Il noto picchiaduro tra il cartoonesco e il super deformed che ha fatto la fortuna di Nintendo sta per tornare su Wii U. Nuove rivelazioni e curiosità sul gameplay si susseguono.

super smash bros

Super Smash Bros, Nintendo è pronta

Si tratta ormai di un dato di fatto: la longevità di Nintendo, specialmente in campo console, dipende intrinsecamente dalla sua capacità di sfornare titoli che, in una maniera o nell’altra, hanno decisamente finito per rappresentare la console stessa. Così è accaduto con Super Smash Bros, che fin dagli esordi su Nintendo 64 ha saputo trascinare i giocatori in una spirale di risate a colpi di beat ’em up. Super Smash Bros è pronto per tornare in esclusiva Wii U; scopriamo perciò cosa aspettarsi dalla release imminente.

La nuova release promette innanzitutto di soddisfare le aspettative di un vasto numero di giocatori con livelli di esperienza differenti, passando dal picchiatore supercompetitivo a chi cerca niente più di qualche scontro casuale su Wii U. Il button mashing, che ancora potrà acquisire valore notevole, si affianca all’esordio degli Amiibo, piccole statuette che ricordano le alternative NFC e le action figures studiate per Skylanders. Le statuine in questione sono effettivamente appetibili, e riproducono abbastanza degnamente i personaggi da cui è stata tratta ispirazione. Per modificare i nostri personaggi, non dovremo fare altro che avvicinarla al GamePad, ottenendo nuove personalizzazioni, tra cui il roster di attacchi.

I livelli di gioco si intrecciano con le capacità di una AI del tutto rinnovata, scegliendo tra stili d’attacco alternativamente offensivi e difensivi, a seconda delle nostre attitudini. Tra le modalità confermate abbiamo infine un Classic Mode (scontri a gruppi da battere in continua ascesa), ed Eventi, che infarcirà le dinamiche di gioco con elementi del tutto imprevedibili e coalizioni improbabili con altri personaggi. Attendiamo quindi Super Smash Bros con la giusta trepidante attenzione, per un nuovo anno pieno di sfide e “dure legnate”.