cosa aspettarsi dal google io 2015

Il Google I/O 2015 inizierà ufficialmente alle 18:30 ora italiana: l’attesa per questo evento è altissima, visto che dovrebbe essere presentata,come vi abbiamo raccontato alcune ore fa, in primis la nuova versione di Android, Android M.

Noi di OutOfBit seguiremo, come nostra abitudine, l’evento in diretta scritta con voi: inizieremo il live un’ora prima, intorno alle 17:30, in modo da poter interagire con voi e aggiornarvi sulle novità dell’ultimo minuto.

Non appena Google rilascerà il link per la diretta video lo inseriremo immediatamente in questo post, in modo da potervi permettere di guardare in diretta i nuovi prodotti.

Oltre ad Android M, dovrebbero esserci annunci per quanto riguarda Android Wear, Project Ara, Chrome OS, Android Auto e ChromeCast : tanti i temi che verranno affrontati durante questo evento, sintomo che Google vuole lanciare un forte segnale ai propri avversari.

Cosa vi attendete da questo evento? Qual’è l’annuncio che aspettate maggiormente? Fatecelo sapere attraverso i commenti!

  • Manca poco meno di un’ora all’inizio del Google I/O 2015: siete pronti?

  • Come vi abbiamo raccontato questa mattina, tra le novità più attese c’è senz’altro Android M: riuscirà questo aggiornamento a dare un nuovo impulso al sistema operativo di Google?

  • Al momento non è ancora disponibile il link relativo allo streaming video: non appena uscirà lo incorporeremo in questo post!

  • Manca mezz’ora all’inizio dell’evento! Abbiamo incorporato il link allo streaming video: in questo modo potrete vedere in diretta cosa verrà presentato!

  • Andrò un po’ contro corrente ma più che ad Android M sono interessato ad eventuali annunci per quanto riguarda Project Ara: sarebbe davvero in grado di scombussolare il mercato degli smartphone!

  • Ecco lo scatto condiviso da Sundar Pichai, responsabile dei progetti Android, Chrome e Google, su G+: tra pochi minuti lo vedremo sicuramente sul palco visto che il suo team presenterà moltissime novità!

  • Come potrete vedere, una serie di animazioni si susseguono negli schermi che avvolgono la sala conferenze!

  • Sono le 18:33 ma ancora non è iniziato l’evento: crediamo che nel giro di pochi minuti dovrebbe iniziare il tutto.

  • Inizia finalmente!

  • Arriva sul palco Sundar Pichai!

  • 600 milioni hanno provato per la prima volta uno smartphone l’anno scorso

  • 1 Miliardo di persone utilizzano i maggiori servizi di Google: Search, Youtube, Android e Gmail

  • Si parla di Android Wear e Android Auto, presentati l’anno scorso al Google I/O: entrambi questi due prodotti sono stati apprezzati e sono in crescita (35 case hanno scelto di adottare Android Auto)

  • Android TV inizia a muovere i primi passi negli US, 17 milioni di Chromecast vendute con ben 20 mila app nello store

  • Android M è realtà : risolti migliaia di bug, ora inizia la vera preview

  • Migliorati notevolmente i permessi delle app: le richieste sono semplificate e i messaggi verranno mostrati solamente quando verrà utilizzata una particolare funzionalità (ad esempio il microfono).

  • Sarà possibile anche modificare i permessi già concessi alle app.

  • Web experience è il secondo punto chiave di Android M: con Chrome Custom Tabs si potrà visitare un link direttamente dall’app che si sta utilizzando, senza passare dal browser
    Login, password memorizzate, autofill e misure di sicurezza sono degli ottimi motivi per incorporare Chrome Custom Tabs nella propria app

  • Terzo punto è il collegamento tra le app: in questo modo, quando clickerete su un link Facebook verrà aperta automaticamente l’app, senza schermata in cui vengono proposte le varie opzioni

  • Android Pay è la quarta novità di Android M: garantito il supporto a numerosi istituti bancari e finanziari oltre a moltissime altre aziende

  • Introdotto il supporto nativo alle impronte digitali, come vi avevamo raccontato alcuni giorni fa.

  • La lettura delle impronte digitali potrà essere gestita anche da molte altre app, grazie alle nuove API

  • Ultimo punto chiave sarà la potenza e la ricarica del dispositivo: Doze sarà in grado di rilevare, grazie ai sensori di movimento, se il dispositivo è utilizzato o meno e di conseguenza calibrare l’energia richiesta. Standby migliorato del 200% rispetto a Lollipop 5.1

  • Introdotto USB type c, per migliorare i tempi di ricarica ed evitare di sprecare il proprio tempo a indovinare il corretto lato

  • Migliorata la selezione del testo, introdotto lo share diretto, semplificato il controllo del volume

  • Nexus 5-6 e Player avranno da oggi la developer preview di Android M

  • Brillo e Weawe rappresentano l’entrata ufficiale di Google nell’IoT

  • Nel caso ve lo foste persi, leggete il nostro articolo relativo alle novità introdotte da Android M andando nella nostra home!

  • Migliorato Chrome, in modo da facilitare la connessione in caso di scarsa connettività

  • Maps introduce (finalmente) le mappe offline!

  • Saranno anche presenti le indicazioni vocali turn by turn offline!

  • Miglioramenti in Android Studio, il tool di sviluppo per le app Android.
    Introdotto il supporto per C e C++

  • Nuove librerie introdotte in Xcode, il programma di sviluppo per app iOS

  • Cloud Test Lab permetterà di testare la propria app su moltissimi dispositivi, ricevendo un rilevante report riguardante il test

  • Introdotta la possibilità di publicizzare la propria app Android all’interno dei servizi Google!

  • Migliorate notevolmente le statistiche relative ad acquisti in-app

  • Possibile testare varie versioni di descrizione ed icone e poter scegliere la migliore combinazione

  • Android Nanodegree disponibile su Udacity! In 6 mesi potrete imparare come creare un applicazione completa al costo di 200 dollari al mese: io ho provato varie volte i corsi di Udacity e se volete imparare davvero come sviluppare applicazioni vi consiglio di iscrivervi immediatamente

  • L’evento è terminato: nelle prossime ore e nei prossimi giorni vi forniremo tutti i dettagli in merito ai vari prodotti presentati. Nell’attesa sono già online i report relativi ad Android M e Android Wear!

  • Pingback: Android M Developer Preview: tutte le novità -| OutOfBit()