Se siete tra i pochi fortunati ad essere in possesso di un fantastico OnePlus 2, oggi, attraverso questa nostra guida, vi illustreremo come ottenere i fatidici permessi di root in modo semplice, efficace e sicuro al cento per cento.

OnePlus 2

Come ho accennato in precedenza, la guida è molto semplice, adatta anche agli utenti meno esperti in questo settore. Vi invito a prestare la massima attenzione a qualsiasi passaggio presente in questa guida. Siete pronti? Iniziamo subito!

OnePlus 2: come ottenere i permessi di root

Avvertenze: OutOfBit.it non si assume nessuna responsabilità di malfunzionamenti ai vostri dispositivi. Le operazioni descritte vengono eseguite quotidianamente da milioni di persone in tutto il mondo, quindi il procedimento funziona. Se fate qualcosa di sbagliato lo avrete fatto con le vostre mani.

Requisiti:

  1. Per prima cosa, avremo bisogno dei Driver ADB. Attraverso questi Driver universali, saremo in grado di lanciare molteplici comandi al nostro device.
  2. Inoltre, avremo bisogno anche di Minimal ADB and Fastboot. Una volta scaricato il file, bisogna eseguirlo e completare la procedura per installare il programma. Tramite questosoftware saremo in grado di comunicare con il nostro device.
  3. Scaricare la TWRP Recovery. (Scaricate l’ultima versione della Custom Recovery).
  4. Per concludere, bisognerà scaricare il File di Root da flashare dalla Custom Recovery.

Backup:

La procedura che dovremmo eseguire per sbloccare il bootloader del nostro OnePlus 2, cancellerà ogni nostro file presente nel device. Noi, vi consigliamo di eseguire un semplicissimo backup per non perdere nulla.

Procedura Completa per OnePlus 2:

Per questioni di comodità, divideremo la procedura in tre step:

  1. Sblocco del Bootloader,
  2. Flashare la Custom Recovery,
  3. Ottenere i Permessi di Root.

1. Sblocco del Bootloader:

  1. Attivate il debug usb dalle impostazioni sviluppatore (click 7 volte sulla build per far apparire questo menù);
  2. Collegate il device al pc;
  3. Aprite il cmd di windows;
  4. Date il comando “adb reboot bootloader“;
  5. Aspettate che il device si riavvii in fastboot mode oppure premete volume su e power da spento per entrare direttamente;
  6. Controllate che il device sia riconosciuto dal pc con il comando “fastboot devices“, dove vi verrà dato un codice numerico corrispondente al vostro S/N, se cosi non fosse non è riconosciuto correttamente;
  7. Date il comando “fastboot oem unlock“;
  8. Aspettate che il telefono si riavvii automaticamente.

2. Flashare la Custom Recovery:

  1. Abilitate il debug usb sul telefono;
  2. Dal cmd date questo comando “adb reboot bootloader” per riavviare in modalità bootloader;
  3. Aspettate che il telefono si riavvii in bootloader;
  4. Ora date questo comando “fastboot flash recovery nomerecovery.img” per flashare la recover;
  5. Infine date il comando “fastboot reboot recovery ” per riavviare in recovery.

3. Permessi di Root:

  1. Accendere il device.
  2. Collegare il device al computer mediante cavo USB. Copiare il File di Root scaricato in precedenza sul nostro device.
  3. Riavviare il dispositivo in modalità recovery. Da telefono spento, tenere premuto contemporaneamente i tasti Volume Giù più tasto accensione/spegnimento.
  4. Tappare su “Install”, selezionare il File di Root dalla cartella in cui lo avete copiato e confermate con uno swipe.
  5. Terminato il processo, riavviate il dispositivo.

Conclusioni:

Ecco fatto! Adesso avete finalmente ottenuto i Permessi di Root. Adesso, potete “moddare” il vostro OnePlus 2 come meglio credete. Infine, se avete delle domande, dubbi esistenziali o qualsiasi altro problema, non esitate a contattarci.