Samsung ha annunciato che rilascerà il suo primo smartphone 5G nella prima settimana di aprile in Corea del Sud. Ancora una volta il gigante di Seul ha anticipato la concorrenza, dato che si tratterà del primo dispositivo mobile al mondo con funzionalità di rete di prossima generazione.

samsung galaxy 5G

Il colosso sudcoreano ha dichiarato che il modello 5G del Galaxy S10 sarà in vendita a partire dal prossimo 5 aprile, senza un programma di pre-ordine: lo riporta l’agenzia Yonhap. Sebbene Samsung non abbia rivelato il prezzo, secondo le fonti del settore il telefono costerà all’incirca 1,5 milioni di won sudcoreani, pari a circa 1165 euro.

Nella giornata di lunedì, la National Radio Research Agency, di proprietà statale, ha dichiarato che il modello 5G del Galaxy S10 ha superato il test di verifica del segnale, dando il via libera al suo lancio nel mercato sudcoreano.

I tre operatori di telefonia mobile della Corea del Sud si stanno preparando a lanciare il servizio commerciale 5G per lo smartphone Samsung realizzato per la rete ad alta velocità.

Questa notizia ha ovviamente fomentato tutti gli appassionati dei prodotti Samsung, che non vedono l’ora di avere tra le mani il primo smartphone 5G. Tuttavia, l’azienda di Seul è al lavoro anche su altri aspetti, a cominciare dai doverosi aggiornamenti per i dispositivi più datati.

Dopo il Samsung Galaxy A8 + (2018), anche i possessori del Samsung Galaxy A6 + stanno iniziando a ricevere l’aggiornamento ad Android 9 Pie. Al momento l’aggiornamento è stato segnalato in Polonia, ma presto dovrebbe essere disponibile anche negli altri mercati. La versione del firmware rilasciata in Polonia è A605FNXXU3BSC6, e porta con sè l’ultima versione del robottino verde insieme alla One UI, ovvero l’interfaccia personalizzata di Samsung. L’aggiornamento si sta diffondendo in modalità OTA, pertanto raggiungerà tutti i dispositivi interessati nel giro di qualche giorno.

Il peso di questo update, stando a quanto riferito dal portale SamMobile, è di 1282.24 MB: molto probabilmente l’aggiornamento porta con sè anche le patch di sicurezza di marzo 2019.