AndroidGuide

Come far leggere ad alta voce i tuoi messaggi dal tuo smartphone Android

Migliori cuffie con Google Assistant

Quasi tutti gli smartphone Android moderni permettono agli utenti di trasformare i normali testi in veri e propri messaggi vocali. Questa funzione potrebbe aiutare moltissime persone, tra cui coloro i quali hanno problemi alla vista e chi si trova alla guida. Quando si guida, infatti, è importante evitare di distogliere lo sguardo dalla strada, per prevenire eventuali incidenti.

Insomma, è chiaro che trasformare un messaggio testuale in una clip audio è sicuramente un’operazione molto interessante. In questo articolo scopriremo i principali modi per farlo.

Utilizzare Assistente Google

Google Assistant, ovvero l’assistente virtuale sviluppato dalla società statunitense, è incluso in quasi tutti gli smartphone Android. Qualora non riuscissi a trovarlo, puoi installarlo molto facilmente da Google Play Store. Esso sarà collegato al tuo account Google e ti permetterà di compiere svariate azioni, come la ricerca su Google, la creazione di un promemoria, la riproduzione di una traccia audio e molto altro.

Dopo aver installato l’applicazione, per attivare l’assistente virtuale, puoi decidere di:

  • Pronunciare “Ok, Google” o “Ehy, Google”;
  • Premere per pochi secondi sul tasto “Home”;
  • Scegliere, dalla lista delle app installate, quella dedicata a “Google”.
La pagina di Google

Questo è il tasto all’interno dell’applicazione ufficiale di Google che permette di attivare l’assistente virtuale.

Lo strumento, purtroppo, non sarà subito infallibile. Esso si dovrà infatti “abituare” alla tua voce a alla tua pronuncia. Inizialmente, quindi, potresti notare qualche problematica (spesso, del tutto sorvolabili).

Far leggere gli ultimi messaggi

Dopo aver preparato l’assistente virtuale, potrai iniziare a dargli il comando di nostro interesse. Attiva Google Assistant, tramite una delle procedure sopraelencate, e pronuncia “Leggi i miei messaggi”. Così facendo, ascolterai tutti i nuovi messaggi ricevuti (quelli presenti nella barra delle notifiche).

Google Assistant

Questa è la risposta di Google Assistant dopo la richiesta “Leggi i messaggi”, qualora non dovesse esserci nessun messaggio nella barra delle notifiche. In caso contrario, avresti ottenuto la lettura del contenuto della notifica.

Quasi certamente, la prima volta che effettuerai questa azione riceverai un messaggio in cui ti verrà chiesto se intendi dare all’assistente alcuni specifici permessi. Tu dovrai accettare, cliccando su “OK”, così da ottenere un’esperienza completa.

Dare i permessi a Google Assistant

Per un corretto funzionamento, Google Assistant avrà bisogno di alcuni permessi, così da poter continuare a funzionare correttamente.

Si aprirà così la scheda “Accesso alle notifiche“: qui dovrai attivare l’interruttore collocato vicino a Google, riconoscibile dalla classica icona. L’interruttore specifico dovrebbe diventare blu o verde, in base al dispositivo utilizzato.

La voce "Google"

Questo è l’interruttore che consente di dare all’applicazione di Google l’autorizzazione per accedere alle notifiche e, di conseguenza, poter leggere gli ultimi messaggi ricevuti.

Nel messaggio che apparirà successivamente, dovrai scegliere “Acconsento”.

Acconsentire e dare l'autorizzazione a Google

Subito dopo aver completato il precedente passaggio, sarà necessario acconsentire a Google di accedere a tutte le notifiche, cliccando su “Acconsento”.

Riapri ora l’assistente virtuale e pronuncia nuovamente “Leggi i miei messaggi”. Google Assistant inizierà così a leggere i messaggi, compresi anche quelli di WhatsApp, che puoi visualizzare nella barra delle notifiche. Verrà anche pronunciato il nome del mittente e ti verrà chiesto se vuoi rispondere o meno.

Pronunciando “”, darai allo strumento l’autorizzazione di rispondere. Dovrai quindi dettare il tuo messaggio, che verrà scritto e inviato. Inizialmente, la trascrizione potrebbe essere leggermente imprecisa, ma con il tempo il tutto migliorerà notevolmente.

Ascoltare i messaggi precedenti

Fino a poche settimane fa, l’assistente permetteva agli utenti anche di ascoltare i messaggi precedenti. La funzionalità è però totalmente sparita in molti dispositivi. Puoi comunque provare, ma probabilmente non ci riuscirai.

Per provare, non dovrai far altro che pronunciare “Ok, Google” o premere per poco il tasto “Home” e dire la frase “Leggi i miei messaggi più recenti“.

La richiesta "Leggi i miei messaggi recenti"

“Leggi i miei messaggi recenti” è il comando che, invece, ti permetterà di ascoltare i messaggi precedenti. La funzione non è disponibile in tutti gli smartphone.

Dovresti così sentire i tuoi messaggi precedenti, anche in questo caso accompagnati dal nome del mittente. Qualora la procedura non dovesse andare per il meglio, l’app si chiuderà immediatamente o riceverai una risposta poco attendibile. Non preoccuparti, esistono delle soluzioni alternative: per scoprirle ti basterà continuare a leggere l’articolo.

Utilizzare “Sintesi vocale”

Oltre a Google Assistant, esistono altre valide soluzioni. Purtroppo, non otterrai gli stessi privilegi offerti da uno strumento versatile come l’assistente virtuale di Google. Un esempio potrebbe essere “Sintesi vocale”, che non è certamente adatto per la guida, ma solo in altri contesi.

Le persone con problemi di vista potranno ottenere un’esperienza ottimale, grazie alla qualità della suite di Google pensata appositamente per l’accessibilità. Sintesi vocale fa parte proprio di questo gruppo di tool.

Apri Google Play Store, cerca “Android Accessibility Suite”, riconoscibile dallo sviluppatore (ovvero Google LLC), selezionalo, scaricalo e attendi che venga correttamente installato. Recati ora nelle impostazioni, selezionando l’apposita icona a forma di ingranaggio, che affianca tutte le altre applicazioni, o cliccando sull’apposito simbolo nella barra delle notifiche.

L'icona di "Impostazioni"

“Impostazioni” è presente nella libreria delle applicazioni, insieme a tutti gli altri software installati. Potrai riconoscere questa applicazione grazie all’icona che simula la forma di un ingranaggio.

La procedura che potrai leggere nelle prossime righe varia in base al dispositivo utilizzato. Molti produttori, infatti, decidono di personalizzare Android, modificando anche alcune voci delle impostazioni.

Scendi fino a raggiungere la voce “Assistenza intelligente”, riconoscibile dalla mano bianca su sfondo arancione, o direttamente “Accessibilità”.

La voce "Assistenza intelligente"

Tra tutte le voci disponibili, dovrai scegliere “Assistenza intelligente”, riconoscibile dall’icona arancione.

Clicca, solo successivamente, su “Accessibilità” e “Sintesi vocale”. Scegli quindi la velocità, il tono e tutte le altre impostazioni disponibili, in base alle tue preferenze.

La pagina Assistenza intelligente

Nella pagina “Assistenza intelligente”, dovrai scegliere la voce “Accessibilità”, ovvero la prima.

Torna indietro e recati nell’area “TalkBack”. Presta molta attenzione: questa è una funzione ideata per i non vedenti e potrebbe rendere più complesse e macchinose le normali operazioni. Attiva l’interruttore collocato vicino al nome dello strumento e acconsenti alle richieste che appariranno subito dopo, cliccando su “OK”.

TalkBack: la voce per far leggere i messaggi

TalkBack è l’utilissima funzione che ti permetterà di ottenere la lettura dei testi presenti nella schermata.

Da ora in avanti, finché non disattiverai TalkBack, tutti i testi che toccherai, tra cui anche i messaggi, verranno letti con la voce che avrai scelto precedentemente. Per compiere un’operazione dovrai invece effettuare due tocchi. Un esempio potrebbe essere: per ascoltare il contenuto di un pulsante, basterà un click; per premerlo ne occorreranno due.

L'esempio di come funziona Sintesi Vocale

Ecco come funziona Sintesi Vocale dopo aver settato la funzione: due click per interagire con qualcosa e un singolo click per leggere un determinato testo.

Sicuramente, questa non è una soluzione buona come Assistente Google, ma può rappresentare un valido compagno di tutti coloro i quali hanno problemi più o meno gravi di vista. Lo strumento è compatibile con pressoché qualsiasi applicazione, da WhatsApp a Facebook. Per disattivarla, non dovrai far altro che recarti nuovamente nella pagina “TalkBack” in “Impostazioni” e togliere la spunta vicino al nome corrispondente.

Disattivare TalkBack

Per disattivare TalkBack, basterà recarsi in questa schermata e “spegnere” l’interruttore posto vicino al nome della funzione, che diventerà così grigio.

App di terze parti

Numerosi sono gli sviluppatori di terze parti che hanno deciso di proporre applicazioni che permettono di far leggere allo smartphone un qualsiasi messaggi testuale. Molte di esse funzionano davvero bene. Eccone alcune:

  • ReadItToMe: questa è un’applicazione che permetterà di ascoltare i messaggi che riceverai dall’applicazione predefinita dedicata ai messaggi e in un po’ tutti i software di messaggistica istantanea, tra cui anche WhatsApp e Telegram.
  • Out Loud: essa è un’altra valida soluzione da non perdere assolutamente. Il software ti consentirà di trasformare i normali messaggi testuali in clip audio. Gli utenti possono inoltre scegliere vari profili, così da poter sospendere lo strumento in determinati contesti, come ad esempio quando il dispositivo è collegato a uno speaker.

Purtroppo, molte di queste applicazioni, funzionano appoggiandosi a Google Assistant. Esso, come abbiamo già detto, è sprovvisto della funzionalità che consente di leggere anche i messaggi precedenti e questo, inevitabilmente, non permette a tali strumenti di lavorare correttamente.

CANALE TELEGRAM_OUTOFBIT

Bio autore

Sin dall'età più tenera ho un forte legame con l'informatica, il mondo del cinema e l'arte. Gli studi che ho deciso di intraprendere mi hanno permesso di accrescere queste passioni.
Potrebbero interessarti
AndroidNewsSmartphone

Huawei Nova 6 e Nova 6 5G, ufficiali i due nuovi smartphone: dettagli e prezzi

AndroidNewsSmartphone

Nokia 9 PureView riceve l'aggiornamento ad Android 10 (con le patch di novembre)

AndroidNewsSmartphone

Nokia 2.3 è ufficiale: doppia cam sul retro, Helio A22 e batteria da 4000 mAh

AndroidNewsSmartphone

Oppo Reno 3 Pro imminente (con Snapdragon 765G). Nel 2020 un top di gamma con Snapdragon 865