Le aziende ormai puntano sui talenti italiani: questa è una realtà. Solo poche ore fa vi abbiamo parlato del Talent Lab di Huawei, ma non è solo Huawei a scommettere sulle menti provenienti dal Bel Paese. Anche Apple ha deciso di puntare sugli italiani e lo fa con una sorta di Università 2.0 all’ombra del Vesuvio. Non si tratta di un’opportunità di lavoro, ma di un’opportunità di formazione che aumenterà esponenzialmente le possibilità di trovare lavoro. Dopo il salto vi spieghiamo cosa ha in mente Apple per noi.

lavorare in apple

Lavorare grazie ad Apple: ecco l’offerta di formazione che vi aiuterà a trovare lavoro

Sono molte le scuole che promettono un lavoro, ma in poche quelle che mantengono tale promessa. Tra queste abbiamo, senza dubbio Apple, che ha deciso di investire nella formazione di 600 giovani che potranno lavorare nel primo Centro di Sviluppo italiano dell’azienda della mela morsicata.

Non sarà, quindi, a differenza di quanto aveva lasciato intendere il Premier (oppure a discapito di quelli che lo avevano frainteso a seconda di come la si voglia intendere), un’assunzione di 600 programmatori e sistemisti, ma la possibilità concreta di apprendere tutti i segreti di iOS al termine del tirocinio di 12 mesi che non sarà rivolto solo a laureati.

Al termine del tirocinio si potrà entrare nel servizio più remunerativo per l’azienda di Cupertino, ovvero il settore delle App, che potrebbe offrire un’opportunità di lavorare in proprio al termine della formazione.

Non possiamo escludere che al termine del percorso l’azienda di Cupertino potrebbe decidere di incrementare il numero dei propri dipendenti assumendo i più meritevoli del corso presso la Federico II di Napoli.

Quali sono i tempi per la realizzazione dell’Università 2.0?

Siamo in Italia e azzardare dei tempi è sempre un’opera più da indovini che da giornalisti. Secondo gli ultimi rumor, dovrebbe essere aperta subito dopo l’estate, intorno a settembre prossimo.