Tablet ultra-sottili che possono passare da una taglia small a una extra large. A lavorarci, gli ingegneri della Michigan State University negli Stati Uniti.

Il futuro vedrà tablet ultra-sottili capaci di assumere forme ma soprattutto dimensioni diverse. E poi, carta da parati per trasformare un’intera parete in un maxi display. Tutto questo potrebbe diventare realtà grazie ad una nuova tecnica di stampa a basso costo. Una soluzione, scendiamo nei dettagli, che permette di produrre circuiti integrati elastici usando una comune stampante a getto d’inchiostro.

Insomma, la novità arriva dagli ingegneri della Michigan State University, negli Stati Uniti, che descrivono le potenziali applicazioni sulla rivista Acs Nano.

Come ha spiegato il coordinatore dello studio, Chuan Wang: “Potremmo rendere i costi di produzione dell’elettronica flessibile paragonabili a quelli della stampa dei giornali. Il nostro lavoro potrebbe presto portare a display stampati che possono essere facilmente stirati per aumentarne le dimensioni, così come a dispositivi elettronici indossabili e a nuove applicazioni per i robot morbidi”.

Cerchiamo allora di scoprire, per quanto possibile, il segreto di questa nuova tecnologia. Tuto starebbe nella particolare composizione degli inchiostri usati per la stampa: al loro interno, ci sono diversi composti organici e nanomateriali dissolti in soluzione. Inseriti in una comune stampante ad inchiostro, permettono di realizzare tre componenti fondamentali: il materiale elastico, il circuito e il diodo organico a emissione di luce (Oled).

Nel futuro – preferibilmente entro un anno, al massimo due volendo essere ottimisti – i ricercatori vorrebbero combinare il circuito e l’Oled in un unico pixel: un risultato necessario per la commercializzazione della nuova tecnologia. Attendiamo fiduciosi, come facciamo sempre di fronte a ogni importante novità.