Google ha presentato nell’evento “Colazione con Sundar Pichai” dello scorso mese Chromecast, una chiavetta multimediale da collegare al proprio televisore: essendo un prodotto nuovo in molti si staranno chiedendo a cosa serve. Noi di Outofbit cercheremo di fare chiarezza su questo interessante prodotto: iniziamo!

Cos’è Chromecast?

Chromecast non è “open”

chromecast-features-1

Chromecast non è Android e neanche Chromium: infatti non è mai stato presentato come prodotto “open source” e questo è una novità. Chromecast è una chiavetta multimediale che costa $35: permetterà all’utente di riprodurre e vedere contenuti da Youtube, Netflix e Chrome (il browser) con facilità (la procedura, a detta di Google, è costituita da pochi passaggi). Al momento della presentazione l’azienda di Mountain View ha detto che altre “cool stuff” verranno aggiunge a Chromecast ma non è mai stato detto che è “open and hackable”.

Il perchè di questa scelta è semplice: riproducendo contenuti multimediali, i vari provider avrebbero paura di perdere moltissimi soldi. Infatti se la base di Chromecast fosse stata Android, qualsiasi utente sarebbe stato in grado di vedere contenuti pay per view gratuitamente, andando a danneggiare i vari provider: per questo motivo Google ha deciso di “imitare” Xbox e Apple Tv in modo da attrarre investitori ed offrire un servizio completo agli acquirenti.

L’SDK non è ancora definitivo

L’SDK di Google Cast è tutt’ora “work-in progress”: questo significa che sviluppare app per esso non è ancora facile e potrebbero esserci problemi improvvisi.

Questo punto è riconducibile al punto precedente: Google sta cercando di tenere quante più cose possibili “riservate” in modo da fare gli interessi dei network TV e delle case produttrici.

Nonostante ciò, le persone che stanno usando l’SDK per creare le proprie app non lamentano nessun problema alle loro app dovuti ad aggiornamenti di Google: staremo a vedere come si evolverà la situazione.

E ora?

Al momento la Chromecast fa tutto ciò che era stato annunciato all’evento Google dello scorso mese: come allora le persone sono interessate a questo prodotto e si ha ancora un “sold out”.

Se volete effettuare lo streaming di contenuti dal vostro dispositivo Android alla vostra TV, comprate un Dongle Miracast, usate direttamente il vostro dispositivo (nel caso fosse Samsung o HTC) o usate cavo HDMI più adattatori vari: non comprate Chromecast con la speranza che sia un “All in one” in quanto al momento non lo è.

Invece se volete uno strumento gratuito per vedere video Youtube, Netflix (se siete residenti negli USA) e molti altri servizi simili allora comprate una Chromecast: è economica, funziona bene, è semplice e nei prossimi mesi Google potrebbe introdurre notevoli miglioramenti e nuove funzionalità.

Fateci sapere cosa ne pensate attraverso i commenti e non dimenticatevi di mettere “mi piace” alla nostra pagina Facebook!

Via