Per i fotografi o apprendisti tali, avere degli occhiali rende il tutto piuttosto complicato. Nonostante ciò, esistono dei metodi per poter utilizzare contemporaneamente sia la macchina fotografica che la montatura degli occhiali senza dover perdere troppo tempo.

Di fatto, al giorno d’oggi avere problemi alla vista non è un limite se si tratta di scattare foto: a parte qualche problema di messa a fuoco infatti, anche un ipovedente al giorno d’oggi può essere un ottimo fotografo. In questo breve articolo parleremo proprio di come ottimizzare l’utilizzo di una macchina fotografica da parte di chi ha qualche difficoltà nell’ambito della vista.

Fotografo con gli occhiali? Ecco qualche interessante trucco per usare al meglio la macchina fotografica!

Potresti non saperlo ancora, ma il mirino di ogni buona fotocamera reflex, per esempio, ha un quadrante di regolazione diottrica che consente di regolarla per adattarlo al tuo grado di vista. Si tratta di una piccola ruota accanto al mirino che i fotografi meno esperti non conoscono.

Regolando le diottrie del mirino, potrai guardarlo e vedere tutto come se stessi indossando gli occhiali. Tutte le informazioni come la velocità dell’otturatore e l’apertura saranno anche nitide, quindi, anche se non puoi leggere lo schermo sul retro della fotocamera, puoi ancora vedere le impostazioni della tua fotocamera.

Le regolazioni diottriche incorporate vanno da circa +1 a -3, a seconda della fotocamera. Se la tua mancanza rientra in tale intervallo, continua questa lettura per regolare il mirino agevolmente. Se il tuo problema è più accentuato, non preoccuparti: sia Canon che Nikon offrono obiettivi per mirini aggiuntivi e più potenti.

Come usare l’autofocus al meglio

L’autofocus nelle fotocamere moderne è incredibile ma, come tutte le funzioni automatiche contenute nella tua fotocamera, è gestibile in maniera accettabile solo quando la conosci in maniera approfondita. C’è molto che puoi regolare con l’autofocus, dalla modalità (singola, continua o ibrida), all’area che viene utilizzata per l’autofocus (un singolo punto, una zona o l’intero sistema di messa a fuoco automatica), a come reagisce la messa a fuoco automatica a seconda delle diverse situazioni in cui avviene lo scatto.

Per fortuna le macchine fotografiche moderno non funzionano a rullino e, in tal senso, è possibile scattare innumerevoli foto per fare pratica con uno strumento potente ma al contempo che necessita di una certa dimestichezza per essere padroneggiato.

Questione focus

Il modo più semplice per evitare di perdere il focus è di non preoccuparsene affatto! I fotoreporter professionisti impostano l’obiettivo su f / 8 (a patto che non si stia utilizzando un grande teleobiettivo): a questo punto basta premere il pulsante di scatto otterrete una foto di notizie nitida e utilizzabile con una profondità di campo sufficiente a mostrare l’intera scena.

Usa lo schermo Live View e lo zoom

Questo è un piccolo consiglio: se hai difficoltà a vedere la schermata di visualizzazione dal vivo sul retro della fotocamera e quindi a utilizzare la funzione di zoom, generalmente esiste un pulsante con una lente di ingrandimento nei menu dei vari modelli tramite cui è possibile attivarlo. Funziona sia quando si esaminano le immagini, sia quando si scattano le foto. Aumentando lo zoom, puoi far risaltare i piccoli dettagli e può essere molto utile se vuoi effettuare scatti particolari.

In conclusione, se i grandi compositori possono essere sordi, non c’è motivo per cui i grandi fotografi non possano avere difficoltà a livello di vista. Certo, il lavoro sarà un filo più complesso, ma imparando come usare l’autofocus o semplicemente tenendo conto della mancanza di messa a fuoco, puoi comunque scattare foto incredibili.