AndroidNewsSmartphone

Samsung brevetta un anello che funge da caricabatterie: si basa sull’energia cinetica (e non solo)

samsung anello caricabatterie

Le batterie degli smartphone hanno fatto certamente molta strada negli ultimi anni, consentendo ai dispositivi – specialmente quelli più prestanti – di godere di un’autonomia molto più elevata rispetto al passato.

samsung anello caricabatterie

Anche nel 2020 (ormai quasi 2021), la questione relativa alla batteria continua ad essere dominante e determina la scelta di uno smartphone rispetto ad un altro. I nostri telefoni riescono ormai a ricoprire il ruolo di più dispositivi e in alcuni casi vanno a sostituire addirittura i nostri portafogli: per questo, averli sempre con una buona percentuale di carica è un aspetto irrinunciabile. Un power bank o una custodia per batteria rappresentano alcune delle soluzioni maggiormente in voga al giorno d’oggi, ma Samsung sta immaginando qualcosa di molto più elegante per il futuro.

Un brevetto depositato dal gigante di Seul presso l’ufficio brevetti della Corea del Sud è stato reso pubblico nelle scorse ore, rivelando un piccolo dispositivo molto curioso. Il brevetto, rapidamente individuato da GalaxyClub, descrive una specie di anello realizzato proprio con lo scopo di ricaricare lo smartphone.

Il dispositivo non è alimentato da una batteria: si nota invece un disco magnetico all’interno dell’anello, che crea elettricità una volta “spostato” dai movimenti della mano. Per farla breve, Samsung sta lavorando ad una soluzione che prevede un minuscolo generatore incorporato nell’anello. Ma non è tutto. Oltre all’energia cinetica dei movimenti dell’utente, l’anello sarà anche in grado di trasformare il calore del corpo in elettricità, almeno stando a quanto riportato nel brevetto.

Naturalmente sarà presente anche una minuscola batteria per trattenere l’elettricità generata prima di trasferirla sul telefono. Ed è qui che entra in gioco la parte intelligente dell’anello. Invece di dover collegare il telefono con un cavo o lasciarlo su un caricabatterie, l’anello caricherà il telefono anche durante l’utilizzo dello stesso. Basta tenere in mano il proprio smartphone per rendersi conto che il dito medio si trova proprio nella stessa posizione delle bobine di ricarica wireless.

Va comunque sottolineato, anche in questo caso, che finora si tratta solo di un brevetto, e che non è affatto detto che possa davvero realizzarsi in un prodotto vero e proprio. D’altronde questo anello ha una serie di sfide da superare, principalmente legate alle dimensioni dei componenti. Raccogliere la potenza del nostro movimento non è certo una novità: gli orologi lo hanno fatto per molti decenni, ma i telefoni richiedono molta più energia per funzionare, pertanto non resta che aspettare e vedere quanto sarà effettivamente fattibile un dispositivo come questo.

Non perderti le nostre guide e recensioni, seguici su Telegram: t.me/OutOfBitit

Fonte Phone Arena

banner telegram - canale offerte

Bio autore

Mi piacciono molto il calcio, la carbonara, gli aperitivi e saper ascoltare. Non mi piacciono elite autoreferenziali, violenza verbale e discriminazioni.
    Potrebbero interessarti
    AndroidNewsSmartphone

    Samsung Galaxy S21, ufficiali i nuovi top di gamma. Tutte le caratteristiche (e i prezzi) dei tre modelli

    AndroidNewsSmartphone

    Samsung Galaxy S21, è il grande giorno: Evan Blass conferma quasi tutte le specifiche dei tre nuovi telefoni

    NewsPC

    CES 2021, Asus scatenata: presentati i nuovi laptop per il gaming (e non solo), spiccano gli ZenBook

    AndroidGuide

    Come utilizzare la modalità Non disturbare su Android