Finalmente, dopo un lungo, lunghissimo, periodo di attesa è arrivato l’Apple Watch serie 3 che non delude le aspettative e prova a confermare anche il successo di vendite delle due precedenti versioni. La prima grande novità del nuovo Apple Watch è la produzione di due versioni: una ‘GPS only’ e l’altra ‘4G/LTE’. Scopriamo nel dettaglio cosa ci riserva il nuovo smartwatch di casa Apple.

Recensione Apple Watch serie 3, come migliorare il top

Recensione Apple Watch serie 3

Scopriamo meglio com’è fatto e quali sono le novità e le caratteristiche del nuovo Apple Watch serie 3, il successore di uno smartwatch impeccabile.

Il design

Apparentemente l’Apple Watch serie 3 può sembrare molto simile a quelli di precedente generazione e, almeno dal punto di vista del design, è così. La scelta ‘conservativa’ di Apple è motivata da diverse esigenze, molte delle quali condivisibili e nettamente a vantaggio degli utenti. Perché cambiare, tanto per cambiare, se quanto fatto fino ad ora ha ottenuto l’apprezzamento del grande pubblico tanto da decretare il successo di Apple Watch e renderlo lo smartwatch più venduto? E ancora: con il design identico ai modelli precedenti si possono riutilizzare, senza doverli acquistare nuovamente, tutti gli accessori (cover, custodie, ecc) disponibili per questo dispositivo.

Design Apple Watch serie 3

Entrando nello specifico l’Apple Watch serie 3 ha un peso di 32.3g, molto leggero e mai fastidioso al polso. Sarà disponibile in tre diverse colorazioni (Oro, Silver e Nero) ed è realizzato con una scocca in alluminio (non più la ceramica come per l’Apple Watch serie 2). Il display è un OLED con una risoluzione da 340×327 pixel (per il modello da 38mm) e di 390×312 (per il modello da 42mm). Il vero è realizzato con la tecnologia Ion-X force Touch che lo rende molto resistente e sul retro troviamo l’irrinunciabile sensore HR per il rilevamento della frequenza cardiaca.

L’uso dell’Apple Watch serie 3

Il ‘cuore’ dell’Apple Watch serie 3 è il processore dual-core S3, che riduce sia i tempi di caricamento delle app che la fluidità e la rapidità di utilizzo di tutto lo smartwatch. A supportare e garantire tali prestazioni c’è anche il nuovo sistema operativo WatchOS 4 che introduce un’interfaccia nuova che visualizzerà promemoria, contenuti e informazioni in maniera dinamica, senza il bisogno di dover interagire con il dispositivo. In sviluppo c’è già un aggiornamento, WatchOS 4.1, che darà la possibilità di ascoltare la radio di Apple: Radio Beats1.

Controllo Apple Watch serie 3

Per quel che riguarda l’autonomia del dispositivo, la batteria da 279mAh fa egregiamente il suo lavoro assicurando un utilizzo continuativo di 2/3 giorni (in modalità sport) e di un paio di giorni (in modalità smartwatch). È disponibile attivare la modalità per il risparmio energetico per ridurre i consumi e ricaricare il 40% della batteria in soli 30 minuti, mentre per una ricarica completa ci vuole almeno un’ora e mezza.

Oltre al fondamentale cardiofrequenzimetro sull’Apple Watch serie 3 troviamo il barometro (molto utile per la modalità sport), le connessioni Bluetooth, WiFi e 4G/LTE nella versione dedicata.

Le eSIM

Per la versione 4G/LTE, che utilizza le eSim, almeno per l’Italia bisognerà attendere ancora un po’. Queste schede avranno lo stesso numero di telefono dell’iPhone al quale vengono associate, ma per utilizzarle bisognerà attivare piani tariffari specifici e questo potrebbe far storcere il naso a qualcuno, in quanto le indiscrezioni parlano di probabili rincari da parte degli operatori. Resta tutto da confermare, ma rimane l’importante novità di poter utilizzare lo smartwatch come telefono anche senza avere in tasca il proprio iPhone.

eSim Apple Watch serie 3

Siri c’è

Una delle novità più attese è sicuramente quella della presenza sull’Apple Watch serie 3 dell’assistente vocale Siri. A differenza dei precedenti Apple Watch, dove le risposte erano testuali sul display dello smartwatch, ora Siri parla davvero e interagisce con l’utente parlando direttamente dall’altoparlante che garantisce una qualità dell’audio molto buona.

Allenarsi con Apple Watch

Arriviamo adesso a uno dei punti più importanti della recensione di ogni smartwatch che si rispetti e, quindi, anche del nostro Apple Watch serie 3: la modalità allenamento. Gli smartwatch, di per sé, sono ‘semplici’ orologi digitali, con alcune funzioni in più, ma per quel che riguarda il monitoraggio dell’attività fisica conviene spesso orientarsi verso dispositivi dedicati come fitness tracker e smartband vari; in realtà molti dei migliori smartwatch, Apple Watch serie 3 compreso, mettono a disposizione un buon livello di hardware e software per rilevare ed elaborare i dati del proprio allenamento.

Allenamento Apple Watch serie 3

Grazie alla nuova grafica di WatchOS 4 (con le funzioni visualizzate ‘ad anelli’ sul display) e alla presenza del cardiofrequenzimetro, del barometro e della funzione High Intensity Interval Training (HIIT), è possibile avere una panoramica piuttosto dettagliata della propria attività fisica (sia per quel che riguarda allenamenti specifici che per il normale movimento quotidiano). È possibile personalizzare gli allenamenti e ricevere informazioni utili per migliorare la propria attività. A supporto ci sono tantissime app, da scaricare e installare, che offrono rilevazioni più dettagliate con le quali monitorare i progressi compiuti.

Un punto davvero interessante e da sottolineare di Apple Watch serie 3 è il livello di qualità del sensore per il controllo del battito cardiaco. In questa ultima versione, infatti, vengono misurati sia i battiti durante la giornata, sia in fase di recupero dopo l’allenamento, che quelli durante il riposo. Con questa panoramica, decisamente più completa e dettagliata di quella standard, il Watch 3 analizzerà la qualità della pressione cardiaca e, qualora questa dovesse superare i 120 battiti al minuto, invierà una notifica d’allarme, in quanto considera questi valori rischiosi e per i quali prestare attenzione. Un aspetto che potrebbe apparire marginale ma che in realtà è di fondamentale importanza.

Valutazione Apple Watch serie 3

Valutazione, acquisto e conclusioni

Per acquistare l’Apple Watch serie 3 è possibile farlo a partire da 399€, per la versione – lo ricordiamo – ‘GPS only’, in quanto per quella ‘4G/LTE’ bisognerà attendere ancora un po’. Complessivamente possiamo concludere che l’Apple Watch serie 3 migliora di molto le prestazioni e le funzionalità di questa serie di smartwatch, senza lasciare forse a bocca aperta. Non ci sono novità rivoluzionarie che fanno gridare al miracolo, ma per questo settore il Watch 3 resta il miglior smartwatch in circolazione. Comodo, leggero, completo e di supporto all’attività fisica e con una vasta gamma di funzionalità grazie alle numerose app che è possibile installare.

Insomma stiamo parlando di un dispositivo eccellente che rende ancora di più se sincronizzato con gli altri prodotti del mondo Apple. In attesa di poter valutare la versione 4G/LTE possiamo dire che ancora una volta un prodotto Apple, in questo caso l’Apple Watch serie 3, sarà il metro di paragone per tutti gli altri dispositivi di questa categoria.

Guida ai regali di Natale 2017 - banner - outofbit .