Internet

Perché dovresti archiviare i post dei social network

archiviare post social

I social network sono un ottimo modo per rimanere in contatto con amici, familiari o ex compagni di classe ma anche per fare nuove conoscenze. La maggior parte degli utenti che hanno un profilo sui social amano condividere post, foto e momenti importanti della vita. Tuttavia questo non significa che un utente debba lasciare tutti i contenuti condivisi online per sempre. Anzi, in pochi sanno che sarebbe buona prassi archiviare regolarmente i vecchi post.

Archiviare i vecchi contenuti, infatti, può sembrare un’attività noiosa oltre che inutile ma, in realtà, è qualcosa che può risultare utile per la tua privacy. In questo articolo ti spieghiamo non solo perché è importante archiviare i post ma anche come è possibile farlo in un modo semplice e rapido.

archiviare post social

Proteggi la tua identità

Pensa a tutte le cose che pubblichi sui social media come Instagram, Facebook, Twitter o TikTok: foto e video dei tuoi figli, momenti importanti della tua vita come la laurea o il matrimonio, immagini della nuova auto o delle vacanze in famiglia. Insomma, nei social in molti condividono i loro eventi più significativi.

Se sei una persona che pubblica molte informazioni è importante ricordare che più a lungo rimani sulla rete, più informazioni possono essere raccolte su di te. Con abbastanza tempo e attenzione chiunque potrebbe imparare quasi tutto ciò che vuole sulla tua vita, specialmente se pubblichi notizie quotidianamente su quello che fai. Per questo potrebbe essere facile essere vittime di un furto d’identità o di stalker.

Infatti, quando condividi un post o una foto pensi di condividerlo solo con amici e i familiari e ti dimentichi di tutti quei siti, quelle app o quei servizi a cui accedi con le tue credenziali di Facebook o Twitter. Queste applicazioni hanno accesso a tutti i tuoi dati e alle informazioni e il caso Cambridge Analytica ha ben evidenziato quanto i dati degli utenti siano essenziali per il business di molte imprese. Se il tuo profilo è pubblico rendi tutti i tuoi dati facilmente accessibili, ma questo è possibile anche con i profili privati. Pensa alle cose che hai condiviso cinque o dieci anni fa e poi pensa a quanti nuovi “amici” o follower ti sei fatto da allora, la tua cerchia di amici si sarà sicuramente allargata e queste nuove persone hanno accesso a tutte le tue informazioni. E a chi non è mai capitato di accettare come amico o follower l’amico di un amico che in realtà non conosciamo bene?

archiviare post

Cosa succede se archivi o elimini automaticamente i post più vecchi di sei mesi o un anno? Improvvisamente, avrai molti meno dati condivisi nel web e molte meno informazioni su chi sei, sui dettagli della tua vita e sulle tue abitudini.

Proteggi il tuo futuro

Il furto di identità, gli stalker o la condivisione di informazioni personali a soggetti non autorizzati non sono le uniche cose di cui preoccuparsi. Abbiamo tutti quanti sentito di persone che sono state licenziate o hanno perso un’opportunità per dei tweet condivisi anni fa, indipendentemente dal fatto che all’epoca fossero o meno argomenti controversi. Ad esempio, supponiamo che tu cinque o sei anni fa abbia scritto un post su quanto apprezzavi e ammiravi un certo attore o un atleta. Poi vengono fuori cattive notizie su questa persona, la quale si dimostra diversa da quello che tutti pensavano, così tu ti ritrovi in una posizione difficile per qualcosa che hai detto molti anni fa e che, molto probabilmente, ti eri anche dimenticato.

Questa situazione può sembrare inverosimile ma è più comune di quanto pensi e questo è solo un esempio molto generico. Si potrebbero portare esempi più specifici e concreti, ma sono sicuro che hai già capito il punto: le cose che condividi oggi potrebbero crearti un danno tra qualche anno. Ecco perché il consiglio è quello di archiviare tutti i post che hanno sei mesi o più. In molti non si preoccupano di quello che condividono: semplicemente se pensano qualcosa la scrivono sui social, ma una leggerezza o uno scherzo di oggi potrebbe costarti il posto di ​​lavoro domani.

Spesso i datori di lavoro controllano i canali social dei candidati per vedere che tipo di persona sono. Ripulendo i tuoi vecchi post, puoi sempre essere sicuro che nulla di ciò che hai detto potrà comprometterti in seguito. Dicono che una volta che qualcosa viene pubblicato su Internet non può più essere veramente cancellato, ciò potrebbe anche essere vero ma è possibile renderlo almeno più difficile da trovare.

Proteggi il tuo stato mentale

Tutti abbiamo affrontato momenti difficili nella vita e se abbiamo condiviso informazioni di ciò nei social network i ricordi di questi momenti possono continuare ad affiorare attraverso la funzione “Ricordi”. Ogni volta che Facebook ti ripropone un post condiviso in un momento triste potrebbe essere per te un vero pugno allo stomaco.

Tutti amiamo rivedere i ricordi felici come le feste di compleanno o le vacanze, mentre i ricordi tristi possono essere davvero dolorosi. Archiviare o nascondere alcuni post condivisi evita che i post più infelici si presentino in maniera inaspettata.

ricordi facebook

Archivia i post invece di eliminarli

Ora affrontiamo un punto importante: se elimini i post, spariranno per sempre, mentre se li archivi puoi comunque accedervi a tua discrezione. Questa è una distinzione chiave: indipendentemente dal motivo per cui decidi di nascondere un post, c’è sempre la possibilità che tu voglia rivederlo qualche volta, anche se è solo per ridere di quanto eri stupido dieci anni fa. Ecco perché generalmente è meglio archiviare i post. Archiviarli permette di nasconderli dal tuo feed principale, dalla timeline, dai ricordi e da tutto il resto ma puoi ancora vederli se lo desideri.

Alcuni social offrono un modo per archiviare i post (Facebook e Instagram lo fanno entrambi), ma esistono anche servizi di terzi parti che ti consentono di archiviare contenuti dei social che non hanno questa funzione nativa. Il principale di questi si chiama Jumpo Privacy. 

Jumbo Privacy

Jumbo Privacy è una piattaforma che permette di ottimizzare in maniera automatica le impostazioni sulla privacy dei vari social network rimuovendo i contenuti che non ritieni più utili e proteggendo la tua privacy. Per esempio su Facebook e Instagram Jumpo Privacy consente di cancellare i vecchi post pubblicati, su Alexa di cancellare le registrazioni, l’indirizzo di casa, il numero telefono, e così via. Dopo aver collegato i tuoi account social a Jumbo puoi impostarlo per rimuovere automaticamente i post più vecchi di un intervallo di tempo specifico, come ad esempio sei mesi o un anno.

Jumbo Privacy

Jumbo archivierà automaticamente i tuoi post in una memoria locale sul tuo dispositivo, il che è ottimo per i social che non offrono una funzione di archiviazione e più in generale in questo modo puoi conservare tutti i post archiviati in un unico posto. L’applicazione, inoltre, ti notifica in tempo reale nel caso in cui alcuni dei tuoi dati (carte di credito, password,..) siano stati compromessi.  L’unico difetto di Jumbo è che se elimini l’app o cambi dispositivo, le informazioni lì conservate vengono perse. Fortunatamente, puoi eseguire con regolarità un backup che ti permetterà di non perdere nulla. Jumbo offre una prova gratuita di sette giorni e due tipologie di abbonamento: Plus e Premium. L’app è disponibile per iOS e Android.

Conclusioni

La scelta di pubblicare, modificare, rimuovere o archiviare i tuoi contenuti dai social network è, ovviamente, una valutazione personale. Con questo articolo abbiamo solo voluto fornirti una panoramica di quali potrebbero essere gli eventuali pericoli sia per la tua privacy che per te stesso se non archivi i vecchi post pubblicati. Per tutelare ulteriormente la tua privacy online, inoltre, puoi sempre utilizzare l’app Jumbo Privacy.


Fonte Review Geek

Potrebbero interessarti
InternetPCRisorse gratis

I migliori giochi gratuiti per Linux di fine 2021

GuideInternet

Addio 3G e implicazioni sulle automobili: la tua auto diventerà obsoleta?

GuideInternet

Come migliorare la privacy di Chrome, Safari, Firefox

GuideInternet

Google Drive: 5 trucchi per usarlo al meglio