AppleEditorialeMac

L’evoluzione dell’iMac dal 1998 al 2021: tutti i dettagli

Evoluzione iMac

Nell’Aprile 2021 è stato annunciata l’uscita sul mercato di un nuovo modello di iMac, degno successore di una linea di prodotti che esiste dal 1998. L’iMac è cambiato moltissimo nel corso del tempo: forma, dimensione, colore e funzionalità. Ebbene, vorremmo riportarti indietro nel tempo, guidarti attraverso la storia dell’iMac e mostrarti quanto è cambiato e cosa, invece, è rimasto invariato. Ripercorri il “viale dei ricordi con noi”, tuffati in un passato che potresti non conoscere del tutto: continua a leggere la nostra guida e capirai come è nato l’iMac e cosa potrebbe diventare in futuro.

iMac G3 e la forma “ad uovo”

iMac-G3

Rilasciato nel 1998, l’iMac G3 è stato il primo prodotto della linea iMac (e anche l’unico) ad avere la classica ed inconfondibile forma “ad uovo”. iMac G3 era dotato di uno schermo da 15 pollici ed era piuttosto pesante, parliamo di circa 15 kg. E la vasta gamma di colori in cui era disponibile, ha davvero aiutato il G3 a distinguersi e a diventare iconico nel mercato dei computer in quel determinato periodo storico.

Ma l’iMac G3 ha sollevato anche un po’ di controversie. Ricordiamo, infatti, che questo computer ha profondamente modificato alcune porzioni dell’hardware del Mac, inclusa la rimozione dell’unità floppy che era presente nei computer Apple Macintosh dal 1984.

Il G3 è stato anche il primo computer a montare soltanto porte USB per il suo collegamento con altri dispositivi. Quindi, Apple da decenni “costringe” gli utenti ad acquistare adattatori o nuove tipologie di cavi per i suoi computer!

L’iMac G3 è stato comunque incredibilmente facile da configurare: questa sua caratteristica è stata sfruttata al massimo nelle campagne di marketing per il suo lancio sul mercato. Quindi, nonostante le lamentele iniziali dei consumatori, il nuovo modello targato Apple è diventato subito incredibilmente popolare e le modifiche hardware che ha introdotto sono poi diventate standard tra i produttori di computer in tutto il mondo.

iMac G4 e la sua base rotonda

iMac G4

L’iMac a forma di uovo con i suoi divertenti colori l’ha fatta da padrone sul mercato fino al Gennaio 2002, periodo in cui è stato rilasciato l’iMac G4 esclusivamente nel colore bianco. Il modello G4 iniziale era dotato ancora di uno schermo da 15 pollici, ma era molto più leggero del suo predecessore G3: parliamo di circa 10 kg.

La riduzione del peso è stata determinata dalla riprogettazione completa della forma voluta da Apple. Lo schermo di iMac G4 era agganciato ad un braccio regolabile che si attaccava ad una base rotonda chiamata “cupola” che conteneva la maggior parte dell’elettronica importante di questo computer.

L’iMac G4 occupava dunque meno spazio sulla scrivania rispetto al suo predecessore e la sua regolabilità era il perno attorno cui ruotavano le campagne di marketing dell’epoca.

Con una potenza di calcolo leggermente inferiore rispetto al Power Mac (un altro computer Apple di quel periodo), l’iMac G4 ha però incontrato alcuni problemi grafici quando la sua prima GPU non riusciva a supportare il rendering Core Image. Una volta corretto questo inconveniente, lo schermo LCD del G4 è stato poi effettivamente uno dei più performanti sul mercato.

iMac G5, l’iMac basato su Intel

iMac G5

L’iMac G4 ha funzionato come un computer all-in-one con la sua elettronica posizionata nello schermo e nella “cupola”. L’iMac G5 era ancora più all-in-one del suo predecessore mantenendo tutta l’elettronica solo sullo schermo. Del resto, Apple sosteneva che il G5 fosse il computer desktop più sottile che si potesse trovare sul mercato in quel periodo.

Rilasciato nell’Agosto 2004, l’iMac G5 sarebbe diventato l’ultimo iMac a utilizzare un processore PowerPC e ad eseguire applicazioni Mac OS X 9. Questo nuovo modello ha subito avuto bisogno di più ventole per “mantenersi fresco” e, nonostante ciò, era molto silenzioso.

Disponibile subito con uno schermo da 17 e 20 pollici, l’iMac G5 pesava circa 8 kg ed era realizzato in policarbonato bianco. Il computer non era affatto facile da aprire o da modificare: la stessa Apple scoraggiò i consumatori dal provarci!

Nel Marzo 2005, G5 ha conosciuto una serie di aggiornamenti: al computer è stata aggiunta più RAM, un disco rigido più grande, è stata migliorata la grafica e sono stati aggiornate la tecnologia Ethernet e Bluetooth.

Nell’ottobre 2005, iMac G5 ha subito un nuovo ed importante aggiornamento con l’aggiunta di  una webcam iSight (ora conosciuta con il nome di FaceTime) integrata nello schermo insieme ad ulteriori miglioramenti di RAM, processore e grafica.

Ancora, nel gennaio 2006 è stato annunciato il lancio sul mercato di un nuovo iMac. Questo computer era molto simile all’iMac G5 ed aveva molte caratteristiche in comune con esso. La differenza era che il nuovo iMac ora utilizzava processori Intel e un chip Core Duo.

Alla fine del 2006 l’iMac era disponibile con un chip Core 2 Duo ed uno schermo da 24 pollici: stiamo parlando del primo schermo Mac in grado di visualizzare video a 1080p.

iMac in alluminio ed iMac Unibody

iMac Unibody

E siamo nell’Agosto 2007 quando Apple rilascia un iMac con telaio in alluminio: si tratta di un nuovo modello dotato di schermo da 20 o 24 pollici. Ovviamente, il telaio in alluminio e le accresciute dimensioni dell’iMac hanno comportato un piccolo aumento di peso: parliamo di circa 9 kg.

Con l’introduzione dell’iMac in alluminio, Apple ha anche raddoppiato la RAM e le dimensioni del disco rigido rispetto all’iMac G5. Gli aggiornamenti di aprile 2008 e marzo 2009 hanno inoltre determinato un cambiamento del processore, delle schede video e della RAM. Inoltre, le opzioni di archiviazione sono aumentate ulteriormente e le porte FireWire sono state sostituite con molteplici porte USB mentre il mini-DVI è diventato un Mini DisplayPort.

Nell’Ottobre 2009, Apple ha lanciato sul mercato l’Unibody iMac che ora è  disponibile con schermi da 21,5 pollici o 24 pollici e che ha segnato la completa eliminazione della parte posteriore in plastica separata che connotava la struttura  dell’iMac in alluminio.

Fatta eccezione per questi importanti cambiamenti, la forma dell’iMac Unibody era la stessa dell’iMac in alluminio. A questo nuovo computer è stato aggiunto un secondo slot di memoria ed è stata introdotta anche la modalità di visualizzazione target.

iMac Slim ed iMac Retina

iMac Retina

Il mese di Ottobre 2012 ha visto l’iMac diventare ancora più “sottile”! Con uno schermo dello spessore di 5 mm (nel punto più sottile), il nuovo Slim Unibody iMac pesava circa 5 kg e montava uno schermo da 21,5 e 27 pollici. Questo nuovo modello ha anche segnato un’altra modifica epocale: L’iMac ha utilizzato per oltre un decennio l’archiviazione su disco rigido ed il nuovo Slim Unibody segna il passaggio all’archiviazione flash SSD.

Successivamente, nell’ottobre 2021 è stato annunciato il rilascio sul mercato del Retina iMac. L’iMac Slim era dotato di display 1920×1080 sui modelli da 21,5 pollici e 2560×1440 sui modelli da 27 pollici. L’iMac Retina da 27 pollici era invece dotato di un display di 5120×2880. Quando è stato rilasciato il modello da 21,5 pollici, l’iMac Retina aveva una risoluzione di 4096×2304.

L’iMac Retina ha mantenuto la struttura sottile propria dell’iMac Slim ed ha introdotto un nuovo processore Intel e scheda grafica. Le opzioni di archiviazione e RAM hanno continuato a crescere ed anche la fotocamera FaceTime è diventata HD.

Nel Dicembre 2017 Apple ha rilasciato un nuovo iMac che ha definito “il Mac più potente mai realizzato”. Stiamo parlando dell’iMac Pro, un computer da 27 pollici dotato di display 5K Retina e processori Intel Xeon a 8, 10, 14 o 18 core. Nonostante la sua potenza, l’iMac Pro non era destinato a durare a lungo o a superare gli iMac Retina. A Dicembre 2020 è stato introdotto il chip Apple M1 e l’iMac Pro è stato ritirato dal mercato già nel marzo 2021.

All’orizzonte, si stagliavano già computer più nuovi e performanti, come l’iMac 2021.

iMac 2021

2021 Apple iMac

Più sottili e leggeri (pesano circa 4 kg), gli iMac 2021 montano il chip Apple M1 e sono dotati di tutta l’eccellente potenza di elaborazione che ne deriva. Nettamente migliorati sono gli altoparlanti ed i microfoni.

L’iMac 2021 ha un’angolazione altamente regolabile (proprio come l’iMac G4) ed è disponibile in un’ampia varietà di colori. Il nuovo computer è altamente performante, anche e soprattutto grazie ai notevoli miglioramenti hardware w software.

Una grande storia per un grande computer

L’iMac si è evoluto tantissimo negli ultimi due decenni ispirando il settore in numerosi modi. Che tu possieda un iMac più vecchio oppure più recente, non fa alcuna differenza: hai la possibilità di utilizzare un grande computer!


Fonte Makeuseof

Potrebbero interessarti
AppleGuideiPhone

Come preparare il tuo iPhone per un aggiornamento di iOS

AppleNews

iOS 15.1 potrebbe arrivare il 25 ottobre: nel frattempo spunta un altro bug

AppleMacNews

Apple annuncia "Unleashed": il 18 ottobre arrivano i nuovi MacBook Pro?

AppleiPhoneNews

L'iPhone SE 3 sarà l'iPhone 5G più economico di Apple