Microsoft sta decidendo di puntare forte su Windows 10 e le mosse delle ultime settimane sembrano confermarlo. Tra un mese non sarà possibile aggiornare Windows 7 e 8 gratuitamente e l’azienda ha iniziato ad utilizzare una strategia più “aggressiva”.

A farne le spese è stata Teri Goldstein, che riceverà $10000 per l’installazione automatica di Windows 10.



10 mila dollari per un’installazione di Windows 10: periodo difficile per Microsoft!

microsoft paga 10 mila dollari per windows 10

Secondo quanto afferma il Seattle Times, questa signora americana, proprietaria di un agenzia di viaggi, si è vista installare automaticamente W10 sul suo PC lavorativo, rendendolo immediatamente inutilizzabile.

Teri ha deciso di portare Microsoft in tribunale per via dei mancati guadagni (e il cambio forzato di PC) e il giudice le ha dato ragione. La signora aveva anche provato a contattare l’assistenza, ma i tecnici dell’azienda non sono riusciti a risolvere il problema. Microsoft ha accettato di compensare immediatamente la signora, in quanto teme che un appello faccia lievitare i costi legali.

Questo è un caso estremo di un approccio di Microsoft, riguardo Windows 10, definito da molti esperti come aggressivo. Negli scorsi mesi le richieste di passare al nuovo sistema operativo sono risultate sempre più insistenti. Dal popup insistente ai tentativi di installare W10 insieme ad altri aggiornamenti, numerosi utenti hanno avuto vita difficile. E’ sicuramente vero che il nuovo sistema operativo porta benefici, soprattutto lato sicurezza, ma i problemi dovuti all’update non sono un caso remoto. Solamente un aggiornamento “pulito” previene conflitti, ma non è l’opzione di default.

Infatti per mantenere tutti i file personali, W10 si limita a sovrascrivere le aree più importanti del SO. Questo può portare a conflitti, in quanto alcuni file contengono riferimenti a funzioni cambiate da Windows 7 e 8.

La strategia di Microsoft è sicuramente comprensibile ma secondo noi dovrebbe essere offerto un maggiore supporto. Gli utenti business non possono in alcun modo perdere dati o ore di lavoro a causa di un aggiornamento non ottimizzato per le loro macchine.

Anche voi avete avuto problemi con il passaggio a Windows 10? Fatecelo sapere attraverso i commenti!