I 5 produttori cinesi di smartphone da tenere d'occhio nel 2018

Seguici su Google News

Al di là delle preferenze personali di ognuno di noi,  si può sicuramente affermare che Huawei, OnePlus e Xiaomi siano tre brand cinesi ormai maturi, che possono competere con i colossi Apple e Samsung a viso aperto.

Un tempo, però, queste tre aziende erano sconosciute ai più e realizzavano prodotti più economici dalla qualità non lontana da quella attuale. Un esempio? Il primo OnePlus! Era uno smartphone dal rapporto qualità prezzo incredibile, degno successore dei Nexus di Google: solamente dopo diversi anni l'azienda è riuscita a realizzare prodotti migliori dell'1+1.

La Cina è una nazione in forte crescita, soprattutto in ambito tecnologico. Le storie di successo dei tre brand citati prima hanno sicuramente invogliato decine di realtà a seguire le loro orme e provare a conquistare quote rilevanti di mercato. Scopriamo quali sono le 5 più intere

Questo articolo in breve

Blackview

blackview bv900 pro smartphone super resistente

Fondata a Hong Kong nel 2013, Blackview si differenzia dagli altri smartphone nella lista per via dei suoi smartphone dalla scocca rinforzata. Pur essendo un brand cinese giovane e poco conosciuto, è possibile trovare i loro smartphone in molti paesi. Tra questi c'è anche l'Italia, oltre a Regno Unito, Grecia, Spagna, Russia e Sud Africa.

Il cavallo di battaglia dell'azienda è il BV9000 Pro. Questo dispositivo ha al suo interno 6 GB di RAM, SoC Helio P25, display da 5.7 pollici con risoluzione 2160 x 1080 pixel e una batteria da 4180 mAh. Completano la dotazione certificazione IP 68 per la resistenza a polvere e sabbia e le fotocamere posteriori e anteriore da 13 megapixel e 5 megapixel rispettivamente. Il prezzo di vendita è intorno ai 330 dollari.

Blackview ha anche presentato l'A20. Si tratta di uno smartphone da 60 dollari che utilizza l'ottimizzato Android Go come sistema operativo. Le sue caratteristiche? 1 Gb di RAM, 8 GB di memoria estensibile, batteria da 3000 mAh: nulla di trascendentale ma adatto per la stragrande maggioranza degli utenti.

Bluboo

Bluboo è in affari dal 2006 ma negli ultimi anni il volume d'affari sta crescendo. Perchè è famosa questa azienda? Per aver realizzato smartphone che assomigliano molto ai top di gamma: date un'occhiata all'S8 Plus (Samsung) e il D5 Pro (Xiaomi).

L'ultimo smartphone presentato pare aver raggiunto un grado di maturità più che buono. Bluboo S3 è dotato di due fotocamere posteriori

L'ultimo smartphone presentato pare aver raggiunto un grado di maturità più che buono. Bluboo S3 è dotato di display Full HD+ da 6 pollici, 64 GB di storage, due fotocamere posteriori da 21 MP e 5 MP e una anteriore da 13 MP. Completano la dotazione il lettore di impronte digitali posteriore, la porta USB Type-C e l’NFC. Il pezzo forte? La batteria da ben 8 500 mAh! L’autonomia non sarà certo un problema su questo device: chissà se raggiungerà i 5 giorni lavorativi…

Per un costo inferiore ai 200 dollari un tentativo potrebbe anche meritarlo, che dite?

Doogee

La soluzione adottata nel Doogee Mix 4 per non avere il notch

Doogee è un’azienda che dichiara di essere stata creata in Spagna, sebbene il nome "Shenzhen Doogee Hengtong Technology Co. Ltd." lascia chiaramente trasparire le origini cinesi.

Il Doogee Mix 4 ha fatto molto parlare di sè per la soluzione in ambito notch. La fotocamera anteriore e lo speaker anteriore sono normalmente nascosti. Per utilizzarli è necessario far scorrere l’apposito slider presente nella scocca del telefono.

L’ultimo smartphone presentato è il BL9000, che ha chipset Helio P23, 6 GB di RAM, 64 GB di storage, USB Type-C, batteria da 9 000 mAh e ricarica wireless.

Hisense

Hisense è un'azienda cinese che in ambito televisivo si è affermata da diversi anni. Visto il giro d'affari del settore telefonico, la compagnia ha deciso di buttarsi in questo mondo. Il giro d'affari non riguarda solamente la Cina: i dispositivi vengono venduti anche in Egitto, Francia, Italia, Regno Unito, Spagna e Sud Africa.

La strategia dell'azienda è originale. L'obiettivo non è quello di andare all'assalto della fascia alta: il mercato di riferimento è quello della fascia media, dove c'è probabilmente maggiore competizione. Risulta, però, la fascia in cui è più facile distinguersi, mantenendo comunque una discreta marginalità: HiSense vuole conquistare gli utenti proponendo nei propri smartphone funzionalità di "lusso" come la resistenza all'acqua.

Ulefone

ulefone t2 pro è il primo smartphone ad avere lettore di impronte digitali nel display

L'ultimo brand del quale vogliamo parlarvi è Ulefone. Anche in questo caso la strategia adottata dall'azienda è chiara: creare smartphone pensati per la fascia bassa e media del mercato. Nel corso degli anni ci sono state anche copie di smartphone più famosi, come nel caso di Ulefone Mix e Ulefone Mix 2

Il top di gamma è al momento Ulefone Power 5. Questo smartphone, acquistabile pagando poco meno di 350 dollari, ha chipset Helio P23, batteria da 13 000 mAh, doppie fotocamere anteriori (13 MP e 5 MP) e posteriori (21 MP e 5 MP).

Dopo Power 5 ci sono stati altri dispositivi degni di nota? Assolutamente sì! Al MWC 2018sono stati presentati gli smartphone T2 e T2 Pro, caratterizzati da chipset Helio P70 e l'innovativo lettore digitale di impronte incastonato nel display.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2021 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram