AndroidNewsSmartphone

Anche i Mate 50 di Huawei avranno la connettività satellitare?

huawei mate 50

Solo qualche giorno fa l’affidabile analista di TF International, Ming-Chi Kuo, affermava che gli iPhone 13 (che dovrebbero essere presentati ufficialmente tra circa due settimane, ndr) potrebbero essere dotati di un chip in banda base Qualcomm X60 costruito su misura, in modo tale da consentire all’intera gamma di supportare le comunicazioni satellitari in orbita terrestre bassa (Low Earth Orbit, meglio nota come LEO).

huawei mate 50

Tuttavia, almeno all’inizio i piani satellitari di Apple appaiono molto limitati. I possessori dei nuovi iPhone potranno utilizzare le comunicazioni satellitari solo durante le emergenze, vale a dire quando risulta impossibile sfruttare il servizio cellulare.

La serie Huawei Mate 50 offrirà un servizio SMS satellitare? 

Stando a quanto riportato nelle indiscrezioni, gli utenti potranno inviare messaggi ai primi soccorritori e segnalare problematiche serie come incidenti aerei, barche che affondano, incendi e molto altro ancora. Una funzione chiamata “Messaggio di emergenza via satellite” dovrebbe essere integrata nell’app Messaggi come terza opzione dopo SMS e iMessage, facilmente identificabile da un fumetto di testo grigio.

Un nuovo report afferma che l’iPhone 13 non sarà l’unico telefono a includere il supporto per la connettività satellitare in assenza del servizio cellulare. Un leaker ha infatti rivelato sulla piattaforma social Weibo (tramite GizChina) che la serie top di gamma Huawei Mate 50 (attualmente in ritardo, ndr) potrebbe essere dotata del supporto per il sistema satellitare Beidou. Questa funzione consentirà agli utenti di comunicare utilizzando il servizio di messaggistica breve del satellite anche quando non è disponibile alcun segnale cellulare.

beidou sms huawei mate

Come sanno bene gli appassionati dei prodotti Huawei, la serie Mate è stata quasi sempre la seconda serie di punta di Huawei negli ultimi anni, capace di mettere a disposizione degli utenti varie tecnologie molto avanzate. Ma con le restrizioni statunitensi che impediscono a Huawei di ottenere chip all’avanguardia, unitamente alle inevitabili difficoltà causate dalla pandemia, il produttore con sede a Shenzhen ha dovuto necessariamente rivedere i propri piani. La serie di punta P50 doveva essere rilasciata sul mercato intorno al primo trimestre di quest’anno, ma ha subito ritardi: il P50 Pro è stato lanciato all’inizio di agosto, mentre il P50 dovrebbe essere rilasciato entro questo mese.

Di conseguenza, Mate 50 e Mate 50 Pro verranno lanciati durante la prima metà del 2022. Pertanto ci sono ottime possibilità che la linea Mate 50 consentirà agli utenti di inviare e ricevere messaggi di testo via satellite, ed è un altro segnale di come Huawei stia proseguendo sulla strada dell’innovazione costante malgrado le difficoltà causate dalle restrizioni imposte dalla precedente amministrazione Trump (e finora non modificate dall’attuale presidente Joe Biden).

Anche altri produttori cinesi dovrebbero includere il supporto satellitare entro la fine del 2021

Il leaker di Weibo che ha diffuso la voce sul Mate 50 e sul suo possibile supporto per l’invio di messaggi SMS via satellite fa sapere che anche altri marchi di smartphone cinesi dovrebbero introdurre il supporto alla connettività satellitare entro la fine di quest’anno. Al momento non è dato sapere quali siano questi produttori intenzionati ad equipaggiare i propri telefoni della funzione Beidou SMS, che fa parte del sistema di navigazione del sistema satellitare ed è utilizzata in molti settori diversi, tra cui la prevenzione degli incendi boschivi, il monitoraggio dell’energia e il trasporto.

 


Fonte Phone Arena

Potrebbero interessarti
AndroidNewsTablet

Nokia lancerà il tablet T20 il 6 ottobre (e forse anche uno smartphone)

AndroidNewsSmartphone

Google dovrebbe presentare ufficialmente i Pixel 6 il 19 ottobre

AppleNews

iOS 15, è il grande giorno: Apple svela le ultime novità

AndroidNewsSmartphone

Un bug ha colpito diversi smartphone Samsung: di cosa si tratta?