Approfondimenti

La nuova droga del XXI secolo

Le cazzutissime truppe di Clash of Clans

Rieccomi qui a fare la mia solita riflessione (sembra quasi che non abbia niente meglio da fare, o forse è proprio così).

Nel precedente articolo (se ve lo siete perso basta cliccare qui, non sarete linciati, state tranquilli), abbiamo parlato di come mai non ci siano giochi di grande spessore disponibili negli store dei nostri telefonini.

In parte la risposta è ignota, ma se ci pensiamo davvero attentamente la soluzione è proprio sotto ai nostri occhi.

Analizziamo per un momento la donna/uomo dei nostri giorni: persona che lavora 5/6 giorni a settimana, carica di impegni, palestra, aperitivo, figli e chi più ne ha ne metta. È inevitabile che alla lunga si abbiano sempre meno tempo e forze per dedicarci al mondo videoludico. Quindi come possiamo fare? Facile (!), servono giochi rapidi, senza troppi fronzoli, quasi da “una botta e via”. Detto fatto, in poco tempo si è venuto a creare un nuovo tipo di droga.

Nonostante tutt’ora mi sciroppi giochi da 18-20 ore, questo stile di gioco si è sposato perfettamente anche con me e non riesco a fare a meno della mia sessione su telefono. Ma non tutti i giochi vanno bene, alcuni vengono a noia molto velocemente. Ci vuole qualcosa di semplice, ma sufficientemente intrigante da creare interesse.

Io sono riuscito a trovare in “Clash of Clans” il passatempo per definizione, basta che vi dica che ci gioco quotidianamente da più di un anno ininterrottamente. Non mi dilungherò nel farvi una recensione (ce ne sono a centinaia online), ma ci tengo a precisare un elemento chiave: le sue giocate da pochi minuti, anche a distanza non ravvicinata, sono il suo punto di forza, che lo hanno reso ufficialmente il videogame più giocato dal sottoscritto.

E ora tocca a voi.  Siete riusciti a trovare la vostra droga negli immensi store di questi famelici telefoni? Da quanto tempo vi attira? Quante ore le dedicate?

Raccontatemelo nei commenti.

 

Potrebbero interessarti
Approfondimenti

7 Cose che vorrei sulla Xiaomi Smart Band 8 (o nelle successive) | Editoriale

ApprofondimentiNews

Virtual Land: che cos'è e perché se ne parla sempre di più

ApprofondimentiGuideInternet

L'autenticazione biometrica non è così sicura, ecco perché

Approfondimenti

eSIM: cos'è, come funziona e chi può usarla?