La guerra tra Samsung e iPhone è praticamente infinita, e a beneficiarne sono soprattutto gli utenti finali che possono contare su dispositivi sempre più performanti e ricchi di features interessanti e all’avanguardia. Le ultime info riguardano la decisione di Samsung di puntare soprattutto sulla fluidità e reattività dei suoi terminali per superare i terminali dell’azienda di Cupertino nel 2016 che sta per venire. Andiamo a scoprire le mosse e le strategie dell’azienda coreana che sfida l’americana Apple in un duello senza fine.

Samsung-vs-Apple-BT

Samsung Galaxy contro Apple: nella sfida continua Samsung cala l’asso

Se fosse una partita di poker, diremmo che Samsung è pronta a calare l’asso e a prendere un punto decisivo nel torneo dove la rivale principale è Apple. La mossa è quella di rendere il Samsung Galaxy S7 e il Samsung Galaxy Note 6 più fluidi dell’iPhone 7, battendo Apple proprio in ciò che ritiene essere il suo punto di forza maggiore.

L’interfaccia TouchWiz su cui stanno lavorando nei laboratori Samsung sarà più reattiva che mai, con una risposta immediata nei tocchi dell’utente, senza far passare neanche un millesimo di secondo di ritardo.

Un grande aiuto in tal senso lo sta fornendo Google: Big G, infatti, sta collaborando a tutto tondo con l’azienda coreana per rendere i terminali incredibilmente reattivi. D’altra parte un terminale con Android che batta i terminali con a bordo iOS sotto il profilo della reattività, non fa che il gioco dell’azienda di Mountain View, oltre che di Samsung.

Un punto a favore saranno le nuove Micro SD card. Dopo averle tolte e subito le proteste vistose degli utenti, quelli di Samsung hanno deciso di reintrodurre le Micro SD Card sui Samsung Galaxy S7 e sui Samsung Galaxy Note 6, però introducendo le memorie UFS 2.0, che sono in grado di migliorare sia sotto il profilo della quantità che sotto quello della qualità, i dati in esse memorizzati senza creare problemi di sorta sulla reattività dei dispositivi.