Windows 10 è largamente il sistema operativo più utilizzato al mondo. Nonostante ciò, la creatura di Microsoft è tutt’altro che perfetta. Per comodità o per abitudine, la maggior parte di utenti non si sogna nemmeno di cambiare piattaforma virando su Linux o su dispositivi MacOS ma, nonostante ciò, esistono innegabili difetti che accompagnano l’ultima versione di Windows.

windows 10 october 2018

I grandi difetti di Windows 10

In questo articolo abbiamo raccolto 7 tra i difetti più evidenti e fastidiosi di Windows 10. Nonostante gli sviluppatori al momento non abbiano ancora messo una pezza a molte di queste “particolarità”, non è detto che, nel prossimo aggiornamento, la situazione possa cambiare e quindi questa lista si possa ridurre sensibilmente.

Gli updates automatici obbligatori

sicurezza online - update

Forse il problema più ovvio con Windows 10 è il processo di aggiornamento automatico (e conseguente riavvio automatico). A nessuno piace essere obbligato a fare un aggiornamento, ma Windows sembra avere sempre fretta di interrompere il nostro lavoro con un riavvio e, spesso, con un aggiornamento piuttosto noioso. Nella versione Home, la più comune, non esistono funzioni per ridurre l’insistenza degli  aggiornamenti e questa cosa irrita davvero molti utenti.

Microsoft afferma che questa insistenza rende Windows 10 più sicuro, e ciò può essere anche vero per certi versi. Il mancato aggiornamento del software del computer è quasi sempre un rischio per la sicurezza, in quanto gli updates portano spesso migliorie proprio per quanto riguarda il contrasto di virus e simili. Il problema è concreto quando uno lavora sul proprio computer ed è costretto a salvare e riavviare in tutta fretta perché Windows 10 ha deciso di aggiornarsi a tutti i costi.

Bloatware e app sponsorizzate

Quella dei bloatware non è certo una piaga esclusivamente targata Windows. In tale consesto, Android ha forse il triste primato. In Windows 10, Microsoft installa in maniera forzata giochini di scarso valore sul tuo computer. La rimozione di queste app, seppur possibile, è solo una soluzione temporanea. Questo perché con gli aggiornamenti frequenti (vedi sopra) Microsoft trova la scusa adatta per reinstallare questo software indesiderato.

Se queste forzature possono essere comprensibili in alcuni ambiti dove il software offerto è gratuito, tutto ciò è a dir poco irritante visto che Windows 10 è a pagamento.

Migliori smartphone per la sicurezza

Privacy e dintorni

Non c’è niente da fare: Windows 10 cerca, per quanto possibile, di spiarti. Per rendere il tutto molto meno traumatico, Microsoft si “limita” a catturare tutti i metadati: cosa hai fatto con esso, per quanto tempo e così via (teoricamente) senza poi abbinare queste informazioni alla tua persona.

Ciò produce un’immagine completa della tua attività online, per quello che viene chiamato in gergo telemetria. Microsoft afferma che ciò dovrebbe avere qualche utilità nel supportare l’utente e rintracciare i bug. Siamo sicuri che questo possa aiutare noi comuni utenti in qualche modo… ma perché non può essere disabilitato?

Microsoft ammette che non esiste un modo vero e proprio per disattivare completamente la telemetria. Devi o sborsare i soldi extra per la licenza Enterprise o ricorrere agli hack del registro (rischiando di combinare dei danni al sistema operativo).

Il Registro di Sistema

Hai mai dato un’occhiata al Registro di Sistema? Richiamabile tramite il famoso comando regedit, questa funzione ha il merito di mostrarti quanto può essere intricato e incomprensibile il registro di Windows. Ogni applicazione installata amplifica il registro, aggiungendo voci che il sistema di disinstallazione non rimuove in modo affidabile, causando bug imprevedibili mano a mano che si installano e disinstallano programmi.

Nonostante esistano metodi di disinstallazione avanzati o app che svolgono tale funzione, questa confusione che si va a creare comporta irrimediabilmente a dei format sul lungo periodo.

Ricerca menu Start non sempre funzionale

aggiornamenti Windows 10

La ricerca di un’app nel menu Start è forse la funzione meno affidabile di Windows 10. Prova a cercare un’app ora, persino un’app presente di default nel sistema operativo, e talvolta potresti avere problemi a individuarla.

Ad esempio, l’app Calcolatrice a volte ha difficoltà a venire mostrata: digitare semplicemente “cal” in molti casi non porta risultati, mentre solo con “calc” da sempre e comunque risultati. Non è un problema enorme, anche se da un OS avanzato come Windows 10 ci si poteva aspettare qualcosa di meglio in tal senso. Sempre il menu Start è vittima di altri problemi piuttosto pesanti, come abbiamo già visto in questo articolo.

La cartella $USER è una discarica

La cartella $USER è sempre stata un disastro orribile e impossibile da gestire. Questa, viene spesso considerata alla stregua di una discarica pubblica, consentendo a tutte le app di piazzare il proprio installer permanente all’interno di quest’ultima.

Le app Universal Windows Platform (UWP) da Windows Store non presentano questo problema. In effetti, uno degli obiettivi dichiarati da UWP era risolvere il problema degli installer selvaggi. Uno sguardo casuale a Windows Store rivela che UWP non ha però portato gli sviluppatori dalla sua parte e quindi, ad oggi, risulta ben poco utile alla causa.

Disinstallare le applicazioni Win32 e .NET è tanto pessimo quanto installarle. Potresti scoprire che un’app non correlata dipende dai file installati da un’app completamente diversa. In realtà, il sistema operativo non aiuta in nessun modo rispetto a queste problematiche. L’unica soluzione è disinstallare entrambi i software e reinstallare quello che si desidera mantenere.

Dissonanza dell’interfaccia utente

L’interfaccia utente di Windows 10 è un miscuglio di precedenti versioni del design dei sistemi operativi Microsoft. In una singola schermata è possibile vedere elementi di interfaccia che ricordano Windows XP e altri assolutamente inediti. Molteplici app di sistema più profonde, rimangono assolutamente inalterate da decenni.

Perché tutto ciò? Perché Windows lascia le parti raramente esplorate ma funzionali del sistema operativo intatte per anni. Di conseguenza, Windows 10 si basa ancora pesantemente sull’interfaccia del Pannello di controllo di Windows 7. Non c’è stata alcuna spinta per correggere questo caos di un’interfaccia. Anche gli elementi aggiornati di recente, come i menu contestuali, appaiono radicalmente diversi a seconda della app a cui si riferiscono.

Windows 10: miglioramenti in vista?

Come tutte le società, a Microsoft interessa una sola cosa: fare soldi. Se il loro prossimo sistema operativo venderà di meno, inizieranno a fare cambiamenti. Ma quando si tratta di uno standard consolidato come Windows, è difficile che un colosso come Microsoft si senta minacciato (non avendo, di fatto, una vera e propria concorrenza). Nonostante ciò vi è la speranza che, per una questione di correttezza e di coscienza, gli sviluppatori mettano mano ai prossimi aggiornamenti per ovviare alla maggior parte di questi problemi.

LEAVE A REPLY

Lascia un commento
Inserisci il tuo nome