Come un orologio svizzero, all’inizio di questo mese Google ha rilasciato l’aggiornamento di sicurezza Android di novembre per i suoi dispositivi Pixel e Nexus. Tuttavia, questa volta, la società non ha implementato la patch per gli utenti originali di Google Pixel e Google Pixel XL.

google pixel

La settimana scorsa, il gigante di Mountain View ha confermato che l’aggiornamento di novembre con le patch di sicurezza si trovava in fase di test finale per Pixel e Pixel XL, e sarebbe stato implementato solo una volta sicuri che tutti i problemi emersi su questi telefoni sarebbero stati ufficialmente risolti. Dato che Google ha finalmente distribuito l’aggiornamento per la protezione della serie Pixel originale e ha pubblicato anche immagini di fabbrica e OTA per il download, possiamo presupporre che il colosso californiano abbia finalmente trovato delle soluzioni adeguate ai vari bug.

Il nuovo aggiornamento per la sicurezza di novembre introduce una serie di correzioni relative alle notifiche e alla modalità picture-in-picture di Pixel. La dimensione dell’aggiornamento, come per uno screenshot condiviso da un utente di Google Plus, Henry Roggy, è di 47.1 MB. Come sempre, il consiglio per gli utenti è quello di scaricare l’aggiornamento utilizzando una buona connessione Wi-Fi e una batteria sufficientemente carica.

Ma come fare per scaricare l’aggiornamento Android di novembre con le patch di sicurezza? L’utente può facilmente verificare la disponibilità dell’update sul proprio dispositivo Nexus o Pixel selezionando Impostazioni e in seguito Aggiornamenti del sistema. In alternativa, è possibile installare le immagini di fabbrica per aggiornare i dispositivi con l’ultimo aggiornamento. Tuttavia, va evidenziato che quest’ultima operazione provvede ad eliminare tutti i dati sullo smartphone: pertanto, è strettamente necessario eseguire prima il backup dei dati.

Inoltre, è possibile scaricare i file OTA che consentono di installare l’aggiornamento sul dispositivo tramite il bootloader sbloccato. I file OTA possono essere trasferiti sul software esistente. Inoltre, i dispositivi devono eseguire l’ultima versione di Android Oreo per ricevere l’ultimo aggiornamento per la sicurezza.