Huawei lancia HarmonyOS: lo vedremo su 100 prodotti entro il 2021

huawei smartphone
Seguici su Google News

Lo scorso novembre, quando fu accertata la vittoria di Joe Biden alle elezioni presidenziali statunitensi, in molti hanno cominciato a sperare che l'addio di Trump e l'avvicendamento alla Casa Bianca tra repubblicani e democratici potesse servire ad una maggiore distensione nei rapporti commerciali tra USA e Cina e di conseguenza anche ad un allentamento del "ban" nei confronti delle aziende cinesi, Huawei su tutte.

huawei smartphone

In realtà, almeno fino ad oggi, dal presidente Biden non è arrivato alcun segnale in tal senso, pertanto Huawei si è rimboccata le maniche e si è organizzata diversamente. Come? Principalmente lavorando in maniera ancora più intensa al suo nuovo sistema operativo, HarmonyOS, che è ormai pronto per la diffusione.

HarmonyOS arriverà su Mate 40, P40, Mate 30, P30 e versioni precedenti

Nella giornata di mercoledì 2 giugno, la società sudcoreana ha annunciato l'intenzione di aggiornare circa 100 dispositivi (non solo smartphone) a HarmonyOS dal loro sistema operativo esistente (Android, ndr) entro l'anno. L'obiettivo finale è che ci siano oltre 100 milioni di utenti HarmonyOS attivi.

Alcuni prodotti ufficializzati di recente dal gigante di Shenzhen, come ad esempio i telefoni della serie Huawei P40 - ma anche la serie Mate 40, la serie Mate 30 e alcuni tablet MatePad Pro - dovrebbero ricevere i loro aggiornamenti a HarmonyOS già entro questo mese.

Entro l'estate HarmonyOS sarà invece a disposizione dei possessori del pieghevole Huawei Mate XS. Stesso discorso per i Mate 20 e per vari telefoni Nova, che avranno accesso al software, così come i dispositivi MatePad.

L'ultimo trimestre del 2021 vedrà lo "sbarco" di HarmonyOS sui telefoni della serie Huawei P30, così come sul Mate 20 X e sull'originale Mate X pieghevole. Per i possessori di dispositivi Huawei Mate 9 e P10 l'aggiornamento a HarmonyOS arriverà nel 2022.

Al momento, questo nuovo aggiornamento sarà disponibile solo per i clienti in Cina, pertanto i possessori europei (italiani compresi) di telefoni Huawei non possono fare altro che incrociare le dita e sperare in un'estensione da parte del colosso asiatico. Tuttavia, l'impressione degli esperti del settore è che Huawei sia molto più orientata a mantenere il maggior numero di clienti in Cina, dove Google non è utilizzato.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech
Argomenti:

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2021 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram