iPhone 6s (o 7, c’è ancora qualche dubbio sulla denominazione finale) sta per diventare realtà: il colosso dell’informazione Bloomberg conferma che Apple ha dato il via alla produzione del successore di iPhone 6 e iPhone 6 Plus. La novità principale, come vi avevamo raccontato qualche mese fa, sarà l’introduzione della tecnologia Force Touch, attualmente presente su Apple Watch e MacBook: proprio per questo motivo il prossimo melafonino potrebbe essere chiamato iPhone 7.

iPhone 6s: avviata la produzione dell’erede di iPhone 6 e iPhone 6 Plus

iphone 6s entra in produzione
Ecco un ipotetico iPhone 7: troppo futuristico?

La caratteristica principale di Force Touch è quella di poter rilevare la pressione che esercitiamo sul display/trackpad con il dito e mostrare determinate opzioni in base all’intensità del tocco: su Apple Watch questa tecnologia è di vitale importanza per poter navigare tra le varie app e impostazioni. Proprio il primo smartwatch di Apple potrebbe essere stato il campo di prova per questa tecnologia: infatti su MacBook Force Touch è presente unicamente sul trackpad (di conseguenza rappresenta una novità marginale, considerando anche che molti utenti preferiscono utilizzare il buon vecchio mouse) mentre su Apple Watch troviamo l’utilizzo di questa tecnologia su un display (simile a ciò che avverrà su iPhone) ed i buoni risultati ottenuti avrebbero convinto l’azienda di Cupertino a inserirla nel suo prodotto più redditizio.

Sempre per quanto riguarda la produzione, al momento il ritmo non è forsennato: non appena i primi esemplari passeranno tutti i test di qualità ed eventuali problemi saranno risolti, la produzione entrerà a pieno regime, in modo da riuscire ad accontentare i milioni di utenti che acquisteranno questo smartphone.

La criticità, come accade ormai da alcuni anni, è rappresentata dalla produzione dei display: nonostante ciò, Apple è convinta di dover affrontare meno problemi grazie a un design più simile tra la versione normale e quella Plus del dispositivo.

Oltre all’introduzione di Force Touch, il nuovo iPhone dovrebbe essere 0.15 millimetri più lungo e 0.2 millimetri più spesso per far spazio a Force Touch ed eliminare la sporgenza della fotocamera posteriore: altre novità riguardano una nuova colorazione (Rose Gold), fotocamera posteriore da 12 MP, fotocamera frontale migliorata e un aggiornamento complessivo dell’hardware.

Anche il prossimo aggiornamento al sistema operativo mobile di Apple, iOS 9, verrà adeguato all’introduzione di Force Touch: nello specifico verranno rilasciati i tool appositi agli sviluppatori per sfruttare al meglio questa tecnologia nelle loro app e il design complessivo delle applicazioni e dei menù di impostazione risulterà meno “denso di elementi”, visto che molte opzioni compariranno unicamente nel momento della pressione corrispondente (non sappiamo, però, se sarà possibile o meno selezionare quando utilizzare Force Touch e quando no: riteniamo che sarebbe importante, almeno per il primo periodo, avere un approccio graduale a questa nuova tecnologia, in modo da permettere agli utenti di memorizzare tutte le nuove gestures).

Per il momento è tutto: cosa ne pensate del prossimo iPhone? Fatecelo sapere attraverso i commenti e non dimenticatevi di seguirci sui social network!