Xbox One: 24 ore online, giochi usati e privacy Kinect

Xbox One

Xbox One è stata durante criticata per alcune sue caratteristiche quali la connessione permanente e la gestione dei giochi usati, tanto che dopo la sua presentazione Wii U ha avuto un notevole incremento delle vendite.

Microsoft in queste ore sta cercando di chiarire la situazione sulla nuova Xbox One sostenendo che necessiterà di effettuare una connessione ogni 24 ore per poter far funzionare correttamente i giochi. Infatti se non verrà effettuata una connessione ogni 24 ore il gioco offline verrà di fatto bloccato fino alla successiva connessione ai server microsoft. Live TV, Blu-ray e film in DVD invece continueranno a funzionare indipendentemente dalla connessione internet.

Oltre allo scomodo fattore della necessità della connessione, indiscutibilmente utile per combattere il dilagante fenomeno della pirateria ma altrettanto discutibile visto la necessità di una connessione che potrebbe non essere sempre disponibile, si aggiunge la questione sui giochi usati dove Microsoft sostiene che la “tassa” sugli usati potrà essere applicata a discrezione dei publisher dei videogames, ma aggiunge anche che i dischi di gioco potranno essere scambiati solamente fra “amici”, ovvero fra persone che siano nella lista degli amici su Xbox One da almeno 30 giorni, ed i giochi potranno essere scambiati/rivenduti una sola volta.

Infine, Microsoft si sta occupando anche alcune di preoccupazioni riguardanti privacy e Kinect. Il sensore infatti ascolterà ogni singola parola pronunciata nell’arco della giornata visto che rimane attivo 24 ore su 24 per dare la possibilità di accendere l’Xbox One semplicemente pronunciando la prola Xbox, creando quindi problemi di privacy, Microsoft però conferma che questa modalità potrà essere disattivata.

 

Stavolta sembra davvero che Microsoft abbia voluto esagerare e rischia di rimetterci in fatto di vendite, forse la connessione fissa e il limite ai giochi usati sono eccessivi.

 

Via