AndroidNews

Redmi K40 (o Mi CC10?) avvistato sul sito 3C con ricarica rapida da 33 W

Redmi K40

Considerando che Xiaomi lancia una nuova generazione Redmi K ogni sei mesi circa e Redmi K30 Pro è uscito a marzo, non è strano che in queste settimane inizino le prime indiscrezioni in merito al Redmi K40. Il sito di certificazione cinese 3C ha certificato un telefono Xiaomi con un nome modello M2006J10C. Il dispositivo sarà fornito con il caricabatterie MDY-11-EX con funzione di ricarica rapida da 33 W in dotazione anche con il Redmi K30 Pro.

Redmi K40

Redmi K40 (o Mi CC10?) riceve certificazione 3C

La fonte della notizia è l’affidabile e prolifico leaker Digital Station che ha riportato su Weibo un’immagine che mostra un dispositivo Xiaomi certificato dal sito 3C. La ricarica rapida da 33 W suggerisce che il telefono potrebbe essere un dispositivo di fascia medio-alta, come il Redmi K40. Nel caso lo smartphone in questione non fosse il Redmi K40 (Pro), potrebbe essere il misterioso telefono Xiaomi con nome in codice “CAS”. Quest’ultimo dispositivo ci aspettiamo sis una variante della serie inedita Mi CC10 e pare che utilizzerà un sensore Samsung HM2 da 108 MP nella fotocamera principale e un obiettivo periscopio con zoom ottico 12x e digitale 120x.

Il Mi CC10 pare avrà di dotazione il nuovo Snapdragon 775G (SM7350), un chipset di fascia media aggiornato che Qualcomm ha ufficializzato proprio oggi. Questo SoC pare fornirà un enorme incremento in termini di CPU (fino al 40% grazie ai core Cortex-A77) e GPU (fino al 50%) rispetto all’S765G. A questo punto non  ci resta che continuare a tenere d’occhio i siti di certificazione e le piattaforme di benchmark per capire di quale telefono stiamo parlando.


Fonte gsmarena

Potrebbero interessarti
AppleiPhoneNews

Come sarà l'iPhone 15 Ultra? Le prime ipotesi sulle idee di Apple

News

Google chiude Stadia, addio al servizio: rimborsi in arrivo

AppleiPhoneNews

L'iPhone 14 Pro Max è richiestissimo: in futuro l'iPhone 15 Ultra?

AndroidNewsSmartphone

Galaxy S23 già a gennaio? Samsung ci starebbe pensando