Ti hanno bloccato o sei stato bloccato? Ecco cosa succede realmente…

Se non puoi telefonare a qualcuno o non risponde ai tuoi messaggi di testo, potrebbe averti bloccato. Perché ciò avviene? I motivi possono essere i più disparati e ciò va spesso al di là della sfera prettamente tecnologica.

Questa guida, oltre a spiegarti come sapere se il tuo contatto è stato bloccato su iPhone, spiega anche come a tua volta puoi bloccarne uno: qualcuno continua a tormentarti con chiamate ripetute o con una valanga di sms? Se sei in possesso di un melafonino abbiamo in serbo la soluzione ai tuoi mali.

Come bloccare call center su iPhone

 

Non farti prendere dalla paranoia: potrebbe essere un problema di linea o il telefono ricevente potrebbe essere spento

Seppur si tratta di un’opzione possibile, non dovresti dannarti l’anima all’idea che qualcuno ti abbia bloccato. Va innanzi tutti chiarito come in effetti non esiste un modo che garantisce al 100% di capire se sei stato bloccato, a meno di non appurare materialmente sul cellulare del diretto interessato o chiedendo chiarimenti di persona.

 

Ciò che possiamo invece chiarire è cosa avviene quando un numero blocca un altro: mentre sul prima si sentono gli squilli, sul secondo non accade assolutamente nulla. Chi chiama, dopo alcuni squilli, viene avviato verso un messaggio vocale. Naturalmente, anche in caso di rilascio di messaggio, il ricevente non avrà mai una notifica di ciò.

Cosa succede agli sms bloccati?

Quando invii un messaggio di testo a qualcuno che ti ha bloccato, questo viene inviato normalmente e non viene visualizzato un messaggio di errore.

Per quanto riguarda gli utenti iPhone c’è però (o meglio c’era) un appiglio: inviando un iMessage è infatti possibile capire se siamo stati bloccati. Tentando l’invio di esso infatti, dopo un paio di minuti, esso veniva fino a poco tempo fa rispedito al mittente.

Perché parlo al passato? Semplice: Apple ha aggiornato iOS (a partire dalla versione 9) in modo che, se si tenta di inviare un iMessage a qualcuno che ti ha bloccato, verrà immediatamente visualizzato “Inviato” e rimarrà tale senza tradire il blocco.

Quindi sono stato bloccato?

Una prova tangibile e piuttosto attendibile però esiste e consiste in una normale chiamata e, più precisamente, nel numero di squilli: se la segreteria telefonica scatta dopo un solo squillo è probabile che tu sia stato realmente bloccato, se essa viene attivata dopo più squilli, allora potrebbe trattarsi di un problema di linea o dal semplice fatto che il ricevente ha lo smartphone spento.

Con la modalità “Non disturbare” il telefono suona ugualmente ma senza messaggio sonoro.