iPhone con USB-C, dall'utopia alla realtà: Apple lo farà davvero

iphone USB-C
Seguici su Google News

Fino a qualche tempo l'ipotesi di un iPhone con una porta USB-C appariva talmente remota da non essere presa neppure in considerazione. Nel giro di pochi mesi è cambiato tutto, dato che le ultime indiscrezioni suggeriscono che l'arrivo di un melafonino caratterizzato da questa novità è ormai imminente. Le motivazione sono quelle che conoscono bene i fan di Apple, ovvero la pressione da parte dell'Unione Europea e le limitazioni del connettore Lightning: ecco perché il primo iPhone con una porta USB-C potrebbe essere rilasciato già nel 2023.

Come accennato, tra i motivi che hanno convinto la Mela ad adottare questo nuovo approccio c'è sicuramente quello normativo. Dopo diversi anni di tira e molla, l'Unione Europea ha ufficialmente raggiunto un accordo per uno standard di "porta di ricarica comune". A partire dal 2024, infatti, tutti gli smartphone venduti nei 27 paesi dell'UE dovranno utilizzare la tecnologia USB-C per la ricarica. Anche i prodotti Apple devono sottostare a questa imposizione: non solo l'iPhone, quindi, ma anche accessori come gli AirPods.

Solo poche settimane dopo l'ufficialità della decisione presa dall'Unione Europea anche i legislatori negli Stati Uniti hanno espresso il loro sostegno. "I consumatori non dovrebbero continuare ad acquistare sempre nuovi caricabatterie per dispositivi diversi - ha twittato la senatrice Elizabeth Warren - Possiamo chiarire le cose con standard uniformi, in modo tale da avere meno spese, meno problemi e meno sprechi".

All'inizio di ottobre la legislazione nell'UE è stata formalmente adottata a seguito di una votazione a pieno titolo del Parlamento europeo. La legge è stata approvata a stragrande maggioranza, con 602 voti a favore, 13 contrari e 8 astenuti. Stando a quanto espresso dalla legge, sono previste esenzioni per i prodotti che mettono a disposizione degli utenti una porta USB-C troppo piccola.

iphone con usb-c

La legislazione dovrà poi essere approvata dal Consiglio europeo, quindi pubblicata nella Gazzetta ufficiale dell'UE. Tutti i prodotti messi in vendita prima di questi passaggi saranno esentati dal requisito: tuttavia, come riportato anche da 9to5Mac, pare che gli obblighi entreranno in vigore prima del lancio dell'iPhone 16 nel 2024.

Apple, in un primo momento, non ha digerito l'obbligo di procedere alla realizzazione di un iPhone con USB-C, sostenendo che tali leggi soffocano l'innovazione e in realtà portano a più sprechi ambientali. Tuttavia, l'impressione degli esperti del settore è che la società del CEO Tim Cook stia lavorando a questa soluzione già per gli iPhone 15 (o al massimo per gli iPhone 16).

L'analista Ming-Chi Kuo, nel 2019, aveva anche sostenuto che Apple avrebbe rilasciato un iPhone senza porte: tuttavia, Kuo riteneva questo scenario possibile già nel 2021, ma alla fine non si è concretizzato. È facile capire perché: le tecnologie wireless non sono abbastanza affidabili o sufficientemente potenti da sostituire completamente un connettore come Lightning o USB-C. Le velocità di ricarica non sono così elevate, il trasferimento dei dati è lento e inaffidabile e i consumatori non sembrano molto convinti da questa ipotesi.

Anche il connettore Lightning sta iniziando a mostrare la sua età. Quando venne presentato per la prima volta nel 2012 con l'iPhone 5, Phil Schiller di Apple affermò che sarebbe stato il "connettore moderno per il prossimo decennio". Sono passati esattamente dieci anni da quell'annuncio ed è chiaro che Lightning è in ritardo rispetto all'USB-C in termini di velocità di ricarica e velocità di trasferimento dei dati.

Sempre Ming-Chi Kuo ha previsto a maggio che l'iPhone 15, in arrivo nel 2023, sarà dotato di una porta USB-C per la ricarica e il trasferimento dei dati. Questo report è stato poi confermato anche da Bloomberg. Un iPhone con USB-C renderà sicuramente felici molti consumatori, in particolare quelli che possiedono già un iPad o un Mac che utilizza questa tecnologia di ricarica.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech
Argomenti:

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2023 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram