MediaTek ha chiaramente un obiettivo, ovvero quello di rendere i telefoni di fascia media un pò più potenti. La società ha annunciato al Mobile World Congress 2018 il nuovo processore: si tratta dell’Helio P60, che ha lo scopo di offrire molte delle caratteristiche che ci si aspetterebbe da un processore di punta, ma in un ‘range’ più economico destinato specificamente ai dispositivi di fascia media.

Mediatek, il nuovo processore Helio P60 avrà otto core

helio p60 mediatek

Forse la cosa più interessante è che l’Helio P60 è uno dei primi chipset di fascia media a presentare una cosiddetta architettura “big.LITTLE”. In altre parole, siamo di fronte a otto core: quattro core ARM A73 (più potenti) e quattro core ARM A53. Ciò significa che i core più potenti possono gestire attività più intense, lasciando alcune cose ai core meno potenti, come ad esempio le varie attività in background. Una struttura che alla fine si tradurrà in un processore molto più efficiente.

MediaTek, infatti, sostiene che l’Helio P60 offre un 70% di CPU e GPU di prestazioni in più rispetto ai suoi predecessori, Helio P23 ed Helio P30. Il processore è anche più efficiente dal punto di vista energetico e MediaTek afferma che offrirà fino al 25% di risparmio energetico per alcune applicazioni ad alta intensità di energia e un risparmio energetico del 12% nel complesso.

Il chipset vanta anche altre funzionalità “high-end”, come NeuroPilot MediaTek e CorePilot 4.0. NeuroPilot è essenzialmente finalizzato ad abilitare alcune funzioni di intelligenza artificiale come il riconoscimento facciale, il riconoscimento di oggetti e così via. È inoltre compatibile con la rete Android di Google e supporta TensorFlow.

Il processore Helio P60 dovrebbe far parte degli smartphone Mediatek a partire dal secondo trimestre di quest’anno.