UMIDIGI ha ufficialmente presentato sul mercato il dispositivo UMI Z Pro, molto simile al suo predecessore ma con qualche interessante novità.

UMIDIGI Z ProUMIDIGI (conosciuta precedentemente come Umi) ha ufficialmente effettuato il suo debutto sul mercato al Mobile World Congress 2017 di Barcellona. E’ proprio qui che UMIDIGI ha presentato uno dei suoi dispositivi più interessanti. Stiamo parlando di UMIDIGI Z Pro, un upgrade del modello precedente UMI Z con cui ha in comune un bel po’ di caratteristiche, compreso il design.
Siete curiosi di scoprire le principali caratteristiche del nuovo arrivato in casa UMIDIGI? Nei paragrafi che seguono, scopriremo tutti i segreti del nuovo device.

UMIDIGI Z Pro: le caratteristiche

Abbiamo parlato di un device molto simile al modello precedente UMI Z, seppure con qualche differenza. Iniziamo dalla fotocamera che è sostanzialmente uguale a quella del suo predecessore, con un’unica eccezione: in UMIDIGI Z Pro, la fotocamera è dotata di doppio sensore. 

Il device monta inoltre due fotocamere Sony IMX258 da 13 mega-pixel: una di esse è in bianco e nero mentre l’altra è RGB. Molto interessanti sono le funzionalità dell’app Camera che è possibile utilizzare su UMI Z Pro, insieme ad alcune modalità di scatto, tra cui segnaliamo quella Bokeh che ci permette di regolare la sfocatura dopo aver scattato la nostra foto. Molto interessante è anche la modalità Mono che ci permette di scattare foto utilizzando solo il sensore B&W da 13 mega-pixel.
La fotocamera frontale di Z Pro è invece dotata di un sensore Samsung da 13 mega-pixel.
Il nuovo arrivato in casa UMIDIGI è inoltre dotato di un display – prodotto da Sharp – da 5.5 pollici di diagonale con un’ottima risoluzione Full HD 1920 x 1080 pixel e, grazie alla tecnologia IPS, ha una densità di pixel di 441 PPI.

UMI Z Pro e l’aggiornamento a Nougat

Quanto alla dotazione software, ricordiamo che su UMI Z Pro è installato Android 6.0 Marshmallow. Il device, dunque, non è commercializzato con Android 7 Nougat ma niente paura: l’aggiornamento a Nougat potrà essere effettuato nei prossimi mesi.