Se siete tra i pochi fortunati ad essere in possesso del nuovo Samsung Galaxy Note 5 e se siete dei maniaci del modding, allora siete finiti  nel posto giusto.

Samsung-Galaxy-Note-5-(1)

In questa nostra guida, vi faremo vedere come ottenere i fatidici Permessi di Root sul nuovo phablet dell’azienda Coreana. Senza perderci in chiacchiere inutili, diamo inizio alla guida.

Samsung Galaxy Note 5: Come ottenere i Permessi di Root | Guida

Avvertenze: OutOfBit.it non si assume nessuna responsabilità di malfunzionamenti ai vostri dispositivi. Le operazioni descritte vengono eseguite quotidianamente da milioni di persone in tutto il mondo, quindi il procedimento funziona. Se fate qualcosa di sbagliato lo avrete fatto con le vostre mani.

Download file necessari:

  • Nable Kernel per le variante N920T;
  • Nable Kernel per le variante N920P;
  • Installare Odin sul proprio computer;
  • TWRP Recovery >>Download<<.

Premessa:

Come sempre, quando si parla di modding, vi invitiamo vivamente ad effettuare un back-up completo dei vostri dati nel caso in cui dovesse andare male durante la procedura di root.

Procedura Completa – permessi di Root:

  • Scaricare il Nable Kernel, linkato sopra, per la variante del vostro Samsung Galaxy Note 5;
  • Scaricare e installare sul vostro computer il software Odin;
  • Una volta scaricati tutti i file, non dovete far altro che aprire Odin sul vostro computer e cliccare sul tasto AP. Da qui, selezionare la cartella in cui è stato estratto il Noble Kernel precedentemente scaricato;
  • Spegnere il Samsung Galaxy Note 5 e riavviarlo in “Download Mode” (Da telefono spento, premere contemporaneamente il Tasto Power + volume giù). Quindi collegarlo al computer con il cavo micro USB;
  • Adesso, premere il tasto Start su Odin ed aspettare che il Noble Kernel venga flashato correttamente;
  • terminata la procedura, accendete lo smartphone e scaricare dal Google Play Store l’applicazione SuperSU.

Procedura Completa – Installazione TWRP Recovery:

  • Scaricare la TWRP recovery per il vostro modello;
  • Aprire nuovamente Odin sul computer e cliccare sul tasto AP. Quindi selezionare il file tar.md5 della cartella TWRP precedentemente scaricata;
  • Collegare il Samsung Galaxy Note 5 in maniera normale al computer e cliccare START su Odin;
  • Ad operazione finita, spegnere lo smartphone e riavviarlo attraverso la combinazione volume su + tasto centrale + tasto power per entrare nella TWRP recovery.

Conclusioni:

Ecco fatto. Adesso avete finalmente ottenuto i Permessi di Root. Adesso, potete “moddare” il vostro Samsung Galaxy Note 4 come meglio credete. Infine, se avete delle domande, dubbi esistenziali o qualsiasi altro problema, non esitate a contattarci.

  • Gerardo Basso

    Non credo che il flash della twrp o quasiasi altra recovery..lo si possa fare da telefono acceso..ma sempre in modalità download con debug usb attivo altrimenti si rischia di bruciare il terminale..ogni volta che si modifica il tel lo si fa da spento senno si entra in conflitto..una volta sbloccati i permessi di root allora possiamo provare app che diano accesso root e fare varie modifiche ma lo stesso discorso non vale per root e recovery..attenti a cio che combinate..informatevi bn..gli smartphone costano tnt nn fatevi influenzare da guide non affidabili..saluti

    • Giancarlo

      Grazie Gerardo per la tua segnalazione. Ho dimenticato di aggiungere una piccola parte del testo. Appena possibile sistemeró l’articolo. Grazie ancora 🙂

      • Gerardo Basso

        Di niente..le preciso sempre queste cose perchè quando ero alle prime armi grazie a molti geni ci ho rimesso..per questo dico attenzione a quando si fanno queste cose..specie oggi che uno Smartphone medio gamma parte dagli 450/500€..saluti