iPhone 14 in ritardo? Conviene attendere l'iPhone 15: ecco perché

iPhone 15
Seguici su Google News

Sono passati diversi mesi dal lancio dei nuovi iPhone 14 da parte di Apple e il riscontro nella clientela appare decisamente elevato. Tuttavia, a causa di problemi di produzione nelle fabbriche dei fornitori Apple in Cina, le scorte di iPhone 14 Pro e ‌iPhone 14 Pro‌ Max sono praticamente esaurite in ogni negozio. Pertanto, coloro che erano intenzionati a regalare o ricevere un modello di ‌iPhone 14 Pro‌ per Natale dovranno ingoiare un boccone amaro: sembra proprio che prima della fine di dicembre la situazione non si sbloccherà.

Visti i ritardi riguardanti l'iPhone 14 Pro‌ e le ultime voci che fanno riferimento ad alcune funzionalità molto allettanti per i modelli di iPhone 15 di fascia alta, gli esperti del settore stanno cominciando a pensare che forse sarebbe meglio attendere direttamente i nuovi iPhone, arrivati a questo punto.

Parte del motivo per cui ‌iPhone 14 Pro‌ e ‌iPhone 14 Pro‌ Max sono così richiesti quest'anno consiste nel fatto che la società del CEO Tim Cook ha realizzato questi modelli arricchendoli di nuove funzionalità che i modelli standard di iPhone 14 non avevano. Processori più veloci, fotocamere migliori e l'apprezzatissima funzione Dynamic Island rendono ‌l'iPhone 14 Pro‌ molto più attraente rispetto ai modelli ‌iPhone 14‌ standard, che invece appaiono molto simili all'iPhone 13. Come sottolineato anche da MacRumors, la stessa tendenza continuerà anche per ‌l'iPhone 15‌ Pro.

In effetti, l'impressione è che Apple andrà a migliorare ulteriormente le cose dando a ‌iPhone 15‌ Pro Max un set di funzionalità migliore rispetto a ‌iPhone 15‌ Pro, e le voci suggeriscono che la Mela potrebbe persino adottare un nome differente per rimarcare maggiormente il cambiamento (si parla di iPhone 15‌ Ultra, ndr).

iPhone 15

Venendo alle novità principali che vedremo sui prossimi iPhone, non si può non menzionare il passaggio alla tecnologia USB-C e l'addio a Lightning, che dovrebbe riguardare tutti i modelli che Apple lancerà nel settembre 2023. In questo modo gli utenti potranno utilizzare un singolo caricabatterie per Mac, ‌iPhone‌ e iPad.

Come noto, Apple sta apportando questa modifica per conformarsi alla legge dell'Unione Europea che richiede agli smartphone e all'elettronica di utilizzare un caricabatterie comune. Dato che non avrebbe senso per l'azienda californiana creare un iPhone USB-C solo per una regione, la Mela sta lavorando su un cambio radicale e definitivo, in modo tale che i clienti di tutto il mondo ne traggano vantaggio.

Tutti i modelli di ‌iPhone 15‌ riceveranno la tecnologia USB-C, anche se le ultime voci suggeriscono che i modelli di ‌iPhone 15‌ Pro supporteranno trasferimenti di dati a velocità più elevate. Se, ad esempio, Apple integrasse il supporto Thunderbolt 3 nei modelli ‌iPhone 15‌ Pro, le velocità di trasferimento potrebbero raggiungere i 40 Gb/s. Con solo USB 3.2 possiamo invece aspettarci velocità di 20 Gb/s.

Ma non c'è solo la tecnologia USB-C ad aumentare l'interesse per i futuri iPhone. Si parla molto, infatti, anche del nuovo processore A17, che dovrebbe riguardare i modelli iPhone 15 Pro. L'A17 potrebbe essere il primo chip costruito sul nodo a 3 nanometri di nuova generazione di TSMC, che dovrebbe riuscire a garantire prestazioni migliori e un consumo energetico ridotto.

iPhone 15 Apple

Apple sta anche lavorando a uno zoom ottico migliorato, abilitato tramite la tecnologia delle lenti periscopio e probabilmente limitato all'iPhone 15 Ultra. Le lenti periscopio sono costose e occupano spazio, motivo per cui Apple potrebbe utilizzarle come motivazione per convincere le persone a puntare sull'‌iPhone‌ di fascia alta.

Con la tecnologia delle lenti a periscopio, la società del CEO Tim Cook potrebbe offrire uno zoom ottico fino a 10x, rispetto al 3x che troviamo negli attuali modelli di ‌iPhone 14 Pro‌.

Infine, i modelli ‌iPhone 15‌ Pro potrebbero ottenere anche dei Taptic Engine aggiuntivi che faciliterebbero l'utilizzo dei pulsanti a stato solido, la medesima tecnologia che Apple utilizza per il touchpad del MacBook Pro: la sensazione è quella di premere un pulsante, pur non esistendo un meccanismo fisico di pressione.

In queste ultime settimane stanno circolando anche altre voci su ciò che potremmo trovare sui modelli di iPhone 15 Pro, come ad esempio un telaio in titanio più resistente, i bordi posteriori curvi che sostituiscono il design squadrato, un chip modem Qualcomm 5G e l'assenza di un sensore di impronte digitali Touch ID. Per ora si tratta soltanto di indiscrezioni: con il passare dei mesi ne sapremo certamente di più.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech
Argomenti:

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2023 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
Ogni giorno pubblichiamo notizie, guide e recensioni. Non perderti niente, iscriviti alla nostra newsletter!



crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram