Guida all’acquisto CPU
Guida all’acquisto CPU

Quando dobbiamo acquistare un dispositivo tecnologico ci sono voci, dati e valori che indicano la potenza di un componente che è importante conoscere per capire cosa si sta acquistando. L’acquisto CPU, che può essere sia indipendente (magari per aumentare la potenza del proprio PC) che integrato all’interno di un device, è una delle scelte più importanti, in quanto riguarda un componente molto prezioso.

La potenza è tutto ma…

Non solo CPU
Non solo CPU

Prima di passare ad analizzare i vari elementi che determinato la differenza tra un processore e l’altro e quindi capire come procedere con l’acquisto CPU bisogna sempre ricordare come tutto vada contestualizzato. Il processore è uno degli elementi più importanti nei dispositivi elettronici, ma non è l’unico che incide sulle prestazioni. Inoltre l’acquisto CPU potente e di ultima generazione, se non supportato anche dalla potenza delle altre periferiche, rischia di rivelarsi come inutile o anche controproducente.

Per questo è sempre bene analizzare complessivamente il proprio PC, capire quali sono le ragioni per cui si vuole sostituire il processore e regolarsi di conseguenza. Per chi utilizza il PC per navigare sul web, scrivere e riprodurre contenuti multimediali (canzoni, video, eccetera) può tranquillamente scegliere un processore quad-core. CPU più potenti, invece, sono consigliate per chi deve far girare giochi di ultima generazione, molto potenti e che richiedono prestazioni elevate.

Come valutare un processore

Come scegliere una CPU
Come scegliere una CPU

Entriamo ora nel merito di questa nostra guida all’acquisto CPU analizzando 6 aspetti principali di questo componente. Per comprendere il livello di un processore bisogna considerare:

  • Cache;
  • Core;
  • Frequenza;
  • IPC;
  • TDP;
  • Thread.

Vediamoli nel dettaglio per accompagnarvi all’acquisto CPU adeguato alle vostre reali esigenze e per sfruttare al massimo le potenzialità di questo componente.

La cache

Per la nostra guida all’acquisto CPU partiamo dall’analisi della cache. Si tratta di una memoria utilizzata per velocizzare le comunicazioni tra il processore e la RAM e rendere più rapido l’accesso ai dati. Esistono tre differenti tipologie di cache: L1, L2 e L3, ognuna con velocità e capienze differenti. È difficile capire quale capacità di cache è più adatta alle proprie esigenze, sia perché è un aspetto sul quale incidono molti altri elementi, sia perché non è il più rilevante nella scelta dell’acquisto di un processore.

I core

I core in una CPU
I core in una CPU

Quad-core, octa-core, eccetera, ma cosa significa propriamente questo dato? I core, la parte interna dei processori, sono i componenti operativi, ovvero quelli che elaborano i dati. I processori attualmente disponibili sul mercato vanno da un minimo di 4 ad un massimo di 8 core, ma a livello tecnologico si può avere un processore da un minimo di 2 core a un massimo di 32. Per il livello odierno per avere un PC di buon livello non si può scendere sotto i quattro core. Ogni core elabora le proprie operazioni e sono in grado anche di lavorare insieme per elaborare tutte le informazioni necessarie.

La frequenza

Quello della frequenza è il valore espresso in gigahertz (GHz) e indica la velocità che raggiunge il chip quando sta eseguendo le operazioni. In linea di massima è vero che più alta è la frequenza maggiore è la velocità raggiunta dalla CPU, ma è altrettanto vero che i processori moderni variano automaticamente la velocità. Questo avviene per ottimizzare i consumi e le prestazioni e le CPU impostano automaticamente la frequenza in base al tipo di operazione che deve eseguire. Per questo molto spesso si trova sia un valore minimo che un valore massimo di frequenza. La variazione avviene inoltre anche in funzione alla temperatura raggiunta, anche per ragioni di sicurezza e per evitare di danneggiare il processore.

L’IPC

Caratteristiche tecniche CPU
Caratteristiche tecniche CPU

L’IPC indica le istruzioni per ciclo di clock e non è un dato presente nelle caratteristiche tecniche di un processore, ma viene misurato nei test (benchmark) effettuati su ogni processore. L’IPC è relativo alle differenze che ci sono tra due CPU. Tali differenze possono essere relative all’utilizzo di CPU di marchi differenti o, anche se dello stesso produttore, costruite con architetture diverse. I chip di ultima generazione sono migliori di quelli antecedenti e l’IPC è legato proprio all’architettura di ogni processore.

Il TDP

Proseguendo nella nostra guida all’acquisto CPU dobbiamo anche parlare del cosiddetto Thermal Design Power, il TDP. Questo aspetto, che viene misurato ed espresso in watt, indica la quantità di calore massima generata da un chip. Nonostante venga spesso sottovalutato come elemento, è bene tenerlo ben in considerazione in modo da avere un dissipatore coerente con il calore generato. Più il TDP è alto e più anche le prestazioni sono maggiori.

Il Thread

Quando si parla di thread si fa riferimento al numero di processi che un chip riesce a gestire alla volta. In linea di principio questo numero dovrebbe essere uguale a quello dei core, ma l’evoluzione tecnologica ha portato i core a creare simultaneamente due thread (multithreading) in modo da ottenere operazioni multitasking più rapide. Questa capacità dei moderni processori è chiamata solitamente capacità Hyper-Threading, ma AMD chiama questa capacità Simultaneous Multithreading (SMT). Questo elemento è fondamentale per tutti quei programmi che sfruttano i thread in maniera intensiva, come quelli di montaggio video.

Come scegliere una CPU

Come scegliere un processore
Come scegliere un processore

Dopo tutti questi elementi, che è bene conoscere e considerare anche non essendo dei periti informatici, è doveroso provare a trarre delle conclusioni. Prima di farlo c’è da analizzare un ultimo elemento: quella della compatibilità. Come detto all’inizio di questa guida all’acquisto CPU, i componenti di un computer operano in uno stesso ambiente ed è importante che possano lavorare insieme. I processori sono legati alle schede madri ed è quindi importante verificare la compatibilità tra questi due elementi. Se la scheda madre è AMD, ad esempio, anche il processore deve essere AMD. Viceversa se è Intel, anche il processore deve essere della stessa marca.

Considerando tutti questi elementi si ha un quadro più completo della questione e si hanno gli strumenti per poter scegliere un processore adatto per avere un PC potente, stabile, veloce ed efficiente.

LEAVE A REPLY

Lascia un commento
Inserisci il tuo nome