Google Tensor meglio dell'A15 Bionic di Apple? Non nel Machine Learning

google tensor A15 bionic
Seguici su Google News

Durante la presentazione dei nuovi telefoni Pixel 6 e Pixel 6 Pro, avvenuta lo scorso mese, Google ha illustrato nel dettaglio Tensor, il nuovo chip proprietario che alimenta entrambi gli smartphone. Tuttavia, a differenza di quanto rivelato da Apple con l'A15 Bionic (che può contare su 15 miliardi di transistor, ndr), BigG non ha fatto alcun riferimento al numero di transistor del Tensor, soffermandosi invece sulle capacità del componente con il Machine Learning.

google tensor A15 bionic

A differenza dei chip Snapdragon utilizzati sui precedenti modelli Pixel, Google ha progettato il SoC per fare in modo che potesse funzionare specificamente con la fotografia computazionale e altre funzionalità incluse nella nuova serie di telefoni.

A15 Bionic di Apple ha battuto il Google Tensor in un test di benchmark

Magic Eraser, Motion Mode, Face Unblur sono alcuni esempi di fotografia computazionale guidata dal Tensor. Inoltre, il chip permette ai nuovi telefoni Pixel di garantire alcune funzionalità ambientali, come i display sempre attivi della serie Pixel 6 e la funzione Now Playing che consente all'utente di riconoscere la canzone (e l'artista) in sottofondo.

Il chip Tensor consente inoltre ai nuovi Pixel di fornire il riconoscimento vocale automatico (ASR) più accurato mai creato da Google, senza che questo comporti un eccessivo consumo della batteria.

In base a tutto ciò, era facile presupporre che Google Tensor fosse in grado di superare le prestazioni dell'A15 Bionic in un test di benchmark: non è andata affatto così. Nel test Geekbench basato sul Machine Learning, infatti, il Tensor è stato battuto dall'A15 Bionic di Apple. Lo sviluppatore del test di benchmark, Primate Labs, afferma che si tratta di un test multipiattaforma progettato per "aiutare l'utente a capire se il proprio dispositivo è pronto per eseguire le ultime applicazioni di apprendimento automatico".

Nel test della CPU Geekbench ML TensorFlow Lite, l'Apple A15 ha ottenuto 939 punti rispetto ai soli 307 del Google Tensor. Il test della GPU non è risultato altrettanto sbilanciato, ma l'ultimo chipset di Apple si è dimostrato comunque superiore, con 2727 punti (Core ML) contro i soli 1720 (NNAPI) del Google Tensor.

Nel complesso, l'A15 Bionic ha ottenuto un punteggio di 5.934 nel test Geekbenck ML rispetto ai 3.455 assegnati al chip proprietario del gigante di Mountain View. Pertanto, pur osservando come entrambi i chipset siano in grado di gestire le attività di apprendimento automatico, l'A15 Bionic è il 71% più veloce del Tensor di Google.

Ma allora è meglio l'iPhone 13 Pro Max del Pixel 6 Pro? No, dato che la scelta di un telefono rispetto ad un altro non può basarsi solo su un aspetto. Il Pixel 6 Pro può comunque contare su importanti funzionalità come la correzione automatica degli errori grammaticali in tempo reale, il Live Translate e altro ancora.

Seguici su Telegram per ricevere le migliori offerte tech
Argomenti:

Chi siamo?

OutOfBit è un progetto nato nel Maggio 2013 da un’idea di Vittorio Tiso e Khaled Hechmi. Il progetto nasce per creare un sito di blogging che sappia differenziarsi ed appagare il lettore al fine di renderlo parte fondamentale del blog stesso.
Entra nello staff
COPYRIGHT © 2021 OUTOFBIT P.IVA 04140830243, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.
crossmenu linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram