Le indiscrezioni trapelate sul web parlano chiaro: la nota azienda cinese sarebbe al lavoro per realizzare un proprio assistente digitale vocale…

Huawei assistente vocaleE’ ufficiale: Huawei sta lavorando per offrire ai suoi utenti un assistente digitale vocale. Dopo Siri per Apple, Assistente per Google, Alexa per AmazonCortana per Microsoft e Bixby per Samsung, anche Huawei avrà il suo assistente vocale. Stando alle prime indiscrezioni che Bloomberg ha fatto trapelare sul web, l’assistente di Huawei verrà  sviluppato specificamente per la Cina.

L’assistente digitale vocale di Huawei: un progetto di ampio respiro

I rumors che si rincorrono su internet sono molto precisi: a quanto pare il colosso cinese sarebbe al lavoro su questo nuovo progetto da almeno un mese. The Verge fa sapere che già durante il CES a Las Vegas, Richard Yu (capo della divisione mobile di Huawei) aveva lasciato intendere – nel corso di un briefing – che l’azienda cinese stesse progettando un assistente digitale vocale per gli utenti cinesi.
Allo sviluppo di questo progetto – secondo Bloomberg – starebbe lavorando un team composto da 100 ingegneri presso la sede principale dell’azienda a Shenzhen. 
E’ vero che l’assistente digitale vocale di Huawei sarà sviluppato soltanto per i consumatori cinesi ma è plausibile che sugli smartphone Huawei venduti nel resto del mondo potrebbe essere implementata una tecnologia di intelligenza artificiale sviluppata da altre note aziende come, ad esempio, Alexa di Amazon il cui assistente digitale è già  presente sul Mate 9.
E l’intenzione di Huawei è molto chiara e trapela, del resto, dalle dichiarazioni rilasciate dai vertici dell’azienda. Huawei non avrebbe alcuna intenzione di competere con Alexa e Google Assistant di Amazon e di Google. La nota azienda cinese, infatti, vuole sviluppare un assistente digitale vocale non per entrare in concorrenza con le altre aziende ma per sviluppare una propria tecnologia da utilizzare sui propri smartphone senza utilizzare tecnologie acquistate da terzi soggetti.
E l’intento è chiaro: secondo Techcrunch, infatti, Huawei sta “apparentemente lavorando per differenziarsi ancora di più dalla concorrenza con lo sviluppo di una tecnologia proprietaria”.
Staremo a vedere…