La tecnologia a servizio del bene comune, in questo caso del servizio sanitario. Gli smartphone Lumia, anche se non è la prima volta che accade, da poco sono “di turno” nell’ospedale norvegese Hospital Ostfold Kalnes, nella località di Sarpsborg. Perché pensare di utilizzare dei Lumia all’interno di un ospedale? La tecnologia aiuta nella vita di tutti i giorni, ma può riuscire anche a rendere più efficiente una struttura ospedaliera.

Per questo motivo ben 1.500 smartphone Lumia sono oggi in dotazione dell’ospedale norvegese, che li utilizzerà per vari scopi. Tra l’altro, perfino i colori fluo dei Lumia avranno un loro perché. Se in questo contesto i colori potrebbero apparire inutili (ma in un ospedale i colori portano sempre un po’ di allegria) in questo caso saranno necessari per identificare un determinato reparto. Per fare qualche esempio, il Lumia verde potrà essere abbinato al pronto soccorso, quello blu a cardiologia, quello arancione a neonatologia e così via. Quindi, ogni colore sarà abbinato ad un settore dell’ospedale e di conseguenza al personale, tra medici, infermieri e responsabili, che potranno utilizzare quel particolare colore di smartphone.

lumia in ospedaleTutte le funzioni del Lumia

Tra le altre funzioni degli smartphone ci sono la possibilità di avvisare i dipendenti in moltissimi casi, come per il malfunzionamento di macchinari o la mancanza e la successiva fornitura di medicinali o attrezzature nel magazzino, infine anche per raccogliere e non perdere tutte le segnalazioni giunte dai pazienti ricoverati.

Capaci di integrarsi con le infrastrutture informatiche già presenti in ospedale e dotati di software specifici, i Lumia cercheranno insomma di migliorare da un lato la degenza dei pazienti e dall’altro di velocizzare e razionalizzare il lavoro di tutta l’equipe ospedaliera.

Gli smartphone Lumia quindi vengono utilizzati non solo per gioco o per divertimento, ma anche per il lavoro non di una singola persona ma di una struttura intera. Un modo per rendere la tecnologia sempre più vicina ai bisogni specifici delle persone, anche in situazioni non certo gradevoli come il ricovero in ospedale, oppure per snellire il lavoro di chi ogni giorno controlla che i reparti funzionino al meglio.