News

Il Developer Center Apple torna a funzionare!

apple-developer-center

Dopo una settimana l’Apple Developer Center è tornato online: le cause di questo avvenimento sono ancore ignote ma sono state avanzate diverse ipotesi.

La tesi piàù probabile al momento è quella di un attacco hacker per verificare i sistemi di sicurezza de Developer Center: sembra infatti che Apple abbia chiesto a un esperto informatico turco, specializzato in sicurezza, di trovare le falle presente nei server dell’azienda di Cupertino.

Dopo che l’azienda ha lavorato duramente per sistemare le varie falle di sicurezza, è stato inviato un messaggio a tutti gli sviluppatori nel quale l’azienda informa di aver sistemato il Developer Center e  li ringrazia per la pazienza avuta.

Tra i servizi ripristinati ci sono Certificates, Identifiers & Profiles, Software Download e molto altro: per scoprire lo stato dei vari servizi è consigliato visitare la Status Page di Apple.

Oltre a tutto ciò l’azienda ha comunicato che i programmatori che non hanno potuto rinnovare la loro membership a causa di questo problema riceveranno un estensione extra: in questo modo le loro app rimarranno nell’App Store, evitando problemi tecnici ed economici.

Al momento, non è stato ripristinato ogni servizio: in particolare Member Center, Xcode Automatic Configuration, Video, App Store Resource Center, Program Enrollment and Renewals, Apple Developer Forums e Technical Support non sono ancora disponibili per gli sviluppatori.

Per ulteriori informazioni loggatevi al vostro account nel Developer Center di Apple: come accennatovi nel precedente articolo è previsto il rilascio di iOS 7 Beta 4 tra non molte ore.

Potrebbero interessarti
AppleiPhoneNews

iPhone 14 Pro, Always-On mostrerà i widget nella schermata di blocco

AndroidNewsSmartphone

Galaxy S22 Ultra arriva in una collezione limitata (con il Galaxy Watch 4)

AndroidNewsSmartphone

Chrome OS 103, Chromebook e smartphone Android collaborano meglio

AndroidNewsSmartphone

ISOCELL HP3, Samsung svela il nuovo sensore da 200 MP: tutti i dettagli