recensione di Asus ROG Strix XG32VQ: un gran bel monitor da 32 pollici curvo pensato e realizzato per i gamer.

La scelta di acquistare un monitor curvo va sempre attentamente valutata. Nel corso degli ultimi anni c’è stata una vera e propria esplosione del mercato di questa tipologia di prodotti, grazie alle ottime performance ed alla maggiore immersività sono sempre di più gli utenti che scelgono di acquistare questo tipo di monitor. Un display curvo è l’ideale per il gaming e per la fruizione di contenuti multimediali ma è meno adatto all’utilizzo in ambito lavorativo e professionale. Un monitor curvo riesce a trasmettere una profondità ed una immersione che un pannello a schermo piatto non riesce a dare.

Una delle aziende che si è specializzata maggiormente in questo settore è sicuramente Asus che, in particolare con la linea ROG (Republic of Gamers), è riuscita a creare una serie di monitor, e più in generale prodotti per il gaming, di qualità superiore alla media.
In questo articolo ti mostro la recensione completa del monitor Asus ROG Strix XG32VQ, un display per PC basato su di un pannello VA (Vertical Alignment) da 31,5 pollici con curvatura 1800R, risoluzione WQHD da 2560 x 1440 pixel e con rapporto 16:9. Scopriamone assieme tutti i dettagli.

Unboxing, confezione e contenuto

Asus ROG Strix XG32VQ

La bella scatola di questo display di Asus riporta al suo esterno design e caratteristiche principali del monitor. All suo interno si trova il monitor, ottimamente protetto, ed una buona serie di cavi ed accessori. Oltre all’alimentatore esterno, dalle dimensione di un caricabatterie per notebook, si trova una dotazione di cavi completa che comprende: cavo Display-miniDisplay, cavo USB 3.0 e cavo HDMI. All’interno della scatola ci sono anche una manuale ed un CD di supporto oltre a 3 differenti cover per la personalizzazione del LED posto sotto la base del monitor (figata pazzesca!).

Design, costruzione e caratteristiche tecniche

Asus ROG Strix XG32VQ

Questo monitor ha una qualità costruttiva semplicemente eccellente

Questo monitor ha una qualità costruttiva semplicemente eccellente con dettagli curati e ben rifiniti ed una ottima solidità generale.

La staffa posteriore che sorregge il monitor è fissata in maniera permanente al retro del dispositivo, questa scelta costruttiva permette il corretto funzionamento del LED personalizzabile posto al suo interno. Grazie alla staffa solida e ben costruita è possibile modificare a piacere altezza (0 ~ 100 mm), inclinazione (+ 20° -5°) e rotazione (+ 50° -50°) dello schermo. E’ possibile ottenere angolazioni importanti che permetteranno di ottenere la posizione ottimale in ogni situazione. Ottima anche la base di appoggio che risulta perfettamente solida ed in grado di mantenere perfettamente stabile lo schermo. Nonostante le dimensioni importanti del monitor, la coppia base e staffa funziona in maniera egregia e sono finemente realizzate dal punto di vista del design con dettagli rossi e la presenza del LED che risultano davvero piacevoli e assolutamente mai fuori luogo. Il LED posto sulla staffa proietta sulla scrivania un logo personalizzabile grazie all’utilizzo delle lenti fornite da Asus: 2 loghi da gaming o un semplice fascio di luce soffusa.

La scocca esterna del monitor è costruita interamente in solida plastica nera opaca. Ho apprezzato la scelta per le superfici opache, spesso mi sono ritrovato a testare ed utilizzare monitor fin troppo lucidi. Le cornici attorno al display hanno uno spessore minimo ed un ingombro ridotto. Sul retro del display, attorno all’attacco del braccio, trova posto una bella ghiera circolare di LED colorati ed una striatura tecnologica che dimostra l’attenzione nella realizzazione posta dai designer di Asus. Sul retro del device sono posizionate anche le porte di connessione, nascoste sotto uno sportello in plastica removibile che permette di mantenere nascosti ed in ordine i cavi. I cavi escono da un vano laterale e possono essere fatti passare attraverso un apposito foro nel montante. Nella parte sinistra (guardando il retro del display) trovano posto anche i controlli manuali composti da un joystick e 4 pulsanti di grandi dimensioni.

I LED presenti nella staffa e sul retro del monitor sono personalizzabili e possono essere gestiti tramite il pannello OSD ed il software Aura Sync di Asus. Il software per la sincronizzazione dei LED è sviluppato da Asus col fine di personalizzare e coordinare l’illuminazione di tutti i prodotti della serie ROG, se quindi hai altri device potrai coordinarne le colorazioni e l’illuminazione dei LED.

Il design è qualcosa di splendido, le linee moderne sono in puro stile gaming e la qualità costruttiva è eccezionale.

Asus ha optato per una curvatura bilanciata del display

Asus ha optato per una curvatura bilanciata del display. Il monitor ha un raggio di curva da 1800 mm, inferiore rispetto alla media dei monitor da gaming. Questa scelta mi ha convinto in quanto non accentua troppo la visione laterale, non distorce eccessivamente l’immagine e si combina perfettamente con il rapporto a 16:9. Sulla parte frontale è applicato uno strato antiriflesso che permette di utilizzare lo schermo senza fastidi, anche i situazioni di forte illuminazione o con lampade poste alle nostre spalle.

Configurazione e calibrazione

Asus ROG Strix XG32VQ gaming 5

Nella configurazione Asus ROG Strix XG32VQ mostra il suo animo da gaming

Nella fase di configurazione Asus ROG Strix XG32VQ mostra il suo animo da gaming. Il pannello OSD permette di attivare numerose modalità fra cui GamePlus. Quest’ultima consente di utilizzare reticoli di mira, timer e contatori di frame rate dedicata i gamer più incalliti ed appassionati.

Le modalità di immagine sono 8 e viene utilizzato di default il profilo “Racing” che risulta ben bilanciato. Potrai comunque creare un profilo personalizzato ed impostare a tua discrezioni i vari settaggi. Oltre alle classiche impostazioni è possibile attivare il filtro per la luce blu, ideale per chi sta molto al PC per non affaticare troppo gli occhi. Fra i vari menu del pannello OSD si possono impostare, anche in maniera avanzata, i profili relativi a colore, immagini, effetti di luce (pulsazione, respiro, intensità) ed altri. Il pannello è completo di ogni impostazione e sicuramente uno dei meglio realizzati e più avanzati che io abbia mai provato.

Display ed utilizzo

Asus ROG Strix XG32VQ mac os

WQHD e 16:9 sono perfetti insieme

Per realizzare le recensioni dei monitor e durante le fasi di test mi affido sempre alle mie impressioni ed ai risultati del mio utilizzo standard, preferisco evitare confronti di pura potenza tecnica e benchmark. Per provare al meglio questo monitor Asus ROG Strix XG32VQ l’ho utilizzato come monitor principale col mio PC fisso con Windows 10 e con il mio MacBook (so bene che gaming e Mac non vanno d’accordo) collegando entrambi con cavo HDMI, per il mio utilizzo quotidiano. Ho eseguito i vari test durante le varie ore della giornata alternando l’utilizzo di Office, tanto tanto web e, naturalmente, delle sessione di gaming spinte.

Il pannello di Strix XG32VQ è basato sulla tecnologia VA, Vertical Aligment, che permette di avere neri molto profondi ed un contrasto elevato. Il pannello ha una risoluzione WQHD 2560 x 1440 pixel ed un rapporto 16:9. La scelta di Asus per questo aspect ratio e questa risoluzione risulta intelligente e perfettamente bilanciata per il gaming. Con la risoluzione QHD è possibile ottenere immagini e video di altissima qualità, ma non essendo eccessivamente elevata è possibile mantenere sempre alto e stabile il frame rate. Con il rapporto 21:9 si aumenta lo spazio sul desktop ma si tende ad avere uno monitor decisamente allungato, questo Strix, invece, con i suoi 16:9 è perfettamente bilanciato in termini di altezza e larghezza e risulta il prodotto ideale per il gaming. Oltre a queste intelligenti scelte c’è da valorizzare l’ampio refresh rate a 144 Hz e la presenza del FreeSync fino a 48 Hz e della tecnologia Low Framerate Compensation che consentono di avere prestazioni eccellenti.

Il pannello VA riesce a raggiungere una luminosità massima dichiarata di 300 cd/m2, stando a quanto dichiarato da Asus, e vanta livelli di profondità del nero fra i migliori mai visti con un rapporto di contrasto impressionante di 3000:1 (la media è di circa 1000:1 sui pannelli IPS e TN). I colori sono ottimamente riprodotti con la modalità Racing, attiva di default, che permette di avere delle colorazioni sempre brillanti e realistiche. I colori mi hanno piacevolmente stupito per qualità e precisione. La gamma di colori raggiunta dal display è veramente ampia e si conferma essere uno dei migliori monitor del 2018 per il gaming.

Durante le sessioni di gaming con FreeSync sono rimasto colpito. Il monitor mantiene sempre alto il frame rate e ,grazie alla Low-Frequency Compensation, si ottengono video fluidi anche al di sotto del 30 FPS, al di sopra tutto scorre alla perfezione ed ogni movimento viene prodotto con naturalezza.

Nell’utilizzo lavorativo viene dato massimo risalto alla qualità delle immagini e dei colori. Qui, grazie alla ridotta curvatura, è possibile lavorare e navigare senza problemi e difficoltà, cosa non scontata per un monitor da gaming.

Connettività

Asus ROG Strix XG32VQ porte

Il reparto connessioni risulta completo e dotato di ogni tipologia di porta che potrete voler utilizzare. Sul retro trovano posto, oltre al classico Kensinton lock ed i tasti per l’OSD:

  • porta HDMI
  • porta DisplayPort
  • porta Mini DisplayPort 1.2
  • jack da 3,5 mm
  • 3 porte USB 3.0

Prezzo

Asus ROG Strix XG32VQ ha un prezzo di vendita che si aggira attorno ai 600 euro. Cifra che vi permetterà di avere fra le mani un ottimo 32 pollici curvo e con caratteristiche importanti fra cui refresh rate a 144 Hz e FreeSync. Il rapporto qualità prezzo è sicuramente bilanciato e rende questo monitor di Asus uno dei migliori display da gaming del 2018

Conclusioni Asus ROG Strix XG32VQ

Asus ROG Strix XG32VQ gaming 4

Con Asus ROG Strix XG32VQ è stato amore fin dal primo sguardo

Con Asus ROG Strix XG32VQ è stato amore fin dal primo sguardo. La qualità del pannello e delle immagini è spettacolare, sono presenti tutte le caratteristiche tecniche necessarie per giocare alla grande ed il design è semplicemente splendido. Certo, la risoluzione non arriva al 4k e manca qualche opzione ma il display funziona in maniera egregia e non posso che promuoverlo a pieno voti. Se stai cercando un monitor da gaming con una scheda tecnica completa, un’alta qualità delle immagini e basato su ottime tecnologie puoi acquistare a cuor leggero Asus ROG Strix XG32VQ.

Galleria fotografica

GIUDIZIO FINALE
Confezione
8
Design e costruzione
10
Display
9
Utilizzo
10
Connettività
7,5
Prezzo
7
SHARE
Articolo precedenteChromebook: 5 miti da sfatare
Articolo successivoCome fotografare un primo piano con iPhone X