Dobbiamo dirlo: lo Xiaomi Mi5 è il terminale del momento! Questo smartphone, infatti, sta decisamente rubando la scena a tutti gli altri dispositivi di brand notevolmente più celebri, e sicuramente le ragioni dietro tale successo, sono più che fondate. Non sono un caso i 16 milioni di terminali in preorder che l’azienda deve, quasi inaspettatamente, assolvere (se vi siete persi l’articolo, sui 16 milioni di preorder dell’Mi5, non vi preoccupate, ecco il link!). Tra le tante buone notizie, però, una che probabilmente vi farà storcere la bocca. Andiamo a scoprire qual è il difetto dello Xiami Mi5 Standard Edition, subito dopo il salto.

Xiaomi-Mi5

Xiaomi Mi5 standard edition: una versione bloccata

Anche i migliori terminali presentano dei difetti, e anche questo Xiaomi Mi5 ne ha. Come vi abbiamo ampiamente trattato nelle scorse settimane, lo Xiaomi Mi5 uscirà in tre versioni: una standard edition, che potremmo definire come la versione base del terminale, con RAM da 3 Giga e memoria fissa da 32, una versione High Edition che ha 64 Giga di memoria fissa, e una versione Special Edition, con 4 Giga di Ram e 64 Giga di memoria fissa.

Chiaramente queste tre versioni differiscono anche per materiali e prezzo di listino. Proprio per questo, probabilmente, ha deciso di “castrare” la versione base, per cercare di vendere più modelli delle edizioni più costose.

Questa scelta, cosa comporta per il cliente che vuole comprare la versione base e risparmiare qualcosa? Sebbene tutte e tre le varianti presentino come processore il Qualcomm Snapdragon 820 (lo stesso processore per il mercato americano del Samsung Galaxy S7) la versione standard, lo ha bloccato. Se la frequenza delle versioni più costose, infatti, è da 2.15 GHz, questo modello ne ha in frequenza “solamente” 1.80 GHz, perdendo circa il 20% rispetto ai fratelli più pregiati.

Non cambia moltissimo per chi lo vuole acquistare, giacché le prestazioni sono comunque molto elevate (110k punti segnati da AnTuTu ai benchmark): se volete il top, però, meglio non prendere la versione base. 

Fonte

  • Nicola Lorenzi

    non capisco il problema, secondo me non è un difetto e lo hanno pure detto alla presentazione che il modello base aveva un clock inferiore, se ti va bene perdere un po di potenza che nel quotidiano non si nota prendi la base o se no le altre edizioni…

    • Onestamente non lo trovo un difetto nemmeno io, è solo una scelta di produrre differenti versioni e venderle a prezzi differenti in modo da accontentare un maggior numero di utenti.

    • Elisa Ceccarelli

      Ciao Nicola e grazie per il commento! Noi infatti non lo abbiamo definito come un problema, ma per dovere di cronaca dobbiamo informare i nostri lettori più esigenti che ha il processore bloccato e, sì, per alcuni di voi potrebbe esserlo! A presto!

  • Pingback: Huawei P9: trapelano i possibili prezzi in rete!()