Samsung, la riparazione fai da te abbatte i costi e protegge l'ambiente

samsung galaxy
Seguici su Google News

Non è passato molto tempo da quando Samsung ha annunciato un programma di autoriparazione per i suoi telefoni e tablet. Ora, stando a quanto trapelato online, la società starebbe valutando l'utilizzo di parti riciclate per le riparazioni.

Samsung ha dichiarato il mese scorso di aver intrapreso una partnership con gli esperti di riparazione di iFixit per semplificare le riparazioni fai-da-te. L'azienda sudcoreana avvierà questo percorso vendendo componenti come display, vetro posteriore e porte di ricarica per Galaxy S20, Galaxy S21 e Galaxy Tab S7+. I consumatori interessati a ripararsi da soli i propri dispositivi avranno anche accesso a strumenti di riparazione e guide dettagliate.

Samsung ha inoltre affermato che i consumatori potranno restituire le parti usate all'azienda per un riciclaggio responsabile. Come riporta il sito Business Korea, il colosso sudcoreano potrebbe introdurre un programma di parti riciclate nella prima metà del 2022.

samsung riparazione

Gli utenti sanno bene come gli smartphone, in particolare i top di gamma, possano risultare molto costosi da riparare: tanto per fare un esempio, lo schermo del Galaxy S22 può arrivare a costare anche fino a 200 euro per la riparazione. Business Korea riferisce che con il nuovo programma di parti riciclate il costo di riparazione del display sarà la metà di quello attuale, con vantaggi anche dal punto di vista ambientale.

La qualità e le prestazioni dei componenti riciclati saranno all'incirca pari a quelle delle parti nuove, secondo quanto emerso nel report. Anche il Samsung Galaxy S22, l'ultimo top di gamma lanciato dalla società con sede a Seul, è dotato di plastica proveniente da reti da pesca riciclate, pertanto si può dire che Samsung sa sicuramente il fatto suo riguardo i componenti riciclati.

I recenti dispositivi Samsung sono idonei per un massimo di quattro aggiornamenti del sistema operativo Android: pertanto, la possibilità di non dover necessariamente acquistare un nuovo telefono se la batteria si esaurisce o il display si rompe è senza dubbio un'ottima notizia per gli utenti.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2021 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram