Apple-vs-Samsung-guerra-brevetti
La guerra di brevetti tra Apple e Samsung riprende ancora una volta, dopo una pausa durate solo pochi mesi, ricomincia la guerra di brevetti tra i due principali “nemici” del mondo smartphone. Gli ultimi dati relativi allo scontro legale tra le due aziende, vede la multinazionale Sudcoreana con un grande vantaggio.
La motivazione è resa disponibile da parte dell’ufficio brevetti USA, che ha diversificato l’esito della causa legale. Secondo gli avvocati Samsung non deve pagare alcun risarcimento a Apple, che aveva richiesto circa mezzo miliardo di dollari.

La causa era stata scatenata in riferimento n D618677 relativo a iPhone 3G.
I giudici hanno confermato che per ottenere l’approvazione del brevetto, con una data antecedente rispetto alla reale presentazione è necessario essere a conoscenza di un dettaglio noto a tutti i produttori. Se il brevetto dovesse essere rifiutato, il produttore ha il diritto di applicare nuove modifiche anche in seguito.
In base alle norme di questo sistema, il brevetto su iPhone3G, presentato da Apple esattamente il cinque gennaio del 2007 era generico, in seguito sono state integrate delle modifiche e l’azienda di Cupertino, secondo le leggi non ha diritto al risarcimento da Samsung. La conferma arriva dall’ufficio brevetti Americano, confermando che le modifiche apportate successivamente erano troppe rispetto al modello iniziale.
Per questo motivo i cambiamenti apportati sono validi solo da novembre 2008. La decisione finale da conferma finale a Samsung, che non ha infranto alcun brevetto dell’azienda di Cupertino, visto che gli eventi citati risalgono proprio in quel periodo. La faccenda va avanti da tempo e per questo Samsung, dovrebbe aver evitato qualsiasi multa, di sicuro questo scontro legale andrà avanti ancora per qualche tempo e con la quasi sicura vincita da parte di Samsung.
Ancora una volta Apple perde una battaglia già persa in partenza.

Guida ai regali di Natale 2017 - banner - outofbit .