News

La tosse registrata sullo smartphone potrà dirci se abbiamo il Covid-19

tosse smartphone covid registrare

Fino a quando la pandemia di coronavirus non ha fatto il suo ingresso nelle nostre vite, nessuno badava troppo ad un colpo di tosse emesso da altre persone. Al massimo ci si poteva infastidire se qualcuno tossiva nella nostra direzione o verso il nostro pasto. Le cose sono decisamente cambiate negli ultimi due anni, proprio a causa del Covid-19: basta un colpo di tosse per scatenare paura e diffidenza.

tosse smartphone covid registrare

La tosse è un possibile sintomo di infezione da coronavirus e il suo suono potrebbe dirci molto più di quanto pensiamo: per farla breve, un semplice colpo di tosse può dirci se la persona in questione è realmente affetta da Covid-19 oppure no.

Il Wall Street Journal ha pubblicato di recente un articolo sulle iniziative di vari stabilimenti che stanno investendo molte risorse per essere in grado di identificare varie malattie attraverso il suono della tosse di un paziente. Questo, infatti, può essere registrato su uno smartphone restando comodamente seduti sul divano di casa.

La società Hyfe Inc., con sede nello stato americano del Delaware, ha già pubblicato due app, una delle quali è disponibile per i consumatori che accettano di usarla per registrare la propria tosse per motivi di ricerca (mentre l’altra è per i ricercatori stessi, ndr).

Ogni malattia respiratoria ha la sua tosse

I colpi di tosse sono diversi a seconda della malattia: il loro suono potrebbe non essere distinguibile dall’orecchio umano, ma potrebbe essere rilevato e diagnosticato dall’intelligenza artificiale. Può avvenire non solo con il Covid-19, ma anche con molte altre malattie respiratorie come la tubercolosi, la polmonite, l’asma, la bronchite e via dicendo.

Ad esempio, una tosse da polmonite può essere riconosciuta dal crepitio in alcune parti dei polmoni, come sottolinea Peter Small, direttore medico di Hyfe. La tosse da asma, invece, è caratterizzata da un suono sibilante.

Bisogna ancora lavorare molto per arrivare ad una tecnologia basata sull’intelligenza artificiale in grado di identificare e diagnosticare in modo coerente e accurato le malattie respiratorie attraverso il suono della tosse: tuttavia, sono già migliaia le registrazioni di tosse di pazienti statunitensi e australiani raccolte in un database dell’università del Queensland, insieme alle loro cartelle cliniche.

La tecnologia potrebbe salvare migliaia di vite nei paesi del terzo mondo

Oltre a consentire l’identificazione dei pazienti con COVID-19 tramite i colpi di tosse, i ricercatori affermano che una tale svolta nella tecnologia dell’intelligenza artificiale potrebbe avere un impatto enorme, in particolare nei paesi più poveri.

Basti pensare che in Sudafrica la metà di tutte le persone che muoiono di tubercolosi non ha mai fatto alcun test per individuare la malattia, nonostante la tosse da tubercolosi abbia schemi acustici distintivi. Proprio la nuova tecnologia potrebbe abbassare notevolmente il tasso di mortalità per tubercolosi nel Paese.

 


Fonte Phone Arena

Potrebbero interessarti
AndroidNewsTablet

Nokia lancerà il tablet T20 il 6 ottobre (e forse anche uno smartphone)

AndroidNewsSmartphone

Google dovrebbe presentare ufficialmente i Pixel 6 il 19 ottobre

AppleNews

iOS 15, è il grande giorno: Apple svela le ultime novità

AndroidNewsSmartphone

Un bug ha colpito diversi smartphone Samsung: di cosa si tratta?