Hai mai provato a scrivere testi lunghi e con molto testo su una comunissima tastiera touchscreen? A lungo andare questa attività può risultare davvero scomoda e frustrante.

Se, per necessità particolari o di lavoro, devi passare molto tempo al giorno a scrivere testo su uno smartphone, è forse necessario trovare qualche piccola accortezza per trasformare il tuo dispositivo in una vera e propria stazione di scrittura mobile.

Facebook

Il touch screen non basta più? Ecco come creare una stazione mobile per la scrittura

Tieni sempre presente una cosa: se stai pensando di lavorare con il tuo smartphone, sei fuori strada. Per attività intense e ripetute nel tempo è sempre e comunque consigliato l’utilizzo di un laptop o di un device simile.

In caso contrario, tieni presente che la tastiera touch non è l’unica tecnologia a cui dovrai dire addio.

Gli smartphone sono ormai vere e proprie stazioni multimediali: possono riprodurre musica e video di YouTube, ma anche fungere da mini schermo per i film. Sanno fare tutto discretamente… ma nulla alla perfezione! Anche la scrittura rientra in questa logica.

Una buona custodia

Sì, teoricamente questo gadget non è prettamente legato alla scrittura. Ma ogni smartphone o iPhone dovrebbe essere adeguatamente protetto. Se già un dispositivo del genere è prezioso naturalmente (sia per quanto riguarda il prezzo intrinseco del device, sia per ciò che vi è contenuto), se questo diventa una fonte di scrittura e di lavoro è ancor di più da tutelare.

Inoltre, questo tipo di optional può aiutare a mantenere fisso il dispositivo: in tal senso si può anche pensare di sostituirlo dei sostegni (anch’essi disponibili per i più comuni modelli di smartphone). Naturalmente è indispensabile scegliere una custodia adatta al tipo di modello e che non interferisca con il funzionamento del touch screen…

Tastiera bluetooth? Imprescindibile!

Adottare una tastiera bluetooth è un passo fondamentale per poter scrivere agevolmente con il tuo smartphone.

Le tastiere Bluetooth hanno un aspetto simile a quelle classiche e, in quanto tale, rappresentano un modo migliore per scrivere rispetto a una tastiera touch (pratica solo per sms o simili). Nota bene: assicurati che il tuo telefono possa accettare i dispositivi Bluetooth prima di averne uno!

Le app adatte allo scopo

Per “costruire” una stazione mobile per la scrittura, serve anche il software adatto.

Anche per quanto riguarda l’ambiente mobile, esistono una serie di app word processor di buon livello e ricchi di funzionalità e possibilità per quanto riguarda la formattazione.

Alcuni nomi interessanti?

  • Writer Plus, un kit completo di elaborazione testi progettato per funzionare senza problemi con i dispositivi mobili. È molto leggero e si presenta come un’app semplice e snella.
  • JotterPad dal canto suo, si presenta come un’app un po’ più profonda. Ha alcune buone opzioni per quanto riguarda la gestione dei caratteri oltre all’utilissima possibilità di salvare nel cloud i documenti creati.
  • Microsoft Word, ebbene sì, il word processor per eccellenza è anch’esso disponibile su mobile. La naturale compatibilità con OneDrive ne fa uno strumento ideale per chi vuole utilizzare il cloud per salvare i propri documenti.

Tempo di darsi alla scrittura!

Riunendo custodia, tastiera e app, sei pronto per cominciare a scrivere facilmente.
Una volta che hai tutti e tre, scrivere in movimento diventa molto facile. Se ti trovi a dover scrivere lunghi passaggi sul tuo smartphone mentre sei in viaggio, puoi usare un laptop o un telefono con una tastiera fisica; tuttavia, è molto più economico e conveniente convertire il tuo telefono in un dispositivo di scrittura come quello appena descritto.