Eseguire il backup del proprio PC Windows è il miglior modo per evitare di andare in panico alla rottura del PC: scopriamo come salvare i nostri preziosi dati!

Tutti noi perdiamo dati, ad un certo punto delle nostre vite. Vuoi per via della morte del disco rigido del computer, o a causa di qualche maledetto ransomware che decide di infettare il nostro PC crittografando i file e chiedendoci un corposo riscatto. Per non parlare poi dei bug, che con un semplice schiocco di dita possono cancellare dati su dati. Se non si aggiorna regolarmente il computer, tutti questi problemi potrebbero mettere a serio repentaglio i file ai quali tieni di più. Ad ogni modo, esiste un solo metodo per mettere in sicurezza i tuoi dati: effettuare un backup. Ma qual è il modo migliore per fare un backup del computer? Scopriamo insieme le soluzioni più efficaci ed indicate.



Utilizzare il backup Windows conviene?

Windows possiede uno strumento proprietario che ti consente di fare il backup del tuo computer, che non ti costa un solo euro, ma la realtà è che non si dimostra poi così efficace. Spesso, infatti, la soluzione migliore per effettuare una copia di sicurezza dei tuoi dati è acquistare un software specifico come ad esempio Carbonite, che ha la grande capacità di salvare automaticamente delle copie di backup di ogni file, di qualsiasi tipologia. Poi, dopo averli creati, il software li piazza all’interno di un server cloud, consentendoti di accedervi ovunque ed in qualsiasi momento. Ma se non intendi spendere soldi per programmi di questo tipo, come puoi fare?

Prima di cominciare: pensa al backup giusto

Prima di cominciare, devi sapere un’altra cosa: non serve a niente fare un backup di ogni singolo dato che crei o che utilizzi sul tuo computer. Certo, se hai programmi specifici puoi farlo in automatico e non ti costa nulla, dato che finiscono su un server cloud e dunque non occupano spazio: ma se hai lo spazio contato, allora dovrai innanzitutto capire quali file vale la pena proteggere con un backup. Potresti ad esempio sentire l’esigenza di creare una copia di sicurezza dei tuoi documenti in Word, delle tue foto, dei tuoi video o di qualsiasi altro file ritieni importantissimo per la tua attività lavorativa o per il tuo svago. Ma potresti anche evitare di fare un backup dei programmi, dato che possono essere re-installati in qualsiasi momento. Volendo, puoi fare anche un backup dei dati del sistema operativo o del registro di sistema, se sei uno “smanettone”. E allora, chiarito questo punto, non ci resta che cominciare con i modi che puoi usare per creare un backup.

Creare un backup su un’unità esterna

backup pc windows copertina

Se hai un hard disk esterno o qualsiasi altra unità secondaria da collegare al tuo PC, come ad esempio una chiavetta USB, puoi utilizzarli per creare un backup dei dati che ritieni essere più importanti. E per farlo ti basta semplicemente utilizzare il sistema proprietario di Windows, oppure la Time Machine su Macintosh. Perché dovresti scegliere questo metodo? Se non hai intenzione di perdere tempo o di spendere soldi, questo sistema di backup è veloce e anche economico, perché non ti costa un euro. Ma fare un backup utilizzando un’unità esterna ha anche i suoi contro: se la tua casa va a fuoco, o se accidentalmente verserai un bicchiere d’acqua sull’hard disk esterno, non ci sarà santo al quale potrai votarti, dato che dovrai necessariamente dire addio al tuo backup.

Creare un backup sfruttando un servizio online

affidarsi a un servizio cloud online per il backup dei propri dati è una buona strategia

Esistono dei servizi online specificatamente realizzati per consentirti di creare un backup dei tuoi dati: parliamo di servizi come ad esempio CrashPlan, un sistema di backup online molto interessante e sicuro, e di altri concorrenti altrettanto valevoli come BackBlaze, MozyHome e lo stesso Carbonite. Ovviamente, per poterli sfruttare dovrai pagare: il costo dei suddetti servizi si aggira intorno ai 5 dollari al mese, e include anche un software per la gestione dei backup automatici, come abbiamo già visto con Carbonite. Il vantaggio è abbastanza evidente: se perdi i file, puoi recuperarli in qualsiasi momento effettuando un ripristino tramite il programma, con la possibilità di aggiungere anche un secondo computer alla lista dei dispositivi sui quali puoi richiedere il backup. In questo modo, non ci sarà furto o disastro in grado di metterli in pericolo. L’unico svantaggio è altrettanto ovvio: devi pagare.

Creare un backup sfruttando un server cloud

Uno dei metodi più efficaci per creare un backup dei tuoi dati, è sfruttare server cloud come Dropbox, che ti mettono a disposizione una decina di Giga da utilizzare per lo storage dei tuoi dati. Tecnicamente, molti sostengono che questo non sia un metodo di backup, quando piuttosto un semplice copia/incolla di file da un posto verso un altro: si tratta comunque di stupide sottigliezze, perché il senso e lo scopo finale dell’operazione rimangono invariati. E poi, puoi anche ottenere spazio extra spalmando i tuoi file su diversi cloud storage, come ad esempio Google Drive, Microsoft OneDrive, Drive e via discorrendo. I vantaggi? Non dovrai pagare per poter sfruttare questi servizi, e potrai accedervi liberamente da qualsiasi computer o dispositivo mobile. I contro, invece, riguardano lo spazio a disposizione: poco, soprattutto se desideri effettuare dei backup massicci.

Prima di chiudere questa sezione, occorre una precisazione: sicuramente ti sarai accorto che i server cloud ed i servizi di backup online funzionano praticamente secondo le medesime logiche. Ma con una differenza fondamentale: i server cloud si limitano a sincronizzare le cartelle del PC con quelle del servizio, mentre i servizi specifici di backup online sono ottimizzati per l’automazione delle copie di sicurezza e offrono ovviamente uno spazio idoneo al tuo obiettivo.

Conclusioni: qual è il miglior metodo di backup?

Siamo giunti al termine della nostra guida su tutte le soluzioni che puoi adottare per fare un backup dei tuoi file, ma ancora non abbiamo affrontato una questione: quale di questi metodi risulta essere il migliore? Non c’è un vero e proprio vincitore, in quanto ogni sistema ha i suoi pro ed i suoi contro: i programmi come Carbonite ed i servizi online come CrashPlan sono indubbiamente i più professionali, ma ti obbligano a pagare una quota mensile. Se vuoi spendere, questo è il top. Ma se non vuoi spendere, noi ti consigliamo di utilizzare un mix dei metodi gratuiti, così da aumentare il grado di sicurezza dei tuoi backup ed avere maggiori possibilità di “ripescare” i tuoi file.