Quando si parla di motori di ricerca, ce n’è uno che domina su tutti gli altri: Google. Il colosso di Mountain View è così dominante che solo in una manciata di paesi di tutto il mondo è un concorrente in lotta per mantenere la quota di mercato. Anche i principali protagonisti di ricerca Web come Yahoo! e Bing sono in lotta per competere, nonostante buone risorse finanziarie e una lunga esperienza, per prendere un seria fetta di mercato a discapito di Google. Sembra quindi impensabile lanciare un nuovo motore di ricerca per guadagnare nuovi utenti ma è esattamente ciò che ha fatto DuckDuckGo.

DuckDuckGo non vanta una grande campus aziendale nella Silicon Valley, non acquista nuove società ogni settimana, non fabbrica smartphone o dispositivi indossabili. Ha la sede nell’anonima cittadina di Paoli, Pennsylvania, e conta meno di due dozzine di dipendenti concentrati su una cosa: la ricerca.
L’azienda è stata fondata da Gabriel Weinberg nel settembre 2008. Weinberg aveva correttamente ipotizzato che sarebbe stato impossibile competere con i motori di ricerca ed i loro indici di ricerca sviluppati da bot web crawling. Google, ad esempio, ha gli indici di quasi 5 miliardi di pagine web, con l’aggiunta di milioni ogni settimana. Una piccola startup come avrebbe potuto sperare di competere con Google? La minimalista pagina di ricerca Google lascia rapidamente il posto ad una pagina con la pubblicità, promossa e patrocinata in base alle nostre ricerche passate. Fu qui che Weiberg sentiva di poter creare un nuovo motore di ricerca studiato appositamente per dare una risposta in base alle nostre esigenze.

“Quando si esegue una ricerca, si vuole in genere una risposta. Non necessariamente si desidera fare clic su collegamenti in giro. Il nostro lavoro serve per cercare di ottenere una risposta. La nostra grande visione è che ciò avviene per l’80% delle richieste, anche per cose molto di nicchia”.

DuckDuckGo ha trovato rapidamente un gruppo di utenti di nicchia che ha goduto della funzione delle risposte immediate, tramite un’interfaccia utente frizzante. Eppure mentre il numero di utenti è cresciuto, alcuni articoli apparsi sulla stampa sono bastati per mettere in guardia un colosso importante come Google e adottare una funzionalità simile, ovvero le Instant Answers che poi in DuckDuckGo sarebbero diventate le DuckDuckGone.

duckduckgo-answer

Questo è il titolo del The Guardian: il traffico su DuckDuckGo vola in seguito alle rivelazioni Snowden.
Nei due anni, da quando l’ex agente operativo della NSA americana e ora latitante Edward Snowden ha rivelato quanto profondamente la vita privata dei cittadini è stata invasa tramite la tecnologia, la privacy online è diventata una preoccupazione significativa di molti in tutto il mondo. Gli utenti sono rimasti scioccati nello scoprire che le società di internet hanno trattati con le agenzie di intelligence degli Stati Uniti e altrove per i file, e-mail, foto e le comunicazioni. Più in generale, le persone si sono fatte più consapevoli di come le aziende monitorano la loro vita online. Una società su tutte, Google, rappresenta questa invasione alla privacy più di ogni altro. Così popolare, efficace e onnipresente con le applicazioni gratuite come Gmail, Google Docs e gli smartphone con sistema operativo Android. Avere semplicemente un account Google ha reso una persona soggetta al controllo.
E così la gente ha iniziato a cercare un anti-Google, un provider di ricerca che non possa monitorare la posizione, la cronologia di ricerca, o modificare i risultati in base alla storia o agli interessi e quindi intrappolare l’utente.
L’anti-Google che è stato trovato è DuckDuckGo. Come avrebbe detto Weinberg  alla CNBC:

“Abbiamo sempre saputo che la gente non vuole essere rintracciata. Quindi non è una sorpresa se le persone stanno facendo una scelta di passare a cose che darà loro grandi risultati e hanno anche vera privacy “.

La privacy divenne rapidamente il punto forte, unico e primario di DuckDuckGo. A differenza di Google e altri motori di ricerca, DuckDuckGo non conserva i dati degli utenti come quello che è stato cercato la scorsa settimana o le informazioni di identificazione che possono essere richiesti dalle autorità.  DuckDuckGo è riuscita ad affermarsi come il motore di ricerca veloce e anonimo. Essa non lascia i cookie su un computer, non registra gli indirizzi IP che stanno dietro ai termini di ricerca e, anche facendo clic su un link in una pagina dei risultati di ricerca, DuckDuckGo non fa rivelare al sito, dietro quel collegamento, che cosa ti ha portato a loro.
DuckDuckGo è in grado di farlo perché il suo modello di business è molto diverso da Google, Yahoo!, Bing e altri. L’intero modello di business di Google, ad esempio, è stato costruito sul retro della sua pubblicità mirata. Con il tracciamento degli utenti, le loro preferenze, la loro storia di ricerca, l’utilizzo di applicazioni differenti e le parole chiave, Google può determinare esattamente quale pubblicità deve far vedere agli utenti.

DuckDuckGo, d’altra parte, non ha accesso a qualsiasi di questi dati per scelta. Al fine di monetizzare, poi, serve semplicemente pubblicità sulle sue pagine dei risultati di ricerca che sono in linea con le parole chiave ricercate dagli utenti. Quindi, se si cerca il termine ‘macchina’ è possibile vedere una pubblicità di una macchina generica. Se si cerca ‘New York auto’, allora è probabile che tu possa vedere la pubblicità localizzata nella Grande Mela. Ma la pubblicità che viene servita è basata sulla ricerca, non sui gusti dei ricercatori stessi. DuckDuckGo non ha bisogno di tracciare i dati degli utenti; semplicemente non ha bisogno di farlo per fare soldi. Quindi è possibile che Google, Yahoo!, Bing e altri potrebbero imitare le Instant Answers di DuckDuckGo, o sviluppare un’interfaccia utente simile per corteggiare i potenziali utenti. E’ quasi impossibile per loro adottare con successo una politica di privacy simile senza causare una perdita di soldi e quindi non è una sorpresa che la privacy si pone come punto di forza di DuckDuckGo. 

Una delle innovazioni principali di questo motore di ricerca, è stata l’introduzione dei “bang”, usato con il simbolo “!”.  I comandi “!” Bang eseguono le ricerche direttamente su altri motori di ricerca. A volte si sa che si desidera andare direttamente ad un altro sito per la ricerca e questi comandi permettono di farlo. Ad esempio, si supponga di voler cercare “borse” in Amazon. Basta digitare “!a borse” e DuckDuckGo ti porterà direttamente alla pagina corretta dei risultati di ricerca su Amazon.
Se nelle impostazioni avete regolato la vostra regione, il motore vi indirizzerà automaticamente al sito per quella regione. Ad esempio, se avete selezionato Italia come regione, il bang vi porterà direttamente su Amazon.it. A differenza di una ricerca su Google che per “borse amazon” restituirà una pagina di link per le borse presenti sul sito di Amazon, DuckDuckGo ti manda direttamente ai risultati rilevanti nella pagina principale di ricerca di Amazon. Attualmente DuckDuckGo possiede“bang” per seimila siti.  Gli utenti possono addirittura presentare le proprie idee per un“bang”.

duckduckgo-bang!

Molti studi hanno dimostrato che oltre il 95% degli utenti clicca su un risultato nella prima pagina dei risultati di ricerca che incontrano e quindi se un sito non è in una prima pagina può essere mortale per chi punta ad un business. Con DuckDuckGo non c’è nessun problema. Di default utilizza un’interfaccia di scorrimento infinito, quindi con l’unica pagina dei risultati basta il semplice movimento della rotella del mouse per scorrere l’elenco. Questo incoraggia gli utenti a prendere in considerazione anche i risultati più in fondo.

DuckDuckGo è nel posto giusto al momento giusto con il suo approccio alla privacy sul web. Con un modello di business che non si basa sul tracciamento dei dati degli utenti ed una strategia che può essere proficua con solo una piccola parte di mercato, DuckDuckGo ha le carte giuste per continuare a salire e catturare nuovi utenti.

 

Via