E’ passato quasi un mese dal rilascio di iOS 11 e soltanto ora si registra una decisa impennata nelle installazioni della nuova versione. Il motivo? Sono sempre di più gli utenti convinti che Apple rallenti appositamente i vecchi iPhone coi nuovi iOS.

iOS 11 funzioni nascoste

“iPhone slow”, è questa una delle ricerche più frequenti su Google ogni anno tra settembre e ottobre. I rilasci delle nuove versioni di iOS sono sempre più “temuti” anziché agognati. Avere un “melafonino” vecchio di un paio d’anni ed effettuare un major update: conviene davvero? In che modo può influire sulle prestazioni? Futuremark ha provato a dare una risposta effettuando una serie di comparazioni tra i benchmark degli ultimi 18 mesi sugli iPhone dal 5s (l’ultimo coinvolto dall’aggiornamento ad iOS 11) al 7.

I test mettono a paragone le prestazioni degli iPhone in questione con iOS 9, 10 e 11. I dati sono volti ad esaminare i valori del rendimento di CPU e GPU ad ogni salto generazionale. I risultati sono evidenti: Se in quanto a GPU i valori rimangono praticamente invariati, qualcosina sul piano della CPU: valori, comunque, così risicati e nella norma che secondo Futuremark non vengono neppure percepiti nell’uso quotidiano di un iPhone. Vale la pena sottolineare che il primo device analizzato è il 5s, il primo col chip A7 a bordo (con 1 GB di RAM) e CPU a 64 bit.

E’ stato proprio il salto da 32 a 64 bit a determinare un generale “appiattimento” delle prestazioni (molte funzioni introdotte negli ultimi anni non sarebbero neppure compatibili coi 32 bit), senza contare l’ottimo lavoro svolto da Apple in quanto ad ottimizzazione del software per generare buonissime risposte anche da un hardware più datato. Insomma, pur non potendo negare l’impossibilità di avere un iPhone con la stessa potenza e velocità di 3 anni prima (in questo caso vanno ad influire diverse variabili, tra cui anche le app stesse ottimizzate per le nuove versioni di iOS), con dati concreti Futuremark ha smentito una delle tante “leggende metropolitane” su Apple: Cupertino non effettua aggiornamenti del suo sistema operativo per rallentare i vecchi iPhone di proposito, né tantomeno lancia nuovi dispositivi già “superati”. Nessun complotto.

Guida ai regali di Natale 2017 - banner - outofbit .